AL QAIDA VOLEVA COLPIRE IL PAPA

0

(di Giulia Asprino) – L’Intelligence svela come poteva chiudersi in tragedia la visita di Papa Francesco nelle Filippine lo scorso 18 gennaio. Il gruppo terroristico di Al-Qaida, con la complicità del terrorista malese “Marwan”, voleva attentare alla vita del Pontefice, facendo esplodere un ordigno al suo passaggio lungo il centro storico della capitale, Kalaw Avanue. Il piano è stato scoperto dal direttore della polizia filippina Getulio Napenas, che, spiegando al cospetto dei vertici del Senato tutte le dinamiche del Massacro di Mammasapano, ha dichiarato come fosse stato studiato nei minimi dettagli il progetto di eliminare Papa Bergoglio dalla scena internazionale.

(di Giulia Asprino) – L'Intelligence svela come poteva chiudersi in tragedia la visita di Papa Francesco nelle Filippine lo scorso 18 gennaio. Il gruppo terroristico di Al-Qaida, con la complicità del terrorista malese "Marwan", voleva attentare alla vita del Pontefice, facendo esplodere un ordigno al suo passaggio lungo il centro storico della capitale, Kalaw Avanue. Il piano è stato scoperto dal direttore della polizia filippina Getulio Napenas, che, spiegando al cospetto dei vertici del Senato tutte le dinamiche del Massacro di Mammasapano, ha dichiarato come fosse stato studiato nei minimi dettagli il progetto di eliminare Papa Bergoglio dalla scena internazionale.

Lascia una risposta