Angri. Il candidato sindaco Giuseppe D’Ambrosio vittima di un furto. Ora chiede e propone sicurezza

0

Angri. Nella serata di ieri martedì 7 aprile il dottor Giuseppe D’Ambrosio è stato vittima di un furto ai danni della sua auto. Ignoti, approfittando di un suo breve allontanamento dalla sua Fiat Panda parcheggiata in Via Maddalena Caputo, nei pressi del convento delle Suore Battistine, hanno sottratto due barre portapacchi avvitate sul tettuccio dell’utilitaria. Il medico cardiologo ha sporto denuncia presso la stazione dei carabinieri di Angri. “Mi ero allontanato per pochi minuti per effettuare un incontro con alcune famiglie, ma al mio ritorno mi sono accorto che erano state asportate le barre portapacchi – ha dichiarato D’Ambrosio – Come tante persone vittime di furto mi sono sentito impotente rispetto a simili azioni. È’ evidente che ad Angri continuano ad agire indisturbati soggetti che da quanto confermato dai carabinieri e concittadini hanno già messo a segno altri simili furti. Al di là del mio caso credo che sia ormai inderogabile una vera azione di contrasto alla criminalità che imperversa sul nostro territorio, rendendo insicura la nostra città a tutte le ore del giorno. Auspico che le forze dell’ordine e chi ha competenza possa avviare un più intenso controllo e monitoraggio del territorio”. Il fenomeno di furti ai danni di veicoli in sosta non si è mai arrestato nel corso degli ultimi mesi, sono decine i casi denunciati anche nel centro cittadino, nell’area parcheggio ex McM e in periferia. “Non voglio farne un caso personale ma pare evidente che nulla è stato veramente compiuto in questi mesi per arginare il fenomeno come pure sono restate solo chiacchiere la promessa installazione di telecamere di videosorveglianza. Un impianto che la nostra amministrazione se eletto installerà subito e rendere funzionale senza ulteriori indugi. Il territorio vive il dramma di continue scorribande di soggetti provenienti anche dai territori dell’ area vesuviana che utilizzano lo svincolo della 268 spesso non vigilato come gli altri accessi della città”.

Angri. Nella serata di ieri martedì 7 aprile il dottor Giuseppe D'Ambrosio è stato vittima di un furto ai danni della sua auto. Ignoti, approfittando di un suo breve allontanamento dalla sua Fiat Panda parcheggiata in Via Maddalena Caputo, nei pressi del convento delle Suore Battistine, hanno sottratto due barre portapacchi avvitate sul tettuccio dell'utilitaria. Il medico cardiologo ha sporto denuncia presso la stazione dei carabinieri di Angri. "Mi ero allontanato per pochi minuti per effettuare un incontro con alcune famiglie, ma al mio ritorno mi sono accorto che erano state asportate le barre portapacchi – ha dichiarato D'Ambrosio – Come tante persone vittime di furto mi sono sentito impotente rispetto a simili azioni. È' evidente che ad Angri continuano ad agire indisturbati soggetti che da quanto confermato dai carabinieri e concittadini hanno già messo a segno altri simili furti. Al di là del mio caso credo che sia ormai inderogabile una vera azione di contrasto alla criminalità che imperversa sul nostro territorio, rendendo insicura la nostra città a tutte le ore del giorno. Auspico che le forze dell'ordine e chi ha competenza possa avviare un più intenso controllo e monitoraggio del territorio". Il fenomeno di furti ai danni di veicoli in sosta non si è mai arrestato nel corso degli ultimi mesi, sono decine i casi denunciati anche nel centro cittadino, nell'area parcheggio ex McM e in periferia. "Non voglio farne un caso personale ma pare evidente che nulla è stato veramente compiuto in questi mesi per arginare il fenomeno come pure sono restate solo chiacchiere la promessa installazione di telecamere di videosorveglianza. Un impianto che la nostra amministrazione se eletto installerà subito e rendere funzionale senza ulteriori indugi. Il territorio vive il dramma di continue scorribande di soggetti provenienti anche dai territori dell' area vesuviana che utilizzano lo svincolo della 268 spesso non vigilato come gli altri accessi della città".