La morte di Giovanni Berlinguer. Il ricordo di Apicella “Quando venne in Costiera amalfitana nella mia casa a Minori “

0

Minori , Costiera amalfitana . La notizia della morte di Giovanni Berlinguer, ex parlamentare di sinistra approdato ultimamente al Consiglio Europeo, fratello del tanto amato ed osannato Enrico (ricordo che il giorno della morte di Enrico io mi trovavo tra Milano e Sesto san Giovanni e notavo che all’esterno dei circoli PCI c’era gente che piangeva addolorata) mi riporta a sessanta anni addietro. A quell’epoca Mario Berlinguer, politico di razza di sinistra e papà di Giovanni ed Enrico, trascorse quasi due mesi nella mia casa paterna, dove i miei avevano sistemato, su preghiera del gruppo dirigente locale in assenza di strutture adeguate, Mario e signora, proprio dove ora opera la piccola struttura ricettiva. Ne corso del soggiorno arrivavano anche i figlioli per un saluto domenicale e quando gli impegni politici lo consentivano. Io, tra l’altro, avevo il compito di acquistare ogni mattina una serie di giornali quotidiani: con meraviglia notai (iniziavo a capire qualcosa della politica) che non c’era nella lista l’Avanti (Mario Berlinguer era socialista). Alla mia richiesta del perchè, mi rispose che lui già era al corrente di quanto scrivevano all’Avanti, per cui non c’era bisogno del giornale. A mio padre quella presenza non disturbava affatto: lui , ex mussoliniano, che conservava anche, tra gli scaffali della salumeria-osteria-cantina una foto in bianco e nero di re Umberto e consorte…………………….g.a.

Minori , Costiera amalfitana . La notizia della morte di Giovanni Berlinguer, ex parlamentare di sinistra approdato ultimamente al Consiglio Europeo, fratello del tanto amato ed osannato Enrico (ricordo che il giorno della morte di Enrico io mi trovavo tra Milano e Sesto san Giovanni e notavo che all'esterno dei circoli PCI c'era gente che piangeva addolorata) mi riporta a sessanta anni addietro. A quell'epoca Mario Berlinguer, politico di razza di sinistra e papà di Giovanni ed Enrico, trascorse quasi due mesi nella mia casa paterna, dove i miei avevano sistemato, su preghiera del gruppo dirigente locale in assenza di strutture adeguate, Mario e signora, proprio dove ora opera la piccola struttura ricettiva. Ne corso del soggiorno arrivavano anche i figlioli per un saluto domenicale e quando gli impegni politici lo consentivano. Io, tra l'altro, avevo il compito di acquistare ogni mattina una serie di giornali quotidiani: con meraviglia notai (iniziavo a capire qualcosa della politica) che non c'era nella lista l'Avanti (Mario Berlinguer era socialista). Alla mia richiesta del perchè, mi rispose che lui già era al corrente di quanto scrivevano all'Avanti, per cui non c'era bisogno del giornale. A mio padre quella presenza non disturbava affatto: lui , ex mussoliniano, che conservava anche, tra gli scaffali della salumeria-osteria-cantina una foto in bianco e nero di re Umberto e consorte…………………….g.a.