Vietri sul mare , pidocchi a scuola i genitori dal sindaco

0

VIETRI SUL MARE Oggi, alla ore diciassette, è stato richiesto e concesso,dal sindaco Francesco Benincasa un incontro pubblico tra l’amministrazione e i genitori che si svolgerà al comune di Vietri,dove la stessa amministrazione provvederà a spiegare ai genitori le proprie azioni in merito ai casi di pediculosi verificatesi in queste settimane. Da parte loro i genitori chiederanno una più puntuale e corretta informazione per le problematiche afferenti ai loro figli, cosa peraltro doverosa, ma soprattutto la verità sull’asilo “Punzi”, ammesso che ve ne sia una diversa da quella ufficiale del’amministrazione. Da ricordare che anche nello scorso consiglio comunale alcuni genitori hanno fortemente contestato l’amministrazione, e da queste proteste è scaturito l’incontro di oggi. In realtà può succedere che un ragazzo porti a scuola i pidocchi e li trasmetta agli altri. Nessun allarmismo, naturalmente. Non è nulla che non si possa combattere tranquillamente. Naturalmente bisogna intervenire per evitare che il fenomeno si diffonda creando problemi agli alunni. Antonio Di Giovanni

VIETRI SUL MARE Oggi, alla ore diciassette, è stato richiesto e concesso,dal sindaco Francesco Benincasa un incontro pubblico tra l’amministrazione e i genitori che si svolgerà al comune di Vietri,dove la stessa amministrazione provvederà a spiegare ai genitori le proprie azioni in merito ai casi di pediculosi verificatesi in queste settimane. Da parte loro i genitori chiederanno una più puntuale e corretta informazione per le problematiche afferenti ai loro figli, cosa peraltro doverosa, ma soprattutto la verità sull’asilo “Punzi”, ammesso che ve ne sia una diversa da quella ufficiale del'amministrazione. Da ricordare che anche nello scorso consiglio comunale alcuni genitori hanno fortemente contestato l’amministrazione, e da queste proteste è scaturito l’incontro di oggi. In realtà può succedere che un ragazzo porti a scuola i pidocchi e li trasmetta agli altri. Nessun allarmismo, naturalmente. Non è nulla che non si possa combattere tranquillamente. Naturalmente bisogna intervenire per evitare che il fenomeno si diffonda creando problemi agli alunni. Antonio Di Giovanni

Lascia una risposta