MAIORI. COSTA D’ANGOLO

0

 

Durante l’epoca della Repubblica di Amalfi, Maiori era il cuore del commercio marittimo. L’ampia baia proliferava di orti e giardini e l’economia si basava prevalentemente sull’agricoltura. Nel 1954 una terribile alluvione distrusse il paese e la ricostruzione ne ha cambiato la fisionomia. Insieme alla vita rurale i maioresi perdevano la propria MEMORIA , ma alcuni di essi ancora la CONSERVANO forse per l’ultima generazione. 

COSTA D’ANGOLO – un documentario di Elisa Flaminia Inno – Prodotto da 15 06 in collaborazione con Pragma – Montaggio Enrica Gatto – Post Audio Andreas Russo – Color Lena Di Gennaro e Gaetano Volpe – Musiche Nando Citarella 

Interpreti: Cristina Zichinolfi, Francesco Baccaro, Teresa D’Amato, Attilio Ingravalle, Rachele e Rosaria Fariello, Agnese Gatto

Prodotto da Elisa Flaminia Inno per 15 06, in collaborazione con PRAGMA, con il sostegno di Regione Lazio, Comune di Maiori, Centro Universitario Europeo per i Beni Culturali, Villa Rufolo – Ravello, la partecipazione del Centro di Cultura e Storia Amalfitana e il Patrocinio della Provinci di Salerno

 

 

Durante l’epoca della Repubblica di Amalfi, Maiori era il cuore del commercio marittimo. L’ampia baia proliferava di orti e giardini e l’economia si basava prevalentemente sull’agricoltura. Nel 1954 una terribile alluvione distrusse il paese e la ricostruzione ne ha cambiato la fisionomia. Insieme alla vita rurale i maioresi perdevano la propria MEMORIA , ma alcuni di essi ancora la CONSERVANO forse per l’ultima generazione. 

COSTA D'ANGOLO – un documentario di Elisa Flaminia Inno – Prodotto da 15 06 in collaborazione con Pragma – Montaggio Enrica Gatto – Post Audio Andreas Russo – Color Lena Di Gennaro e Gaetano Volpe – Musiche Nando Citarella 

Interpreti: Cristina Zichinolfi, Francesco Baccaro, Teresa D'Amato, Attilio Ingravalle, Rachele e Rosaria Fariello, Agnese Gatto

Prodotto da Elisa Flaminia Inno per 15 06, in collaborazione con PRAGMA, con il sostegno di Regione Lazio, Comune di Maiori, Centro Universitario Europeo per i Beni Culturali, Villa Rufolo – Ravello, la partecipazione del Centro di Cultura e Storia Amalfitana e il Patrocinio della Provinci di Salerno