Toronto Masters – I big four sono tutti in semifinale

0

Roger fatica ma alla fine sconfigge Berdych e troverà in semifinale Novak che ha vinto facile su Chardy. Andy ha eliminato Nalbandian e nel prossimo turno se la vedrà con Rafa, che ha superato in tre set Kohlschreiber. I primi 4 della classifica in semifinale. Non succedeva da Cincinnati 2009

- 0

Roger Federer soffre ma raggiunge la semifinale dell’ ATP di Toronto sconggendo al tie break, Tomas Berdych, che lo aveva eliminato ai quarti a Wimbledon. 6-3, 5-7, 7-6 il risultato a favore del numero 3 del mondo che ha espresso un tennis davvero spettacolare. La voglia di rivincita ha portato Roger a reagire in maniera umile alle difficoltà del terzo e decisivo set in cui Berdych brekka subito l’avversario portandosi sul 3-1 e addirittura sul 5-3 servendo per il match. L’elvetico ha l’ultima occasione per strappare il servizio al ceco e ci riesce alla terza palla break. I due arrivano al tie break dove spesso il più forte vince. E così è stato.

Novak Djokovic invece non ha alcun problema a raggiungere il penultimo atto del Master di Toronto battendo in due comodi set il francese Jeremy Chardy per 6-2; 6-3. Il numero due delle classifiche mondiali impiega solamente 72 minuti per sbrigare la pratica dei quarti. E’ la prima volta in semifinale in questo torneo per il 23enne serbo che se la dovrà vedere ora con Roger Federer.

Andy Murray è stato, in ordine cronologico, il primo giocatore a qualificarsi alle semifinali della “Rogers Cup’: nei quarti il britannico, quarto favorito del seeding e campione in carica, ha letteralmente passeggiato. Nulla da fare dunque per David Nalbandian, protagonista dell’eliminazione di Robin Soderling, ma sconfitto per 6-2 6-2 da Murray. L’argentino ex numero tre del tennis mondiale è apparso molto stanco fisicamente, forse anche in seguito agli strapazzi del torneo vinto a Washington; Murray invece era molto ispirato, e così il successo del britannico è risultato facile facile. “E’ stata una delle mie migliori partite”, commenterà poi il campione in carica.

Nella semifinale, ecco Rafael Nadal: il maiorchino va avanti a fatica, vista anche l’opposizione fornita da Philipp Kohlschreiber, superato in tre set, per 3-6, 6-3, 6-4. Nadal, che ha vinto questo evento in due occasioni, nel 2005 e nel 2008, viene breakkato nel primo turno di servizio della partita, finendo per perdere il primo set. Nadal conquista abbastanza agevolmente la seconda partita, e nella terza, con Kohlschreiber al servizio sul 3-3, Rafa conquista quattro punti consecutivi per aggiudicarsi il break decisivo. Il servizio completa l’opera, e il tedesco numero 37 al mondo è superato, dopo due ore esatte di gioco.

Eurosport       miki de lucia 

in arrivo un nuobo blog  ancora in costruzione  guarda l’ANTEPRIMA

 http://calcionapoli.positanonews.it/