Al via il Certamen letterario sul tema “Giacomo Leopardi: Un Genio Premonitore”

0

L’Associazione culturale vicana ”Parola all’Eremo” propone il Convegno di Studi ed il relativo Certamen letterario sul tema “Giacomo Leopardi: Un Genio Premonitore” che si terrà sabato 30 maggio 2015, nella suggestiva location arolese dell’ex-eremo camaldolese (Astapiana Villa Giusso).
Il convegno di studi in oggetto, si colloca in un ambito di rilevanza nazionale coinvolgendo docenti e relatori dell’Università degli Studi Suor Orsola Benincasa (Prof.ssa Paola Villani, Prof. Gianluca Genovese), dell’Università di Modena e Reggio Emilia (Prof. Augusto Carli), dell’Università di Macerata (Prof.ssa Costanza Geddes da Filicaia), dell’Università di Cagliari (Prof. Michele Zedda) e del quotidiano nazionale “Avvenire” (Dott. Alessandro Zaccuri).
Il convegno, che si propone di evidenziare il “Leopardi progressivo” attraverso la presentazione della moderna critica e dei più importanti saggi e documenti sul tema, ospiterà i suddetti prestigiosi relatori che tratteranno aspetti inerenti l’attualità, la lungimiranza e la “religiosità” o “misticismo” nelle opere e nel pensiero leopardiano, ed un recital che prevede la lettura di alcuni canti e scritti leopardiani suddivisi nei gruppi “etica civile”, “amore” e “natura”.
Sono già aperte le iscrizioni alla prima edizione del Certamen leopardiano (scheda di pre-registrazione sul sito www.parolalleremo.org ) riservato agli studenti delle scuole medie superiori (Licei, Istituti Tecnici e/o Professionali statali o paritari) ed agli appassionati e/o studiosi universitari o post-universitari (laureandi, specializzandi, dottorandi, etc.). Sono già al lavoro gli studenti dei Licei di Meta di Sorrento, di C/Mare e di Napoli grazie all’impegno delle Professoresse Immacolata Arpino, Giovanna Domestico, Marcella Sannoner, Fortunella Santaniello e Pina Gambardella che hanno accolto con particolare entusiamo la prima edizione di tale concorso di prosa leopardiano diffondendone la conoscenza tra gli studenti degli istituti summenzionati della Penisola sorrentina e di Napoli.
Gli elaborati in italiano e/o lingua straniera dovranno considerare il tema “Giacomo Leopardi: un genio premonitore” attraverso riferimenti all’analisi di opere dell’autore dalle quali si evinca le caratteristiche di “innovazione”, “lungimiranza” ed “attualità” del pensiero leopardiano. Ogni autore potrà concorrere con un elaborato in prosa, saggio critico o storico.
I contributi (doc. in word; Carattere TNR 12; interlinea doppia; max 3000 parole; da spedire all’indirizzo giovanni.ponti@unimore.it) dovranno essere originali, inediti ed ispirati da rigore scientifico. La valutazione degli elaborati pervenuti alla commissione di valutazione del Certame in oggetto prevede l’individuazione di almeno 2 componimenti (1. Studi medi superiori; 2. Studi universitari) agli autori dei quali sarà riservato un premio e la possibilità di una lectio magistralis di almeno 15 minuti nell’ambito del convegno di studi leopardiani.
L’associazione Parolalleremo ha come obiettivo primario quello di valorizzare e promuovere iniziative, manifestazioni, eventi e progetti di carattere artistico, culturale, formativo, editoriale, ricreativo e sociale. Apolitica, apartitica e senza alcuno scopo di lucro, l’associazione “PAROLALLEREMO” ha un’attenzione particolare anche per il sociale ed è aperta a collaborazioni con enti, associazioni e persone, al fine di creare momenti di crescita ed aggregazione e promuovere eventi culturali mediante l’incontro tra esperti e studiosi locali, nazionali ed internazionali.

