Vandali a Capri , i commercianti protestano

0

Gli abitanti e i commercianti di Capri hanno deciso di alzare la voce dopo i raid dei vandali che nella notte tra sabato e domenica hanno preso di mira zone diverse del centro. Oggi i residenti e i titolari di molte attività hanno manifestato pubblicamente la loro protesta al sindaco per chiedere tutela e interventi. A preoccupare e allarmare è stata soprattutto la distruzione della porta di ingresso di una elegante boutique all’inizio di via Le Botteghe a pochissimi passi dalla Piazzetta. I fatti sarebbero accaduti quasi all’alba secondo una primissima ricostruzione fatta dagli inquirenti. Polizia e carabinieri sono accorsi sul posto, avvertiti dal titolare che era stato informato da altri commercianti della zona all’apertura dei loro esercizi. È stata una notte movimentata per le stradine dell’isola dove solitamente regna la calma e la quiete perché altri danneggiamenti, seppure di minore portata, sono avvenuti nel centro di Capri. Non solo via Le Botteghe è stata presa di mira, anche in altre stradine intorno infatti si sono verificati danni a una piccola vetrina di un negozio artigianale ancora chiuso in via Madre Serafina e a una grossa fioriera in via Sella Orta. I cittadini di tutto il centro storico sono infuriati anche per i continui schiamazzi che nel cuore della notte e sino all’alba turbano la quiete pubblica e alcuni di loro intorno alle 2 del mattino avevano già provveduto a chiamare la pattuglia della polizia. Episodi mai verificatisi a Capri e questa mattina a raccogliere direttamente le proteste dei cittadini che hanno invaso la strada, insieme alle forze dell’ordine immediatamente sul posto, anche il sindaco di Capri Gianni De Martino che ha rassicurato i suoi concittadini annunciando azioni tempestive. “Convocheremo – ha annunciato il sindaco – insieme agli assessori competenti un incontro con tutti i titolari di esercizi pubblici, bar, pub, locali notturni, taverne e disco night, per sensibilizzare su questa crescente problematica invitandoli a rispettare le norme che disciplinano le loro attività di esercizi pubblici, dagli orari di chiusura alla somministrazione di bevande alcoliche a minori, tutto quanto è previsto dalla normativa che regola l’attività di pubblico esercizio, ricordando che nel caso di violazioni saranno comminate le sanzioni amministrative che possono portare anche alla chiusura per alcuni giorni degli esercizi”. Intanto, polizia e carabinieri hanno subito avviato le indagini per risalire agli autori dei danneggiamenti della scorsa notte visionando i filmati delle telecamere che si trovano all’esterno di alcuni negozi adiacenti a quelli presi di mira.

Gli abitanti e i commercianti di Capri hanno deciso di alzare la voce dopo i raid dei vandali che nella notte tra sabato e domenica hanno preso di mira zone diverse del centro. Oggi i residenti e i titolari di molte attività hanno manifestato pubblicamente la loro protesta al sindaco per chiedere tutela e interventi. A preoccupare e allarmare è stata soprattutto la distruzione della porta di ingresso di una elegante boutique all'inizio di via Le Botteghe a pochissimi passi dalla Piazzetta. I fatti sarebbero accaduti quasi all'alba secondo una primissima ricostruzione fatta dagli inquirenti. Polizia e carabinieri sono accorsi sul posto, avvertiti dal titolare che era stato informato da altri commercianti della zona all'apertura dei loro esercizi. È stata una notte movimentata per le stradine dell'isola dove solitamente regna la calma e la quiete perché altri danneggiamenti, seppure di minore portata, sono avvenuti nel centro di Capri. Non solo via Le Botteghe è stata presa di mira, anche in altre stradine intorno infatti si sono verificati danni a una piccola vetrina di un negozio artigianale ancora chiuso in via Madre Serafina e a una grossa fioriera in via Sella Orta. I cittadini di tutto il centro storico sono infuriati anche per i continui schiamazzi che nel cuore della notte e sino all'alba turbano la quiete pubblica e alcuni di loro intorno alle 2 del mattino avevano già provveduto a chiamare la pattuglia della polizia. Episodi mai verificatisi a Capri e questa mattina a raccogliere direttamente le proteste dei cittadini che hanno invaso la strada, insieme alle forze dell'ordine immediatamente sul posto, anche il sindaco di Capri Gianni De Martino che ha rassicurato i suoi concittadini annunciando azioni tempestive. "Convocheremo – ha annunciato il sindaco – insieme agli assessori competenti un incontro con tutti i titolari di esercizi pubblici, bar, pub, locali notturni, taverne e disco night, per sensibilizzare su questa crescente problematica invitandoli a rispettare le norme che disciplinano le loro attività di esercizi pubblici, dagli orari di chiusura alla somministrazione di bevande alcoliche a minori, tutto quanto è previsto dalla normativa che regola l'attività di pubblico esercizio, ricordando che nel caso di violazioni saranno comminate le sanzioni amministrative che possono portare anche alla chiusura per alcuni giorni degli esercizi". Intanto, polizia e carabinieri hanno subito avviato le indagini per risalire agli autori dei danneggiamenti della scorsa notte visionando i filmati delle telecamere che si trovano all'esterno di alcuni negozi adiacenti a quelli presi di mira.