Vico Equense il cortile del palazzetto dello sport diventa discarica

0

Vico Equense. Il cortile del palazzetto dello sport si trasforma in discarica a cielo aperto. Ogni giorno, per accedere al centro sportivo comunale, centinaia di bambini sono costretti ad attraversare un’area piena di calcinacci, detriti, pali in ferro, tubature, cavi elettrici, transenne, basolati, residui di potature, terreno, bidoni, pietre. Una situazione che va avanti da due anni. La scorsa primavera, a seguito degli articoli pubblicati su «Il Mattino» e della denuncia del Wwf, il materiale è stato rimosso ma a settembre le attività di cantiere e deposito sono ricominciate. I residenti non ne possono più. «E’ una vergogna che va avanti da due anni. Oltre al danno alla salute, è una situazione pericolosa per chi frequenta il palazzetto poiché l’area di questo pseudo-cantiere non è transennata e i bambini camminano accanto a mezzi meccanici in azione» spiega Toni Esposito, residente della zona. Ilenia De Rosa , Il Mattino 

Vico Equense. Il cortile del palazzetto dello sport si trasforma in discarica a cielo aperto. Ogni giorno, per accedere al centro sportivo comunale, centinaia di bambini sono costretti ad attraversare un’area piena di calcinacci, detriti, pali in ferro, tubature, cavi elettrici, transenne, basolati, residui di potature, terreno, bidoni, pietre. Una situazione che va avanti da due anni. La scorsa primavera, a seguito degli articoli pubblicati su «Il Mattino» e della denuncia del Wwf, il materiale è stato rimosso ma a settembre le attività di cantiere e deposito sono ricominciate. I residenti non ne possono più. «E’ una vergogna che va avanti da due anni. Oltre al danno alla salute, è una situazione pericolosa per chi frequenta il palazzetto poiché l’area di questo pseudo-cantiere non è transennata e i bambini camminano accanto a mezzi meccanici in azione» spiega Toni Esposito, residente della zona. Ilenia De Rosa , Il Mattino