Papa Francesco nomina 20 nuovi cardinali

0

Regione Campania e Provincia di Salerno

Diocesi di Teggiano-Policastro: dal Cav. Attilio De Lisa di Sanza quale cattolico cristiano praticante della Parrocchia Santa Maria Assunta e San Francesco d’Assisi nel Parco Nazionale del Cilento Vallo di Diano e Alburni .e dipendente di ruolo dell’A.S.L. Salerno e del P.O. di Sapri.

“Abbiate senso giustizia”. A San Pietro anche Ratzinger
ROMA, 14 febbraio 2015 – “Il cardinalato non è onore, ma perno che muove Chiesa”, e “chi è chiamato nella Chiesa al servizio del governo deve avere un forte senso della giustizia” e non deve cercare “il proprio interesse”. Questo il messaggio di papa Francesco nell’omelia del concistoro, durante il quale ha creato oggi 20 nuovi cardinali: 15 elettori e 5 non elettori. Nella basilica di San Pietro ha partecipato al rito anche il papa emerito Benedetto XVI. Ratzinger prese parte anche al primo concistoro di Francesco.
Tra i nuovi cardinali, infatti, c’è un solo nuovo porporato di curia: il Prefetto della «Cassazione Vaticana», il corso monsignor Dominique Mamberti. Oltre a lui, pastori provenienti da 14 nazioni diverse tra cui Etiopia, Capo Verde, Isole Tonga, Vietnam, Nuova Zelanda, Panama, Messico, Spagna, Uruguay e Myanmar. Ancora una volta il Papa ha premiato i vescovi di frontiera, che vivono alla «fine del mondo» o che si trovano a fronteggiare giornalmente situazioni estreme, scegliendo per la porpora pastori in linea con il suo pontificato, dedicato ai poveri e ai più deboli.
Sorpresa anche per le nomine degli italiani che diventeranno cardinali: Bergoglio, per la seconda volta, ha scelto due vescovi italiani provenienti da diocesi periferiche. Da un lato Ancona con la nomina inaspettata di monsignor Edoardo Menichelli, dall’altra Agrigento con monsignor Francesco Montenegro, arcivescovo della diocesi che comprende anche l’isola di Lampedusa che fu meta del primo viaggio in Italia del Papa nel luglio del 2013 e che ogni anno accoglie migliaia di migranti provenienti dall’Africa. Proprio per monsignor Montenegro, impegnato in prima linea per gli immigrati, da tempo si vociferava di una possibile nomina a cardinale e di un trasferimento a Palermo, in sostituzione del cardinale Paolo Romeo già in età pensionabile. Non è da escludere però che Francesco voglia che Montenegro rimanga stabile proprio nella diocesi dei templi, in modo da rimarcare ancora di più l’attenzione del suo pontificato anche al tema dei migranti.

Penalizzate invece le grandi diocesi di Torino e Venezia, ancora senza un cardinale: tra gli esclusi eccellenti in questo concistoro il patriarca Francesco Moraglia e monsignor Cesare Nosiglia, che nel 2015 dovrà accogliere a Torino Papa Francesco per le celebrazioni del bicentenario della nascita di San Giovanni Bosco e l’ostensione della Sacra Sindone. I due presuli erano stati esclusi dal concistoro anche lo scorso anno, quando Bergoglio aveva preferito nominare cardinale l’arcivescovo di Perugia, Gualtiero Bassetti. «Si conferma che il Papa non si ritiene vincolato alla tradizione delle ?sedi cardinalizie? – che era motivata da ragioni storiche in diversi Paesi – per cui il cardinalato era considerato quasi ?automaticamente? legato a tali sedi», spiega in una nota il direttore della Sala Stampa Vaticana, Padre Federico Lombardi: «Abbiamo invece diverse nomine di Arcivescovi o Vescovi di sedi che in passato non avevano avuto un cardinale. Cio? vale ad esempio per l’Italia, la Spagna, il Messico».