Annamaria PontiL’Associazione culturale vicana ”Parola all’Eremo” propone il Convegno di Studi ed il relativo Certamen letterario sul tema “Giacomo Leopardi: Un Genio Premonitore” che si terrà sabato 30 maggio 2015, nella suggestiva location arolese dell’ex-eremo camaldolese (Astapiana Villa Giusso).
Il convegno di studi in oggetto, si colloca in un ambito di rilevanza nazionale coinvolgendo docenti e relatori dell’Università degli Studi Suor Orsola Benincasa (Prof.ssa Paola Villani, Prof. Gianluca Genovese), dell’Università di Modena e Reggio Emilia (Prof. Augusto Carli), dell’Università di Macerata (Prof.ssa Costanza Geddes da Filicaia), dell’Università di Cagliari (Prof. Michele Zedda) e del quotidiano nazionale “Avvenire” (Dott. Alessandro Zaccuri).
Il convegno, che si propone di evidenziare il “Leopardi progressivo” attraverso la presentazione della moderna critica e dei più importanti saggi e documenti sul tema, ospiterà i suddetti prestigiosi relatori che tratteranno aspetti inerenti l’attualità, la lungimiranza e la “religiosità” o “misticismo” nelle opere e nel pensiero leopardiano, ed un recital che prevede la lettura di alcuni canti e scritti leopardiani suddivisi nei gruppi “etica civile”, “amore” e “natura”.
Sono già aperte le iscrizioni alla prima edizione del Certamen leopardiano (scheda di pre-registrazione sul sito www.parolalleremo.org ) riservato agli studenti delle scuole medie superiori (Licei, Istituti Tecnici e/o Professionali statali o paritari) ed agli appassionati e/o studiosi universitari o post-universitari (laureandi, specializzandi, dottorandi, etc.). Sono già al lavoro gli studenti dei Licei di Meta di Sorrento, di C/Mare e di Napoli grazie all’impegno delle Professoresse Immacolata Arpino, Giovanna Domestico, Marcella Sannoner, Fortunella Santaniello e Pina Gambardella che hanno accolto con particolare entusiamo la prima edizione di tale concorso di prosa leopardiano diffondendone la conoscenza tra gli studenti degli istituti summenzionati della Penisola sorrentina e di Napoli.
Gli elaborati in italiano e/o lingua straniera dovranno considerare il tema “Giacomo Leopardi: un genio premonitore” attraverso riferimenti all’analisi di opere dell’autore dalle quali si evinca le caratteristiche di “innovazione”, “lungimiranza” ed “attualità” del pensiero leopardiano. Ogni autore potrà concorrere con un elaborato in prosa, saggio critico o storico.
I contributi (doc. in word; Carattere TNR 12; interlinea doppia; max 3000 parole; da spedire all’indirizzo giovanni.ponti@unimore.it) dovranno essere originali, inediti ed ispirati da rigore scientifico. La valutazione degli elaborati pervenuti alla commissione di valutazione del Certame in oggetto prevede l’individuazione di almeno 2 componimenti (1. Studi medi superiori; 2. Studi universitari) agli autori dei quali sarà riservato un premio e la possibilità di una lectio magistralis di almeno 15 minuti nell’ambito del convegno di studi leopardiani.
L’associazione Parolalleremo ha come obiettivo primario quello di valorizzare e promuovere iniziative, manifestazioni, eventi e progetti di carattere artistico, culturale, formativo, editoriale, ricreativo e sociale. Apolitica, apartitica e senza alcuno scopo di lucro, l’associazione “PAROLALLEREMO” ha un’attenzione particolare anche per il sociale ed è aperta a collaborazioni con enti, associazioni e persone, al fine di creare momenti di crescita ed aggregazione e promuovere eventi culturali mediante l’incontro tra esperti e studiosi locali, nazionali ed internazionali.

Annamaria Ponti

Lascia una risposta