La giostra del gol, il calcio d’attacco di Rafa e Iachini. Higuain punta all’aggancio a Tevez

0

Trentacinque gol l’attacco del Napoli, 22 quello del Palermo. Higuain la stella azzurra, 12 reti, a soli due passi da Tevez che domani sera salta Cesena per squalifica. Dybala il gioiello rosanero, ambito dai grandi club europei dopo la frizione con Zamparini per il rinnovo del contratto, è appena una casella più sotto, a 11 reti. La sfida argentina, il campione affermato contro il giovane emergente. Ma non solo. Benitez in attacco ha molteplici soluzioni, infatti i 35 gol azzurri sono divisi tra ben otto interpreti. Iachini invece si affida sui magnifici tre, gioca con Vazquez e Dybala e al momento giusto lancia in campo Belotti: un tris d’assi, tre attaccanti che hanno segnato ben 22 reti. Calcio spettacolo quello di Benitez e anche quello di Iachini. La giostra del gol, squadre offensive e sempre alla ricerca di una rete in più degli avversari. Le mille facce del gol nel Napoli di Benitez, tutti a segno e non solo Higuain. L’argentino è il valore aggiunto, il vero top player, quello che segna più di tutti e in ogni modo. Ma non c’è solo il Pipita, dietro di lui Callejon che di gol ne ha segnati 9, poi Gabbiadini che ha realizzato due reti nelle prime due partite da titolare nel Napoli, dopo le sette messe a segno con la Sampdoria. Sostanzioso anche l’apporto di Zapata, quattro reti nelle partite in cui è stato schierato e poi Hamsik, De Guzman, Mertens e Insigne. Nel Palermo di Iachini invece segnano sempre in tre, più il centrocampista Rigoni che di reti ne ha realizzate quattro. Fondamentale Vazquez, il trequartista che riesce a trovare la porta con facilità (6 gol) e soprattutto ad esaltare le doti di Dybala che riesce a sfruttare l’intera ampiezza del fronte d’attacco. La carta in panchina di Iachini è Belotti, punta centrale che è già arrivato a cinque reti. Moduli diversi ma stessa filosofia di gioco alla continua ricerca del gol. Benitez schiera sempre quattro attaccanti e non fa deroghe sulla sua idea tattica, Iachini invece gioca con un attaccante e un trequartista a sostegno. Più possesso palla del Napoli, grande abilità in ripartenza del Palermo.Già all’andata al San Paolo fu una partita spettacolare: 3-3. Azzurri avanti 2-0 e 3-1, poi raggiunti. Segnarono due attaccanti di Benitez, il colombiano Zapata e Callejon. Doppietta di Belotti e Vazquez, le punte a segno nel Palermo. Attacchi spettacolari e tante soluzioni, fase offensiva punto di forza di Benitez e Iachini: Palermo e Napoli formazioni portate a proporre gioco e ad arrivare con facilità al tiro. Tante conclusioni nello specchio della porta, l’attacco di Rafa con 41 reti è il secondo del campionato dopo quello della Juventus. Il Palermo è il quinto con 34 gol. Calcio d’attacco, squadre spettacolari, le più offensive del campionato come atteggiamento e mentalità. Tante stelle nella notte del Barbera, i più attesi sono Higuain e Dybala, i due bomber argentini che stanno tenendo una media realizzativa di primo livello. Benitez può puntare su Callejon, candidato a tornare tra i titolari, e Gabbiadini, che però dovrebbe ricominciare dalla panchina. C’è Hamsik che al Palermo di gol ne ha segnati sette, la sua avversaria preferita in Italia, quattro i centri dello slovacco al Barbera. Iachini, oltre a Dybala, punta tutto su Vazquez e sull’eventuale inserimento di Belotti. (Roberto Ventre – Il Mattino) 

Trentacinque gol l’attacco del Napoli, 22 quello del Palermo. Higuain la stella azzurra, 12 reti, a soli due passi da Tevez che domani sera salta Cesena per squalifica. Dybala il gioiello rosanero, ambito dai grandi club europei dopo la frizione con Zamparini per il rinnovo del contratto, è appena una casella più sotto, a 11 reti. La sfida argentina, il campione affermato contro il giovane emergente. Ma non solo. Benitez in attacco ha molteplici soluzioni, infatti i 35 gol azzurri sono divisi tra ben otto interpreti. Iachini invece si affida sui magnifici tre, gioca con Vazquez e Dybala e al momento giusto lancia in campo Belotti: un tris d’assi, tre attaccanti che hanno segnato ben 22 reti. Calcio spettacolo quello di Benitez e anche quello di Iachini. La giostra del gol, squadre offensive e sempre alla ricerca di una rete in più degli avversari. Le mille facce del gol nel Napoli di Benitez, tutti a segno e non solo Higuain. L’argentino è il valore aggiunto, il vero top player, quello che segna più di tutti e in ogni modo. Ma non c’è solo il Pipita, dietro di lui Callejon che di gol ne ha segnati 9, poi Gabbiadini che ha realizzato due reti nelle prime due partite da titolare nel Napoli, dopo le sette messe a segno con la Sampdoria. Sostanzioso anche l’apporto di Zapata, quattro reti nelle partite in cui è stato schierato e poi Hamsik, De Guzman, Mertens e Insigne. Nel Palermo di Iachini invece segnano sempre in tre, più il centrocampista Rigoni che di reti ne ha realizzate quattro. Fondamentale Vazquez, il trequartista che riesce a trovare la porta con facilità (6 gol) e soprattutto ad esaltare le doti di Dybala che riesce a sfruttare l’intera ampiezza del fronte d’attacco. La carta in panchina di Iachini è Belotti, punta centrale che è già arrivato a cinque reti. Moduli diversi ma stessa filosofia di gioco alla continua ricerca del gol. Benitez schiera sempre quattro attaccanti e non fa deroghe sulla sua idea tattica, Iachini invece gioca con un attaccante e un trequartista a sostegno. Più possesso palla del Napoli, grande abilità in ripartenza del Palermo.Già all’andata al San Paolo fu una partita spettacolare: 3-3. Azzurri avanti 2-0 e 3-1, poi raggiunti. Segnarono due attaccanti di Benitez, il colombiano Zapata e Callejon. Doppietta di Belotti e Vazquez, le punte a segno nel Palermo. Attacchi spettacolari e tante soluzioni, fase offensiva punto di forza di Benitez e Iachini: Palermo e Napoli formazioni portate a proporre gioco e ad arrivare con facilità al tiro. Tante conclusioni nello specchio della porta, l’attacco di Rafa con 41 reti è il secondo del campionato dopo quello della Juventus. Il Palermo è il quinto con 34 gol. Calcio d’attacco, squadre spettacolari, le più offensive del campionato come atteggiamento e mentalità. Tante stelle nella notte del Barbera, i più attesi sono Higuain e Dybala, i due bomber argentini che stanno tenendo una media realizzativa di primo livello. Benitez può puntare su Callejon, candidato a tornare tra i titolari, e Gabbiadini, che però dovrebbe ricominciare dalla panchina. C’è Hamsik che al Palermo di gol ne ha segnati sette, la sua avversaria preferita in Italia, quattro i centri dello slovacco al Barbera. Iachini, oltre a Dybala, punta tutto su Vazquez e sull’eventuale inserimento di Belotti. (Roberto Ventre – Il Mattino)