La spesa per smaltimento rifiuti del Comune di Amalfi e’ di circa 2.400.000 Euro annui. Pisacane “Scandaloso”

0

Amalfi la sfida ecosostenibile degli alberghi è questo il convegno a Napoli dove è presente Gennaro Pisacane presidene delconsorzio Amalfi Qualità, da dove lancia gli strali contro la mala gestio dei rifiuti nel capoluogo della Costiera amalfitana  La spesa per smaltimento rifiuti del Comune di Amalfi e’ di circa 2.400.000 Euro annui. Il dato è scandaloso se si considera che, mediamente, cittadine con analoghe dimensioni ed affluenze turistiche, pagano circa 1.400.000 Euro per il servizio. È risaputo che si tratta di un costo dipendente dalla mancata applicazione di un sistema tariffario in grado di valorizzare i comportamenti virtuosi. Invece, le amministrazioni che si sono susseguite in questi anni hanno sempre preferito adottare altre soluzioni. Non a caso, il Consiglio Comunale del 30.9.3014 respinse la mia proposta di passaggio dalla tariffa con natura di tributo alla tariffa corrispettiva (quella cioè che tien conto dell’effettiva quantità di rifiuto prodotta). Chi voto’ contro la mia proposta dovrebbe sentirsi un po’ responsabile per l’inquinamento ambientale prodotto nel territorio comunale.

Amalfi la sfida ecosostenibile degli alberghi è questo il convegno a Napoli dove è presente Gennaro Pisacane presidene delconsorzio Amalfi Qualità, da dove lancia gli strali contro la mala gestio dei rifiuti nel capoluogo della Costiera amalfitana  La spesa per smaltimento rifiuti del Comune di Amalfi e' di circa 2.400.000 Euro annui. Il dato è scandaloso se si considera che, mediamente, cittadine con analoghe dimensioni ed affluenze turistiche, pagano circa 1.400.000 Euro per il servizio. È risaputo che si tratta di un costo dipendente dalla mancata applicazione di un sistema tariffario in grado di valorizzare i comportamenti virtuosi. Invece, le amministrazioni che si sono susseguite in questi anni hanno sempre preferito adottare altre soluzioni. Non a caso, il Consiglio Comunale del 30.9.3014 respinse la mia proposta di passaggio dalla tariffa con natura di tributo alla tariffa corrispettiva (quella cioè che tien conto dell'effettiva quantità di rifiuto prodotta). Chi voto' contro la mia proposta dovrebbe sentirsi un po' responsabile per l'inquinamento ambientale prodotto nel territorio comunale.