Brunetta, Amalfitano e Valanzuolo non se ne vogliono andare ! La Fondazione Ravello va in tilt

0

E non se ne vogliono andare! Incredibile, ma vero, in un bailamme informativo, che ha messo in difficoltà anche noi di Positanonews, la Fondazione Ravello fa cortocircuito. Vi è stata una elezione, con una maggioranza indiscutibile, la provincia di Salerno ed il Comune, che ha visto il sindaco Paolo Vuilleumieur eletto, mentre la Regione Campania , dopo la lettera di Caldoro che minacciva di “tagliare i viveri” alla Fondazione, meritandosi articoli su tutte le testate e un servizio sull’Espresso, non si presentava. Ebbene che succede dalla “Fondazione Ravello” (le virgolette sono d’obbligo visto che non dovrebbero essere più loro a rappresentare) arriva un comunicato di “scomunica” alle elezioni appena fatte, comunicato che, come al solito, non viene inviato ai due principali quotidiani online del territorio, cosa doverosa visto che l’ufficio stampa è pagato con soldi pubblici   , ma evidentemente è stato costretto a rispondere al diktat altrui.. L’incipit del comunicato stampa è da manuale .. Il prof. Renato Brunetta, a tutti gli effetti di legge Presidente in carica della Fondazione Ravello, intervenuto stamattina alle ore 12 presso la sede legale della Fondazione, ha inteso riportare nell’alveo della legittimità e della legalità il percorso istituzionale, evitando pericolose derive tali da compromettere ulteriormente il futuro della Fondazione stessa. Dopo aver consultato i consiglieri d’indirizzo assenti e dopo aver preso contezza di tutta la ponderosa documentazione sviluppatasi dal 24 gennaio scorso ad oggi in merito all’elezione del Presidente della Fondazione, ha ritenuto opportuno avviare immediatamente le procedure per addivenire in tempi rapidi ad una nuova seduta di Consiglio d’Indirizzo, pienamente legittima, che potesse porre fine ad una querelle inutile e dannosa per tutti. Il verbale redatto e firmato dal presidente Brunetta – qui il testo 05 02 2015 – Verbale – è stato successivamente sottoposto all’attenzione dei consiglieri d’indirizzo sopraggiunti presso la sede della Fondazione. Esaurita la parte formale, il presidente Brunetta ed il SG della Fondazione Ravello, dr. Secondo Amalfitano, si sono allontanati dalla sede. Il verbale allegato è stato firmato solo da loro , Amalfitano, Brunetta e Valanzuolo, più uno 

E non se ne vogliono andare! Incredibile, ma vero, in un bailamme informativo, che ha messo in difficoltà anche noi di Positanonews, la Fondazione Ravello fa cortocircuito. Vi è stata una elezione, con una maggioranza indiscutibile, la provincia di Salerno ed il Comune, che ha visto il sindaco Paolo Vuilleumieur eletto, mentre la Regione Campania , dopo la lettera di Caldoro che minacciva di "tagliare i viveri" alla Fondazione, meritandosi articoli su tutte le testate e un servizio sull'Espresso, non si presentava. Ebbene che succede dalla "Fondazione Ravello" (le virgolette sono d'obbligo visto che non dovrebbero essere più loro a rappresentare) arriva un comunicato di "scomunica" alle elezioni appena fatte, comunicato che, come al solito, non viene inviato ai due principali quotidiani online del territorio, cosa doverosa visto che l'ufficio stampa è pagato con soldi pubblici   , ma evidentemente è stato costretto a rispondere al diktat altrui.. L'incipit del comunicato stampa è da manuale .. Il prof. Renato Brunetta, a tutti gli effetti di legge Presidente in carica della Fondazione Ravello, intervenuto stamattina alle ore 12 presso la sede legale della Fondazione, ha inteso riportare nell’alveo della legittimità e della legalità il percorso istituzionale, evitando pericolose derive tali da compromettere ulteriormente il futuro della Fondazione stessa. Dopo aver consultato i consiglieri d’indirizzo assenti e dopo aver preso contezza di tutta la ponderosa documentazione sviluppatasi dal 24 gennaio scorso ad oggi in merito all’elezione del Presidente della Fondazione, ha ritenuto opportuno avviare immediatamente le procedure per addivenire in tempi rapidi ad una nuova seduta di Consiglio d’Indirizzo, pienamente legittima, che potesse porre fine ad una querelle inutile e dannosa per tutti. Il verbale redatto e firmato dal presidente Brunetta – qui il testo 05 02 2015 – Verbale – è stato successivamente sottoposto all’attenzione dei consiglieri d’indirizzo sopraggiunti presso la sede della Fondazione. Esaurita la parte formale, il presidente Brunetta ed il SG della Fondazione Ravello, dr. Secondo Amalfitano, si sono allontanati dalla sede. Il verbale allegato è stato firmato solo da loro , Amalfitano, Brunetta e Valanzuolo, più uno