Il Cortometraggio #ècosenient invade la città di Cava. Corto ispirato a Peppino Girella

0

La città di Cava De Tirreni ieri si è svegliata con oltre 200 manifesti, piccoli e grandi, affissi in città per denunciare tutti i cantieri aperti, che oramai non hanno data di fine, le scuole pubbliche superiori e inferiori fatiscenti ed altri casi di degrado della città. I manifesti, affissi nella notte tra giovedì e venerdì, riportavano tutti la stessa dicitura #ècosenient, un messaggio alquanto strano ed incomprensibile per molti. Fortunatamente l’arcano si è potuto svelare alle 14:30 quando, sui maggiori social Network come Facebook e Twitter, sulla pagina di Carmine Benincasa, è apparso un cortometraggio dallo stesso titolo. Il cortometraggio in questione, dalla breve di durata di solo 1:34, rappresenta 2 giovani che fanno zapping col telecomando. Uno dei due, imbattendosi nei telegiornali, repentinamente cambiava esalando “è cos e nient” (è cosa da nulla), fino a fermarsi su un noto talk show italiano. Il ragazzo seduto a lui, dopo aver sentito più volte ripetersi “è cos e nient” intavola una discussione nel quale fa presente che i problemi che attanagliano l’Italia non sono cose da niente ma che ripetendolo sempre si sta rischiando di diventare anche noi cose da niente. Il cortometraggio, ispirato da un opera di Eduardo De Filippo, Peppino Girella”, IV puntata, è stato poi riscritto, girato, montato e tagliato da Manuel Fiore, Giulio Accarino e Francesco Cafaro.

VIDEO:
https://www.facebook.com/benincasacarmine/videos/864348603632624/?pnref=storyLa città di Cava De Tirreni ieri si è svegliata con oltre 200 manifesti, piccoli e grandi, affissi in città per denunciare tutti i cantieri aperti, che oramai non hanno data di fine, le scuole pubbliche superiori e inferiori fatiscenti ed altri casi di degrado della città. I manifesti, affissi nella notte tra giovedì e venerdì, riportavano tutti la stessa dicitura #ècosenient, un messaggio alquanto strano ed incomprensibile per molti. Fortunatamente l’arcano si è potuto svelare alle 14:30 quando, sui maggiori social Network come Facebook e Twitter, sulla pagina di Carmine Benincasa, è apparso un cortometraggio dallo stesso titolo. Il cortometraggio in questione, dalla breve di durata di solo 1:34, rappresenta 2 giovani che fanno zapping col telecomando. Uno dei due, imbattendosi nei telegiornali, repentinamente cambiava esalando “è cos e nient” (è cosa da nulla), fino a fermarsi su un noto talk show italiano. Il ragazzo seduto a lui, dopo aver sentito più volte ripetersi “è cos e nient” intavola una discussione nel quale fa presente che i problemi che attanagliano l’Italia non sono cose da niente ma che ripetendolo sempre si sta rischiando di diventare anche noi cose da niente. Il cortometraggio, ispirato da un opera di Eduardo De Filippo, Peppino Girella”, IV puntata, è stato poi riscritto, girato, montato e tagliato da Manuel Fiore, Giulio Accarino e Francesco Cafaro.

VIDEO:
https://www.facebook.com/benincasacarmine/videos/864348603632624/?pnref=story

Lascia una risposta