Nuovo ripetitore a Massa Lubrense: dopo la finta palma di Nerano in arrivo la finta canna fumaria.

0

Comune di Massa Lubrense e Soprintendenza hanno autorizzato l’installazione di un’ennesima stazione radio base sul territorio massese. Dopo lo sconcertante caso del ripetitore di Nerano, camuffato da finta palma (è attesa della sentenza del T.A.R. in merito alla legittimità dell’opera), ora tocca alla finta canna fumaria dell’Annunziata cui spetterà il compito di nascondere, agli occhi della popolazione, il nuovo impianto di radio telecomunicazione. Un’opera il cui campo elettromagnetico andrà sovrapponendosi a quello già esistente del radar di Termini. Sembrerebbe che, in mancanza di un piano di zonizzazione elettromagnetica redatto dal Comune (unico strumento operativo atto a regolamentare il proliferare di antenne su un territorio), che individui i siti di minor impatto elettromagnetico per la salute della popolazione, siano le stesse compagnie telefoniche a scegliere i siti ove collocare le antenne e quindi, purtroppo, anche in prossimità di abitazioni e scuole.Comune di Massa Lubrense e Soprintendenza hanno autorizzato l’installazione di un’ennesima stazione radio base sul territorio massese. Dopo lo sconcertante caso del ripetitore di Nerano, camuffato da finta palma (è attesa della sentenza del T.A.R. in merito alla legittimità dell’opera), ora tocca alla finta canna fumaria dell’Annunziata cui spetterà il compito di nascondere, agli occhi della popolazione, il nuovo impianto di radio telecomunicazione. Un’opera il cui campo elettromagnetico andrà sovrapponendosi a quello già esistente del radar di Termini. Sembrerebbe che, in mancanza di un piano di zonizzazione elettromagnetica redatto dal Comune (unico strumento operativo atto a regolamentare il proliferare di antenne su un territorio), che individui i siti di minor impatto elettromagnetico per la salute della popolazione, siano le stesse compagnie telefoniche a scegliere i siti ove collocare le antenne e quindi, purtroppo, anche in prossimità di abitazioni e scuole.

Lascia una risposta