Locale a rischio di chiusura a Caserta: 13 ragazze su 15 in nero

0

 Lavoravano in un night club ma erano quasi tutti in nero. E’ il risultato di un’operazione di controllo contro il lavoro nero effettuata dalal Gaurdia di Finanza. Su quindici dipendenti complessivamente controllati, tredici di loro sono risultati completamente irregolari o parzialmente in regola. Di questi, dieci erano ragazze tra i 19 ed i 30 anni provenienti dall’Est Europa e dal Sud America, impiegate quali “intrattenitrici di sala” o “ragazze immagine” per tenere compagnia ai clienti.
 L’esito dei riscontri effettuati dai finanzieri ha fatto scattare la segnalazione alla Direzione Provinciale del Lavoro di Caserta per i provvedimenti di competenza, come sancito dalla vigente normativa di settore, che prevede, tra l’altro, la sospensione delle attività imprenditoriali dove viene impiegato personale non in regola in misura pari o superiore al 20% del totale dei lavoratori presenti all’atto del controllo.
 Pesanti, quindi, le pene per il datore di lavoro, che rischia una maxi-sanzione che si aggira su circa 60 mila euro e la chiusura del locale.

 

 Lavoravano in un night club ma erano quasi tutti in nero. E' il risultato di un'operazione di controllo contro il lavoro nero effettuata dalal Gaurdia di Finanza. Su quindici dipendenti complessivamente controllati, tredici di loro sono risultati completamente irregolari o parzialmente in regola. Di questi, dieci erano ragazze tra i 19 ed i 30 anni provenienti dall’Est Europa e dal Sud America, impiegate quali “intrattenitrici di sala” o “ragazze immagine” per tenere compagnia ai clienti.
 L’esito dei riscontri effettuati dai finanzieri ha fatto scattare la segnalazione alla Direzione Provinciale del Lavoro di Caserta per i provvedimenti di competenza, come sancito dalla vigente normativa di settore, che prevede, tra l’altro, la sospensione delle attività imprenditoriali dove viene impiegato personale non in regola in misura pari o superiore al 20% del totale dei lavoratori presenti all'atto del controllo.
 Pesanti, quindi, le pene per il datore di lavoro, che rischia una maxi-sanzione che si aggira su circa 60 mila euro e la chiusura del locale.

 

Lascia una risposta