NAPOLI RICORDA FRANCESCO ROSI-foto e video

0

La città di Napoli commemora un suo figlio illustre, il Maestro Francesco Rosi, grande regista e uomo, intellettuale che con coraggio e lucidità ha letto il suo tempo e lo ha raccontato. Il suo racconto per immagini ha fatto la Storia del nostro Paese e rappresenta un messaggio ancora attuale. L’artista ha descritto la sua Napoli (Le mani sulla città), altre realtà del mezzogiorno (il bandito Giuliano), e internazionali citiamo (Il caso Mattei), esprimendo un punto di vista indipendente unito ad una limpida onestà intellettuale.

Questa mattina, alla presenza del Sindaco di Napoli Luigi de Magistris, della figlia Carolina Rosi e del suo compagno Luca De Filippo, del fratello Massimo Rosi, di Giuseppe Tornatore, al Maschio Angioino nella storica Sala dei Baroni, luogo simbolo di uno dei più significativi film del regista: Le mani sulla città, sono convenute personalità del mondo culturale, sociale, militare e numerosi concittadini e scolaresche. Presenti tra gli altri, anche l’on. Bassolino, il giornalista Luigi Necco.
Nel corso della riunione è stato proiettato “Citizen Rosi omaggio ad un grande maestro di cinema” a cura di Arci Movie- montaggio Giovanni Bellotti – con l’introduzione al video affidata a Roberto D’Avascio, Presidente di Arci Movie.
Il Presidente emerito Giorgio Napolitano, compagno di classe di Rosi, è intervenuto con un messaggio di ricordo.

Nel pomeriggio presso l’Aula Magna storica dell’Università Federico II, si terrà un convegno, voluto dal Rettore Gaetano Manfredi e dal direttore del Dipartimento di Architettura Mario Losasso, dal titolo “Da Le Mani sulla città alla Napoli contemporanea” evento coordinato da Alessandro Castagnaro.
Concluderà la giornata di festeggiamenti, in serat,a presso il cinema ASTRA, una proiezione del film Le Mani sulla città con commento critico di Corrado Calenda ed un successivo dibattito.(Luigi Russo-Positanonews-Napoli)

 6:48

Napoli, sala dei Baroni – Omaggio a Francesco Rosi (interventi dei relatori)

 

 

 3:06

Napoli, sala dei Baroni – Omaggio a Francesco Rosi (documentario Citizen ROSI)

 

 

 2:15

Napoli, sala dei Baroni – Omaggio a Francesco Rosi (dichiazioni di De Magistris e Bassolino)

foto e video di Lurus

 

La città di Napoli commemora un suo figlio illustre, il Maestro Francesco Rosi, grande regista e uomo, intellettuale che con coraggio e lucidità ha letto il suo tempo e lo ha raccontato. Il suo racconto per immagini ha fatto la Storia del nostro Paese e rappresenta un messaggio ancora attuale. L’artista ha descritto la sua Napoli (Le mani sulla città), altre realtà del mezzogiorno (il bandito Giuliano), e internazionali citiamo (Il caso Mattei), esprimendo un punto di vista indipendente unito ad una limpida onestà intellettuale.

Questa mattina, alla presenza del Sindaco di Napoli Luigi de Magistris, della figlia Carolina Rosi e del suo compagno Luca De Filippo, del fratello Massimo Rosi, di Giuseppe Tornatore, al Maschio Angioino nella storica Sala dei Baroni, luogo simbolo di uno dei più significativi film del regista: Le mani sulla città, sono convenute personalità del mondo culturale, sociale, militare e numerosi concittadini e scolaresche. Presenti tra gli altri, anche l’on. Bassolino, il giornalista Luigi Necco.
Nel corso della riunione è stato proiettato “Citizen Rosi omaggio ad un grande maestro di cinema” a cura di Arci Movie- montaggio Giovanni Bellotti – con l’introduzione al video affidata a Roberto D’Avascio, Presidente di Arci Movie.
Il Presidente emerito Giorgio Napolitano, compagno di classe di Rosi, è intervenuto con un messaggio di ricordo.

Nel pomeriggio presso l’Aula Magna storica dell’Università Federico II, si terrà un convegno, voluto dal Rettore Gaetano Manfredi e dal direttore del Dipartimento di Architettura Mario Losasso, dal titolo “Da Le Mani sulla città alla Napoli contemporanea” evento coordinato da Alessandro Castagnaro.
Concluderà la giornata di festeggiamenti, in serat,a presso il cinema ASTRA, una proiezione del film Le Mani sulla città con commento critico di Corrado Calenda ed un successivo dibattito.(Luigi Russo-Positanonews-Napoli)