Vico Equense. Consiglio comunale contro le ruspe per gli abbattimenti

0

Vico Equense. Un problema che riguarda tutta la penisola sorrentina da Sorrento a Massa Lubrense. A Vico Equense si cerca di trovare una soluzione. Si terrà giovedì 12 marzo, ore 9, l’appuntamento con il consiglio comunale. Tra i cinque punti in discussione spicca senz’altro l’ordine di demolizione delle abitazioni di due famiglie, che rischiano così di perdere il proprio tetto. Sul tavolo finirà la possibile approvazione della direttiva regionale del presidente Stefano Caldoro con la quale, in caso di “necessità sociale”, è possibile “salvare” dalle ruspe gli immobili abusivi. Un passaggio formale che consente di accedere ai benefici di una legge del 2001 che offre, per l’appunto, l’opportunità agli enti locali di diventare proprietari di immobili abusivi la cui realizzazione, a volte, è stata favorita dai ritardi nella programmazione urbanistica. In tal senso, gli immobili abusivi, acquisiti nel patrimonio comunale, potranno essere trasformati in alloggi di edilizia residenziale sovvenzionata, nonché utilizzati in programmi di valorizzazione e dismissione dei beni comunali. Ovviamente con la precedenza da riconoscere a coloro che, al tempo dell’acquisizione, occupavano l’abitazione, a patto che non dispongano di altra idonea soluzione abitativa. L’Assise civica dovrà esprimersi anche sulla convenzione per espletare servizi congiunti di polizia stradale tra i comuni di Positano, Piano di Sorrento e Vico Equense, da effettuarsi sulla SS. 163. L’idea di creare un corpo di polizia per la Statale Amalfitana nasce dall’esigenza di tenere maggiormente sotto controllo tale strada, migliorandone anche le condizioni di viabilità, essendo di fondamentale importanza per il collegamento con il territorio della penisola sorrentina e divenendo, troppo spesso, scenario di sfortunati episodi: incidenti stradali e caduta di massi dal promontorio che si erge sulla strada. Garantire la sicurezza stradale è l’obiettivo principale di questo progetto, per il quale è prevista anche la creazione di un’unica cabina operativa per avviare indagini diagnostiche sulla SS 163. Per questi motivi i comuni di Vico Equense, Piano di Sorrento e Positano hanno deciso di portare avanti questa iniziativa che verrà discussa in consiglio comunale. Gli altri argomenti in discussione sono: la nomina della nuova commissione locale per il paesaggio, la regolamentazione di spazi e aree pubbliche e la proposta di istituire un protocollo “Rosa”, per la promozione di strategie condivise finalizzate al sostegno, alla prevenzione e al contrasto del fenomeno della violenza nei confronti delle fasce deboli.

Vico Equense. Un problema che riguarda tutta la penisola sorrentina da Sorrento a Massa Lubrense. A Vico Equense si cerca di trovare una soluzione. Si terrà giovedì 12 marzo, ore 9, l'appuntamento con il consiglio comunale. Tra i cinque punti in discussione spicca senz'altro l’ordine di demolizione delle abitazioni di due famiglie, che rischiano così di perdere il proprio tetto. Sul tavolo finirà la possibile approvazione della direttiva regionale del presidente Stefano Caldoro con la quale, in caso di "necessità sociale", è possibile "salvare" dalle ruspe gli immobili abusivi. Un passaggio formale che consente di accedere ai benefici di una legge del 2001 che offre, per l’appunto, l’opportunità agli enti locali di diventare proprietari di immobili abusivi la cui realizzazione, a volte, è stata favorita dai ritardi nella programmazione urbanistica. In tal senso, gli immobili abusivi, acquisiti nel patrimonio comunale, potranno essere trasformati in alloggi di edilizia residenziale sovvenzionata, nonché utilizzati in programmi di valorizzazione e dismissione dei beni comunali. Ovviamente con la precedenza da riconoscere a coloro che, al tempo dell’acquisizione, occupavano l’abitazione, a patto che non dispongano di altra idonea soluzione abitativa. L'Assise civica dovrà esprimersi anche sulla convenzione per espletare servizi congiunti di polizia stradale tra i comuni di Positano, Piano di Sorrento e Vico Equense, da effettuarsi sulla SS. 163. L’idea di creare un corpo di polizia per la Statale Amalfitana nasce dall’esigenza di tenere maggiormente sotto controllo tale strada, migliorandone anche le condizioni di viabilità, essendo di fondamentale importanza per il collegamento con il territorio della penisola sorrentina e divenendo, troppo spesso, scenario di sfortunati episodi: incidenti stradali e caduta di massi dal promontorio che si erge sulla strada. Garantire la sicurezza stradale è l’obiettivo principale di questo progetto, per il quale è prevista anche la creazione di un’unica cabina operativa per avviare indagini diagnostiche sulla SS 163. Per questi motivi i comuni di Vico Equense, Piano di Sorrento e Positano hanno deciso di portare avanti questa iniziativa che verrà discussa in consiglio comunale. Gli altri argomenti in discussione sono: la nomina della nuova commissione locale per il paesaggio, la regolamentazione di spazi e aree pubbliche e la proposta di istituire un protocollo “Rosa”, per la promozione di strategie condivise finalizzate al sostegno, alla prevenzione e al contrasto del fenomeno della violenza nei confronti delle fasce deboli.