Vico Equense. L’opposizione attacca l’esecutivo sul rimpasto: «Si pensa alla poltrona invece dei problemi seri»

0

Vico Equense. «Scemenze, i problemi di Vico Equense sono ben altri…». L’opposizione consiliare va all’attacco del sindaco Gennaro Cinque e dei “dissidenti” della maggioranza che “duellano” da due settimane sull’ipotesi rimpasto. Un rimpasto che, secondo le civiche di centrodestra, dovrebbe portare nell’esecutivo – al più presto – assessori politici al posto proprio dei tecnici che il primo cittadino ha inteso portare al suo fianco in squadra lo scorso anno. In tal senso, arriva la bacchettata della minoranza. In prima linea i consiglieri comunali Natale Maresca, Claudia Scaramellino e Andrea Lauro che – attraverso una nota apparsa anche sulla pagina del movimento – bocciano l’operato dell’amministrazione di Vico Equense. «Giunta tecnica o giunta politica? Ma smettetela con queste scemenze. I problemi di questa Città sono ben altri e qualcuno è impegnato da anni solo in un gioco di posizionamento di poltrone in vista della “successione”». (Josè Astarita – Metropolis)

Vico Equense. «Scemenze, i problemi di Vico Equense sono ben altri…». L’opposizione consiliare va all’attacco del sindaco Gennaro Cinque e dei “dissidenti” della maggioranza che “duellano” da due settimane sull’ipotesi rimpasto. Un rimpasto che, secondo le civiche di centrodestra, dovrebbe portare nell’esecutivo – al più presto – assessori politici al posto proprio dei tecnici che il primo cittadino ha inteso portare al suo fianco in squadra lo scorso anno. In tal senso, arriva la bacchettata della minoranza. In prima linea i consiglieri comunali Natale Maresca, Claudia Scaramellino e Andrea Lauro che – attraverso una nota apparsa anche sulla pagina del movimento – bocciano l’operato dell’amministrazione di Vico Equense. «Giunta tecnica o giunta politica? Ma smettetela con queste scemenze. I problemi di questa Città sono ben altri e qualcuno è impegnato da anni solo in un gioco di posizionamento di poltrone in vista della “successione”». (Josè Astarita – Metropolis)