Il Wwf vince la battaglia. Salvo il pino secolare di Seiano: non è pericolante

0

Vico Equense – E’ salva la vita del pino secolare di Seiano. La Procura della Repubblica di Torre Annunziata ha stabilito il dissequestro dell’area. Gli accertamenti su stato di salute della pianta, stabilità del suolo ed eventuale rischio per la pubblica incolumità sono giunte a conclusione: l’albero non è pericoloso. Al proprietario del terreno è stato, però, ordinato di provvedere alla manutenzione della pianta e alla messa in sicurezza dell’area, resa più fragile a seguito dell’abbattimento dell’altro pino. La vicenda risale a giugno dello scorso anno, quando con un’ordinanza il sindaco Gennaro Cinque ha dichiarato l’urgenza di abbattere gli esemplari arborei per tutelare l’incolumità di cose e persone. Una squadra di tecnici si è recata sul luogo per segare i due alberi di quasi 150 anni. Sono scattate subito le denunce del Wwf. In due giorni uno dei due alberi è stato tagliato. Poi l’arrivo degli uomini del corpo forestale, su delega della Procura, ha fermato le attività: sospensione dei lavori e dell’ordinanza del sindaco, sequestro dell’area per fare ulteriori accertamenti. (Fonte: Ilenia De Rosa da Il Mattino) 

Vico Equense – E’ salva la vita del pino secolare di Seiano. La Procura della Repubblica di Torre Annunziata ha stabilito il dissequestro dell’area. Gli accertamenti su stato di salute della pianta, stabilità del suolo ed eventuale rischio per la pubblica incolumità sono giunte a conclusione: l’albero non è pericoloso. Al proprietario del terreno è stato, però, ordinato di provvedere alla manutenzione della pianta e alla messa in sicurezza dell’area, resa più fragile a seguito dell’abbattimento dell’altro pino. La vicenda risale a giugno dello scorso anno, quando con un’ordinanza il sindaco Gennaro Cinque ha dichiarato l’urgenza di abbattere gli esemplari arborei per tutelare l’incolumità di cose e persone. Una squadra di tecnici si è recata sul luogo per segare i due alberi di quasi 150 anni. Sono scattate subito le denunce del Wwf. In due giorni uno dei due alberi è stato tagliato. Poi l’arrivo degli uomini del corpo forestale, su delega della Procura, ha fermato le attività: sospensione dei lavori e dell’ordinanza del sindaco, sequestro dell’area per fare ulteriori accertamenti. (Fonte: Ilenia De Rosa da Il Mattino) 

Lascia una risposta