Oltre ai 15 cardinali elettori il Papa ha voluto nominare anche altri 5 cardinali ultra ottantenni «che si sono distinti per la loro carità pastorale al servizio della Santa Sede e della Chiesa» ha spiegato il pontefice. Tra questi un italiano, monsignor Luigi De Magistris, 88 anni, Pro-Penitenziere maggiore Emerito.Regione Campania e Provincia di Salerno

Diocesi di Teggiano-Policastro: dal Cav. Attilio De Lisa di Sanza quale cattolico cristiano praticante della Parrocchia Santa Maria Assunta e San Francesco d’Assisi nel Parco Nazionale del Cilento Vallo di Diano e Alburni .e dipendente di ruolo dell’A.S.L. Salerno e del P.O. di Sapri.

“Abbiate senso giustizia”. A San Pietro anche Ratzinger
ROMA, 14 febbraio 2015 – “Il cardinalato non è onore, ma perno che muove Chiesa”, e “chi è chiamato nella Chiesa al servizio del governo deve avere un forte senso della giustizia” e non deve cercare “il proprio interesse”. Questo il messaggio di papa Francesco nell’omelia del concistoro, durante il quale ha creato oggi 20 nuovi cardinali: 15 elettori e 5 non elettori. Nella basilica di San Pietro ha partecipato al rito anche il papa emerito Benedetto XVI. Ratzinger prese parte anche al primo concistoro di Francesco.
Tra i nuovi cardinali, infatti, c’è un solo nuovo porporato di curia: il Prefetto della «Cassazione Vaticana», il corso monsignor Dominique Mamberti. Oltre a lui, pastori provenienti da 14 nazioni diverse tra cui Etiopia, Capo Verde, Isole Tonga, Vietnam, Nuova Zelanda, Panama, Messico, Spagna, Uruguay e Myanmar. Ancora una volta il Papa ha premiato i vescovi di frontiera, che vivono alla «fine del mondo» o che si trovano a fronteggiare giornalmente situazioni estreme, scegliendo per la porpora pastori in linea con il suo pontificato, dedicato ai poveri e ai più deboli.
Sorpresa anche per le nomine degli italiani che diventeranno cardinali: Bergoglio, per la seconda volta, ha scelto due vescovi italiani provenienti da diocesi periferiche. Da un lato Ancona con la nomina inaspettata di monsignor Edoardo Menichelli, dall’altra Agrigento con monsignor Francesco Montenegro, arcivescovo della diocesi che comprende anche l’isola di Lampedusa che fu meta del primo viaggio in Italia del Papa nel luglio del 2013 e che ogni anno accoglie migliaia di migranti provenienti dall’Africa. Proprio per monsignor Montenegro, impegnato in prima linea per gli immigrati, da tempo si vociferava di una possibile nomina a cardinale e di un trasferimento a Palermo, in sostituzione del cardinale Paolo Romeo già in età pensionabile. Non è da escludere però che Francesco voglia che Montenegro rimanga stabile proprio nella diocesi dei templi, in modo da rimarcare ancora di più l’attenzione del suo pontificato anche al tema dei migranti.

Penalizzate invece le grandi diocesi di Torino e Venezia, ancora senza un cardinale: tra gli esclusi eccellenti in questo concistoro il patriarca Francesco Moraglia e monsignor Cesare Nosiglia, che nel 2015 dovrà accogliere a Torino Papa Francesco per le celebrazioni del bicentenario della nascita di San Giovanni Bosco e l’ostensione della Sacra Sindone. I due presuli erano stati esclusi dal concistoro anche lo scorso anno, quando Bergoglio aveva preferito nominare cardinale l’arcivescovo di Perugia, Gualtiero Bassetti. «Si conferma che il Papa non si ritiene vincolato alla tradizione delle ?sedi cardinalizie? – che era motivata da ragioni storiche in diversi Paesi – per cui il cardinalato era considerato quasi ?automaticamente? legato a tali sedi», spiega in una nota il direttore della Sala Stampa Vaticana, Padre Federico Lombardi: «Abbiamo invece diverse nomine di Arcivescovi o Vescovi di sedi che in passato non avevano avuto un cardinale. Cio? vale ad esempio per l’Italia, la Spagna, il Messico».

Oltre ai 15 cardinali elettori il Papa ha voluto nominare anche altri 5 cardinali ultra ottantenni «che si sono distinti per la loro carità pastorale al servizio della Santa Sede e della Chiesa» ha spiegato il pontefice. Tra questi un italiano, monsignor Luigi De Magistris, 88 anni, Pro-Penitenziere maggiore Emerito.