Piano di Sorrento. 76enne portava un ragazzino a vedere la partita del Napoli a casa sua e ne abusava. Arrestato.

0

Piano di Sorrento. Un uomo di 76 anni è finito agli arresti domiciliari perché accusato di aver commesso abusi ai danni di minori. Sulla vicenda indaga la Procura di Torre Annunziata che, grazie all’intensa attività di indagine svolta dal pm Mariangela Magariello, ottiene un’ordinanza di custodia cautelare. Due i casi emersi fino a questo momento: secondo quanto accertato, infatti, l’anziano, ex marittimo, da anni separato, avrebbe fatto in modo da far frequentare casa sua ad almeno due ragazzini in periodi diversi del 2012. Ma l’inchiesta vuole accertare molto di più: le particolari abitudini del pedofilo, infatti, potrebbero aver avuto anche risvolti nel mondo dello sport. Per alcuni anni, infatti, l’uomo ha allenato una squadra di calcio di ragazzini. E proprio il calcio sembra essere l’arma preferita per adescarli da parte dell’orco: invito a vedere una partita di calcio del Napoli a casa sua e poi regali (come la maglia di Higuain) utilizzati per raggiungere i suoi sporchi propositi. A caderci un ragazzino di Meta appartenente ad una famiglia disagiata e della quale era diventato amico il 76enne.

Piano di Sorrento. Un uomo di 76 anni è finito agli arresti domiciliari perché accusato di aver commesso abusi ai danni di minori. Sulla vicenda indaga la Procura di Torre Annunziata che, grazie all’intensa attività di indagine svolta dal pm Mariangela Magariello, ottiene un’ordinanza di custodia cautelare. Due i casi emersi fino a questo momento: secondo quanto accertato, infatti, l’anziano, ex marittimo, da anni separato, avrebbe fatto in modo da far frequentare casa sua ad almeno due ragazzini in periodi diversi del 2012. Ma l’inchiesta vuole accertare molto di più: le particolari abitudini del pedofilo, infatti, potrebbero aver avuto anche risvolti nel mondo dello sport. Per alcuni anni, infatti, l’uomo ha allenato una squadra di calcio di ragazzini. E proprio il calcio sembra essere l’arma preferita per adescarli da parte dell’orco: invito a vedere una partita di calcio del Napoli a casa sua e poi regali (come la maglia di Higuain) utilizzati per raggiungere i suoi sporchi propositi. A caderci un ragazzino di Meta appartenente ad una famiglia disagiata e della quale era diventato amico il 76enne.