Maratona poetica di Mario Volpe fra Pomigliano d’Arco, Caserta e Salerno

0

Venerdì 17 Aprile si è conclusa la maratona poetica organizzata da Annamaria Pianese, con la presentazione del libro “I fiori dell’anima” del poeta e scrittore pomiglianese Mario Volpe, presso la Libreria Feltrinelli di Salerno. L’evento è stato preceduto dal reading poetico alla Feltrinelli di Pomigliano d’Arco e successivamente dalla presentazione della silloge “Intrecci” (di Mario Volpe e Deborah Daniele) presso la Feltrinelli di Caserta.

L’autore Mario Volpe, in qualità di portavoce AIDO e fedele al suo impegno di divulgazione in merito alla cultura sulla donazione degli organi, non solo ha raccontato la sua vicenda personale ma ha dato ragione della sua poetica ad un’ampia e raffinata platea intervenuta per assistere alla presentazione. Apprezza è stata la relazione della docente di humanae litterae la professoressa Vittoria Caso nella quale, abilmente, ha intrecciato un congruo riferimento alla poetica pascoliana con i versi liberi della raccolta di Mario; particolare attenzione ha suscitato il brillante intervento dell’assessore alla cultura del Comune di Pomigliano d’Arco il dott.Robero Nicorelli, autore della prefazione al libro.

L’evento è stato particolarmente apprezzato dalla pianista e professoressa Annamaria Maio, dal docente universitario di lettere e filosofia il professor Formica, dal professore di lettere classiche il professor Maio, dal docente di chitarra classica e storia della musica del Conservatorio di Matera il professor Giorgio Gallotta, dal noto musicista Salernitano Gerardo Oliva e dall’architetto Vincenza De Vita vicepresidente provinciale aido che ha illustrato, con chiarezza, la missione dell’associazione donatori cellule organi e tessuti.

La presentazione si è conclusa con la declamazione, da parte dell’autore, del componimento “Donna” a cui hanno fatto seguito i complimenti del pubblico ed il particolare apprezzamento della docente Raffilina Abate mamma della nota giornalista Rai Vittoriana Abate.

L’altissimo valore culturale dell’evento ha sollecitato l’interesse delle più prestigiose associazioni letterarie del terriorio, che si sono ripromesse di voler ospitare il nostro autore ai prossimi incontri organizzati nell’ambito della suggestiva cornice della città di Salerno.Venerdì 17 Aprile si è conclusa la maratona poetica organizzata da Annamaria Pianese, con la presentazione del libro “I fiori dell’anima” del poeta e scrittore pomiglianese Mario Volpe, presso la Libreria Feltrinelli di Salerno. L’evento è stato preceduto dal reading poetico alla Feltrinelli di Pomigliano d’Arco e successivamente dalla presentazione della silloge “Intrecci” (di Mario Volpe e Deborah Daniele) presso la Feltrinelli di Caserta.

L’autore Mario Volpe, in qualità di portavoce AIDO e fedele al suo impegno di divulgazione in merito alla cultura sulla donazione degli organi, non solo ha raccontato la sua vicenda personale ma ha dato ragione della sua poetica ad un’ampia e raffinata platea intervenuta per assistere alla presentazione. Apprezza è stata la relazione della docente di humanae litterae la professoressa Vittoria Caso nella quale, abilmente, ha intrecciato un congruo riferimento alla poetica pascoliana con i versi liberi della raccolta di Mario; particolare attenzione ha suscitato il brillante intervento dell’assessore alla cultura del Comune di Pomigliano d’Arco il dott.Robero Nicorelli, autore della prefazione al libro.

L’evento è stato particolarmente apprezzato dalla pianista e professoressa Annamaria Maio, dal docente universitario di lettere e filosofia il professor Formica, dal professore di lettere classiche il professor Maio, dal docente di chitarra classica e storia della musica del Conservatorio di Matera il professor Giorgio Gallotta, dal noto musicista Salernitano Gerardo Oliva e dall’architetto Vincenza De Vita vicepresidente provinciale aido che ha illustrato, con chiarezza, la missione dell’associazione donatori cellule organi e tessuti.

La presentazione si è conclusa con la declamazione, da parte dell’autore, del componimento “Donna” a cui hanno fatto seguito i complimenti del pubblico ed il particolare apprezzamento della docente Raffilina Abate mamma della nota giornalista Rai Vittoriana Abate.

L’altissimo valore culturale dell’evento ha sollecitato l’interesse delle più prestigiose associazioni letterarie del terriorio, che si sono ripromesse di voler ospitare il nostro autore ai prossimi incontri organizzati nell’ambito della suggestiva cornice della città di Salerno.