MINORI (costa d’Amalfi) – Compare una nuova scritta su un muro del paese.

0

MINORI (costa d’Amalfi) – Ancora un episodio di matrice oscura a Minori, cittadina della costa d’Amalfi. Durante la notte scorsa, una nuova scritta è comparsa su un muro del centro del paese.

La scritta inneggiante con ogni probabilità ad una cellula a carattere militaresco era accompagnata da una misteriosa quanto inquietante stella a tre punte, un simbolo, questo, finora ancora sconosciuto agli investigatori che comunque la ritengono una sorta di intimidazione piuttosto preoccupante.

Della scritta ci sono pervenute alcune immagini che mostriamo nel servizio video.
Secondo le prime indiscrezioni l’acronimo “EF” “AI” “KEI” “EI” sarebbe riconducibile ad una organizzazione di combattenti virtuali detta FIKA CLAN che, tramite la pratica condivisa di alcuni videogame di ruolo a contenuto bellico, starebbe facendo molti proseliti.

Tuttavia su questa prima interpretazione rimangono molti dubbi e le indagini per scoprire il mandante/i e autore/i dell’insano atto vandalico, sono ancora in corso.

Intanto, alle prime luci dell’alba la scritta è stata prontamente rimossa tramite pitturazione, purtroppo non perfettamente in tinta, della parete interessata.

Comunicato ufficiale Assessorato al Nulla.MINORI (costa d’Amalfi) – Ancora un episodio di matrice oscura a Minori, cittadina della costa d’Amalfi. Durante la notte scorsa, una nuova scritta è comparsa su un muro del centro del paese.

La scritta inneggiante con ogni probabilità ad una cellula a carattere militaresco era accompagnata da una misteriosa quanto inquietante stella a tre punte, un simbolo, questo, finora ancora sconosciuto agli investigatori che comunque la ritengono una sorta di intimidazione piuttosto preoccupante.

Della scritta ci sono pervenute alcune immagini che mostriamo nel servizio video.
Secondo le prime indiscrezioni l’acronimo “EF” “AI” “KEI” “EI” sarebbe riconducibile ad una organizzazione di combattenti virtuali detta FIKA CLAN che, tramite la pratica condivisa di alcuni videogame di ruolo a contenuto bellico, starebbe facendo molti proseliti.

Tuttavia su questa prima interpretazione rimangono molti dubbi e le indagini per scoprire il mandante/i e autore/i dell’insano atto vandalico, sono ancora in corso.

Intanto, alle prime luci dell’alba la scritta è stata prontamente rimossa tramite pitturazione, purtroppo non perfettamente in tinta, della parete interessata.

Comunicato ufficiale Assessorato al Nulla.

Lascia una risposta