NAPOLI FUORI DALLA CHAMPIONS #ilcontropiede Gigione Maresca

0

Napoli esce dal campo con tristezza.Olimpico amaro per Benitez e gli azzurri che non hanno saputo contrastare la voglia di vincere della Roma. Un risultato che fa nascere altre ed inutili polemiche sul futuro di una squadra, che non vince una farà da un mese fuori casa. A mente fredda dopo una partita giocata male nel primo tempo e gestita peggio nel secondo tempo diventa difficile salvare qualche giocatore dal tonfo romano.Primo tempo timido senza la brillantezza di idee e schemi di gioco efficaci . Un Napoli inguardabile senza mordente con un arbitraggio molto discutibile all’inglese che lascia impuniti De Rossi e altri giocatori della Roma, convinti di poter primeggiare fin da subito. Equilibrio tattico ma il Napoli soffre a centrocampo e in difesa per le azioni di rimessa. Goal del solito Pianjc che trova l’angolo giusto che comodamente batte a rete. Il Napoli reagisce solo sul finale con Higuain poi sostituito. Rabbia dei tifosi sul web contro l’allenatore per scelte azzardate e Gabbiadini in panchina. Il progetto Benitez subisce un duro colpo a fine fine gara. Gabbiadini e Mertens riescono begli ultimi minuti del secondo tempo a mettere in crisi la difesa romanista ma trovano De Sanctis pronto a dimostrare di essere ancora un valido portiere. Cambi e soluto modulo con interpretazione della partita sbagliata. Passaggi imprecisi e senza gioco in profondità il Napoli non riesce a pareggiare. Una crisi seria di gioco e risultati fuori casa che fa preoccupare i tifosi. A centrocampo manca l’elasticità di Gargano che aveva portato grinta e dinamicità al gioco napoletano. Il rendimento dei singoli sotto tono. Napoli retrocede in classifica rincorso e superato da squadre più in forma. Riflessione seria del presidente circa il monento critico della squadra. Non c’è un solo colpevole. Tifosi scatenati su i social e protestano per una sconfitta molto dura mentre in campo e in tribuna cori e striscioni offensivi dimostrano ancora che il calcio italiano deve cambiare.Napoli esce dal campo con tristezza.Olimpico amaro per Benitez e gli azzurri che non hanno saputo contrastare la voglia di vincere della Roma. Un risultato che fa nascere altre ed inutili polemiche sul futuro di una squadra, che non vince una farà da un mese fuori casa. A mente fredda dopo una partita giocata male nel primo tempo e gestita peggio nel secondo tempo diventa difficile salvare qualche giocatore dal tonfo romano.Primo tempo timido senza la brillantezza di idee e schemi di gioco efficaci . Un Napoli inguardabile senza mordente con un arbitraggio molto discutibile all’inglese che lascia impuniti De Rossi e altri giocatori della Roma, convinti di poter primeggiare fin da subito. Equilibrio tattico ma il Napoli soffre a centrocampo e in difesa per le azioni di rimessa. Goal del solito Pianjc che trova l’angolo giusto che comodamente batte a rete. Il Napoli reagisce solo sul finale con Higuain poi sostituito. Rabbia dei tifosi sul web contro l’allenatore per scelte azzardate e Gabbiadini in panchina. Il progetto Benitez subisce un duro colpo a fine fine gara. Gabbiadini e Mertens riescono begli ultimi minuti del secondo tempo a mettere in crisi la difesa romanista ma trovano De Sanctis pronto a dimostrare di essere ancora un valido portiere. Cambi e soluto modulo con interpretazione della partita sbagliata. Passaggi imprecisi e senza gioco in profondità il Napoli non riesce a pareggiare. Una crisi seria di gioco e risultati fuori casa che fa preoccupare i tifosi. A centrocampo manca l’elasticità di Gargano che aveva portato grinta e dinamicità al gioco napoletano. Il rendimento dei singoli sotto tono. Napoli retrocede in classifica rincorso e superato da squadre più in forma. Riflessione seria del presidente circa il monento critico della squadra. Non c’è un solo colpevole. Tifosi scatenati su i social e protestano per una sconfitta molto dura mentre in campo e in tribuna cori e striscioni offensivi dimostrano ancora che il calcio italiano deve cambiare.