La Cosa, la commedia con Cristiana Dell’Anna, Ciro Esposito, Ivan Boragine e Gabriele Rega in scena al Teatro Bolivar

0

La Cosa, e’ questo il titolo della commedia alla napoletana in scena sabato 7 febbraio alle ore 21.00 e domenica 8 alle ore 18.30 al Teatro Bolivar di Materdei a Napoli. Lo scenario e’ la casa di una nonna, deceduta da poco, nella quale si e’ insediato Arturo, scommettitore incallito di Lega-Pro. Attorno a lui ruotano, Lello il suo migliore amico un po’ imbranato ma dalla battuta sempre pronta, la ex moglie sud americana Marisol, che lo rincorre per gli alimenti e suo cugino Ignazio, ricco ed intelligente che con Arturo e’ sempre stato in competizione. I quattro si trovano rinchiusi in casa, a non sapere come sfuggire dalla pericolosa Cosa, un mostro che assale Napoli, ed hanno intanto come unico mezzo di comunicazione con il mondo la sempre presente Televisione, che interrompe continuamente il collegamento dai campi, per annunciare la catastrofe che si sta consumando in tutta Italia. Arturo ha appena piazzato la giocata della sua vita e spera sempre di vincere. Ma quello che nessuno di loro sa è che però quella vincita, qualora arrivasse, non servirebbe loro a nulla, perché un “mostro” può presentarsi sotto molteplici spoglie. L’epilogo e’ come si spera, una sorpresa. “LA COSA, dove porta quest’abisso” è una commedia surreale, che racconta il metaforico annientamento dell’intera comunità, indice di una devastazione culturale ormai lampante. Tra battute e monologhi di riflessione, “La Cosa: dove porta questo abisso” spera di raccontare un po’ la nostra società, senza dimenticare di far sorridere. In scena Ivan Boragine (interprete nella serie“Gomorra” di Sky di Michele Casillo, uno dei migliori amici del figlio del boss Pietro Savastano, Genny), Cristiana Dell’Anna (interprete dal 2012 del duplice ruolo delle gemelle Cirillo nella serie tv“Un posto al sole”, in onda su Rai Tre), Gabriele Rega (attore, cabarettista e speaker radiofonico) e l’attore regista Ciro Esposito (con un curriculum che parla da sé, è diventato famoso con il film “Io Speriamo che me la cavo”, a cui hanno seguito tra i tanti lavori anche “La Squadra”, “Il grande Torino”, “Un’altra vita”) Le musiche sono a cura di Clementino, la regia è una prima di Ciro Esposito.La Cosa, e’ questo il titolo della commedia alla napoletana in scena sabato 7 febbraio alle ore 21.00 e domenica 8 alle ore 18.30 al Teatro Bolivar di Materdei a Napoli. Lo scenario e’ la casa di una nonna, deceduta da poco, nella quale si e’ insediato Arturo, scommettitore incallito di Lega-Pro. Attorno a lui ruotano, Lello il suo migliore amico un po’ imbranato ma dalla battuta sempre pronta, la ex moglie sud americana Marisol, che lo rincorre per gli alimenti e suo cugino Ignazio, ricco ed intelligente che con Arturo e’ sempre stato in competizione. I quattro si trovano rinchiusi in casa, a non sapere come sfuggire dalla pericolosa Cosa, un mostro che assale Napoli, ed hanno intanto come unico mezzo di comunicazione con il mondo la sempre presente Televisione, che interrompe continuamente il collegamento dai campi, per annunciare la catastrofe che si sta consumando in tutta Italia. Arturo ha appena piazzato la giocata della sua vita e spera sempre di vincere. Ma quello che nessuno di loro sa è che però quella vincita, qualora arrivasse, non servirebbe loro a nulla, perché un “mostro” può presentarsi sotto molteplici spoglie. L’epilogo e’ come si spera, una sorpresa. “LA COSA, dove porta quest’abisso” è una commedia surreale, che racconta il metaforico annientamento dell’intera comunità, indice di una devastazione culturale ormai lampante. Tra battute e monologhi di riflessione, “La Cosa: dove porta questo abisso” spera di raccontare un po’ la nostra società, senza dimenticare di far sorridere. In scena Ivan Boragine (interprete nella serie“Gomorra” di Sky di Michele Casillo, uno dei migliori amici del figlio del boss Pietro Savastano, Genny), Cristiana Dell’Anna (interprete dal 2012 del duplice ruolo delle gemelle Cirillo nella serie tv“Un posto al sole”, in onda su Rai Tre), Gabriele Rega (attore, cabarettista e speaker radiofonico) e l’attore regista Ciro Esposito (con un curriculum che parla da sé, è diventato famoso con il film “Io Speriamo che me la cavo”, a cui hanno seguito tra i tanti lavori anche “La Squadra”, “Il grande Torino”, “Un’altra vita”) Le musiche sono a cura di Clementino, la regia è una prima di Ciro Esposito.