IL SORRENTO SI FERMA A MODENA

0

Una quaterna mette fine ai sogni della squadra della costiera

 

COPPA ITALIA TIM  2010-2011 – 2° TURNO ELIMINATORIO

 

MODENA – SORRENTO      4 – 1

Marcatori: 22’pt Signori (M); 23’st Giampà (M); 8’st Cani (M), 34’st Erpen (S), 45’st Stanco (M)

 

MODENA (4-3-3): Alfonso; Milani, Perna, Diagouraga, Tamburini; Mazzarani, Luisi, Signori; Giampà (36’st Pasi); Cani (24’st Stanco), Gilioli (14’st Pasquato).

A disp: Silvestri, Velardi, Gozzi, Colucci.               Allen: Cristiano Bergodi

SORRENTO (4-4-2): Mancinelli; Di Nunzio (7’st Vanin), Terra, Lo Monaco,Grassi; Erpen , Armellino (26’st Esposito), Nicodemo, Manco; Paulinho, Carlini 87’st Vaccaro).

A disp: Casadei, De Giosa,Corsetti, Pignalosa.               Allen: Giovanni Simonelli

ARBITRO: Calvarese Giampaolo di Teramo. GUARDIALINEE: Bagnoli Christian – Manna Vincenzo. 4° UOMO: Giorgetti.

NOTE: serata piovosa; terreno pesante; spettatori 1500 circa; incasso 9.000,00 Euro circa

ANGOLI:  1- 5 ;            RECUPERO:   1’pt e 0’st.

 

Il Sorrento si impantana nella pioggia del “Braglia” e non riesce ad uscirne se non con un secca quaterna, che sembra un po’ troppo per gli uomini di Simonelli i quali devono forse registrare qualcosa in difesa. Certamente non si sono tirati indietro, ma al lungo andare hanno pagato lo scotto di un qualcosa ancora da amalgamare anche se in settimana avevano preparato la gara con scrupolo e giocato l’amichevole a Nocera Inferiore. Poi il campo era quello che doveva dire l’ultima parola. Sulle prime ha detto che i baldi ragazzi della costiera si sono dimostrati un osso alquanto duro da rosicchiare. E lo hanno dimostrato i buoni spunti sia di Palinho che ha impegnato il portiere Alfonso, e sia Erpen che dopo aver superato Tamburini mette una palla al centro ed impegna l’estremo locale alla deviazione e Manco non ci arriva. Poi con il passar de minuti i canarini, dopo aver studiato l’avversario, hanno alzato il baricentro ed il ritmo ed hanno ridimensionato gli avversari. E dopo l’uno due che aveva già messo i risultato al sicuro, hanno tenuto a bada un Sorrento che ha cercato di reagire ma non con molta convinzione. Una reazione che ha portato si al gol della bandiera, ma che avrebbe dovuto essere più incisiva e concentrata. Comunque un 4-1 di un Modena che ha fatto valere la sua caratura di squadra di Serie B e che fa rivedere in questa settimana che porta alla prima di campionato, qualcosa a mister Simonelli.

L’avvio è uno dei migliori dei rossoneri, il peperino Paulinho, che è stato uno tra i migliori, supera un avversario e mette in apprensione l’estremo locale con una botta dal limite che para. Poi il funambolo Erpen si concede un numero acrobatico dei suoi e supera Tamburini che resta sul posto, mette la palla al centro dal fondo area ed Alfonso deve respingere. Sulla respinta si avventa Manco che tra le meraviglie manca l’impatto con la sfera. Poteva essere il gol del vantaggio. Il Modena si scuote ed al 17’ Signori lascia partire una palla senza pretese. E poi Giampà, solo davanti a Mancinelli, si mancia il gol errando un pallonetto dopo essere stato ben imbeccato da Cani. Queste sono le note del vantaggio che arriva da parte emiliana al 22’ con Signori, che insacca scavalcando Mancinelli, dopo un fraseggio tra Giampà e Milani. Poi arriva il raddoppio dopo un primo con Giampà che di testa a botta sicura insacca dalla sinistra. La reazione sorrentina è flebile e non molto incisiva ed i canarini giocano senza incidere molto, anche se qualche volta ci tentano. La ripresa li vede ancora in auge e stordiscono i rossoneri con la terza rete ad opera di Cani all’8’ che dopo aver ricevuto la palla sulla tre quarti, elude il fuorigioco e fredda tra le gambe Mancinelli. Il Sorrento si rianima e si scuote, al 14’ una punizione del brasiliano Paulinho fa tremare la traversa e venire i brividi ad Alfonso. La partita entra nel vivo e Pasquato al 16’, da poco entrato, tenta la fortuna, così come Vaccaro la cui palla sfiora il palo al 28’. Ma che si insacca quando Erpen  la scocca da fuori area e velenosamente si va ad infilare nell’angolo dove Alfonso non può nulla. Al 38’ un’azione tutta di prima tra Pasquato e Pasi, il primo crossa al millimetro dalla sinistra ed il secondo tira al volo una palla che va al lato di poco. Poi la quarta rete che Stanco realizza al 45’, ma a quel punto ormai il dado è stato già tratto ed uno stanco Sorrento lascia con amarezza la TIM Cup e torna a Sorrento pensando che domenica è già campionato.

 

NOVANTESIMO – Un Simonelli alquanto provato scuoteva un pò la testa ma “non posso rimproverare nulla ai ragazzi. Hanno dato il massimo per tutto l’arco della partita, cercando di dare continuità alla nostra coppa”. Ma “tre impegni una settimana sono troppi (si riferisce anche alla gara amichevole con la Nocerina per il suo centenario), ma nonostante questo qualche cosa in più si è vista anche se bisogna migliorarci”. Poi si punta il dito sulla tattica del fuorigioco che è andata un pò a farsi benedire ed egli dice che “non penso che abbia influito, per me quello che è importante e come i ragazzi affrontano mentalmente la gara. E su questo sono soddisfatto”. Però ammette che “il Modena ha dimostrato di essere una buona squadra e di presentarsi bene per essere una delle protagoniste”. Sulla gara di domenica in campionato con la Salernitana “è molto importante ed è un derby che vogliamo affrontare al meglio, per iniziare bene la stagione”.

        

 Alcune foto della partita di Luigi Penna con le reti

GIUSEPPE SPASIANO