Agropoli. Sigilli dei Nas ad un supermercato, vendeva prodotti scaduti da più di un anno

0

Agropoli. Latte, formaggi, prodotti ittici e taralli scaduti da oltre un anno, stangata dei Nas di Salerno al proprietario dei supermercati cilentani smascherato da “Striscia la Notizia”. I carabinieri, agli ordini del capitano Gianfranco Di Sario, hanno messo fine all’attività del 47enne P.M., titolare dei punti vendita dislocati tra Agropoli e Casal Velino, finiti nel mirino delle forze dell’ordine. Oltre 400 i prodotti sequestrati dai militari, che ieri sono entrati in azione dopo aver visionato – nella serata di mercoledì – il servizio dell’inviato campano del tg satirico di Mediaset, Luca Abete. I carabinieri hanno appurato che il proprietario vendeva prodotti scaduti, mettendo a rischio la salute di ignari consumatori. Per fare ciò cancellava dalle confezioni le date di scadenza. Un vero e proprio raggiro nei confronti dei consumatori, attirati nel negozio dai prezzi molto convenienti. L’uomo adesso, oltre a vedersi sottratta tutta la merce scaduta presente nei depositi di sua proprietà, è stato segnalato alla magistratura. Sempre ai giudici, inoltre, toccherà decidere l’importo della maxi sanzione da comminare al commerciante cilentano. (Domenico Gramazio – Metropolis) 

Agropoli. Latte, formaggi, prodotti ittici e taralli scaduti da oltre un anno, stangata dei Nas di Salerno al proprietario dei supermercati cilentani smascherato da “Striscia la Notizia”. I carabinieri, agli ordini del capitano Gianfranco Di Sario, hanno messo fine all’attività del 47enne P.M., titolare dei punti vendita dislocati tra Agropoli e Casal Velino, finiti nel mirino delle forze dell’ordine. Oltre 400 i prodotti sequestrati dai militari, che ieri sono entrati in azione dopo aver visionato – nella serata di mercoledì – il servizio dell’inviato campano del tg satirico di Mediaset, Luca Abete. I carabinieri hanno appurato che il proprietario vendeva prodotti scaduti, mettendo a rischio la salute di ignari consumatori. Per fare ciò cancellava dalle confezioni le date di scadenza. Un vero e proprio raggiro nei confronti dei consumatori, attirati nel negozio dai prezzi molto convenienti. L’uomo adesso, oltre a vedersi sottratta tutta la merce scaduta presente nei depositi di sua proprietà, è stato segnalato alla magistratura. Sempre ai giudici, inoltre, toccherà decidere l’importo della maxi sanzione da comminare al commerciante cilentano. (Domenico Gramazio – Metropolis)