Calcio mercato. Il Napoli tessera Obeng, la Roma si copre in difesa con Spolli, Paletta al Milan

0

Grandi ritorni e qualche sorpresa nell’ultimo giorno di trattative del mercato invernale, con Milan, Inter, Roma e Juve in prima fila. Ma partiamo da un’operazione del Napoli: ha tesserato il centrocampista ghanese classe ’86 Francis Obeng, del Santarcangelo. Acquisto legato a motivi burocratici perché la società azzurra se non avesse tesserato un extracomunitario avrebbe perso un posto per un potenziale acquisto futuro. Obeng resterà un giocatore azzurro fino al prossimo giugno restando in prestito proprio al Santarcangelo. Molto attivo il Milan che mette a disposizioni di Inzaghi due rinforzi di grande esperienza come Paletta prelevato dal Parma per circa 3 milioni di euro e Luca Antonelli esterno sinistro del Genoa seguito in passato anche dal Napoli. Galliani ha provato fino all’ultimo a chiudere anche per il centrocampista dell’ Atalanta Baselli: un classe ’92 di prospettiva garantita. Ma la trattativa è saltata proprio quando sembrava mancassero solo le firme sui contratti. Anche il Genoa del presidente Preziosi non è rimasto a guardare. Saltato all’ultimo minuto l’arrivo di Armero dal Milan, alla corte di Gasperini è tornato Marco Borriello. Nello scacchiere rossoblù prenderà il posto lasciato vacante dalla partenza di Alessandro Matri. E anche qui si tratta di un ritorno. Perché l’attaccante è stato ceduto in prestito alla Juventus dove è stato protagonista dal 2011 al 2013 realizzando 29 reti e mettendo in bacheca due scudetti. Per un Matri che arriva, c’è un Giovinco che parte. Destinazione Canada e più precisamente Toronto, dove diventerà il giocatore più pagato di tutta la lega statunitense. Il trasferimento era previsto per la sessione estiva di mercato, ma il club canadese ha deciso di anticipare i tempi per assicurarsi subito le giocate ed i gol dell’attaccante bianconero. Viste le difficoltà per arrivare a Chiriches e Kaboul del Tottenham, la Roma ha chiuso per Spolli del Catania. L’esperto difensore argentino arriva in prestito oneroso con diritto di riscatto fissato a 1,5 milioni. Colpo che va ad aggiungersi a quelli dei giorni scorsi di Doumbia e Ibarbo. Passa invece alla Sampdoria in prestito il palermitano Munoz, che pure era stato accostato al Milan e ai giallorossi. Il club di Ferrero poi riesce a chiudere anche l’ingaggio del centrocampista Acquah dall’Hoffenheim. Altro ritorno in casa Inter: Davide Santon, che Mourinho chiamava il «bambino», ritrova la maglia neroazzurra con la formula del prestito con diritto di riscatto dal Newcastle. Il Torino ha chiuso per Alvaro Gonzalez della Lazio e per Serafino del Boca Juniors, giovane attaccante accostato anche al Napoli. Dopo l’addio di Cuadrado, diventato ufficialmente un calciatore del Chelsea, la Fiorentina si assicura Salah e Rosi che arrivano entrambi con la formula del prestito. Al di là delle operazioni di mercato, la giornata è stata caratterizzata da una furiosa lite in casa Sampdoria tra l’allenatore Sinisa Mihaljovic ed il neo acquisto Samuel Eto’o. Uno screzio che ha portato l’attaccante camerunese ad allontanarsi dal ritiro. Si è addirittura parlato di una rescissione per quello che a tutti sembrava il fiore all’occhiello del mercato blucerchiato. Decisivo l’intervento del presidente Ferrero che con il suo carisma è riuscito a stemperare gli animi e a riportare il sereno su Bogliasco. (Bruno Majorano – Il Mattino)

Grandi ritorni e qualche sorpresa nell’ultimo giorno di trattative del mercato invernale, con Milan, Inter, Roma e Juve in prima fila. Ma partiamo da un’operazione del Napoli: ha tesserato il centrocampista ghanese classe ’86 Francis Obeng, del Santarcangelo. Acquisto legato a motivi burocratici perché la società azzurra se non avesse tesserato un extracomunitario avrebbe perso un posto per un potenziale acquisto futuro. Obeng resterà un giocatore azzurro fino al prossimo giugno restando in prestito proprio al Santarcangelo. Molto attivo il Milan che mette a disposizioni di Inzaghi due rinforzi di grande esperienza come Paletta prelevato dal Parma per circa 3 milioni di euro e Luca Antonelli esterno sinistro del Genoa seguito in passato anche dal Napoli. Galliani ha provato fino all’ultimo a chiudere anche per il centrocampista dell’ Atalanta Baselli: un classe ’92 di prospettiva garantita. Ma la trattativa è saltata proprio quando sembrava mancassero solo le firme sui contratti. Anche il Genoa del presidente Preziosi non è rimasto a guardare. Saltato all’ultimo minuto l’arrivo di Armero dal Milan, alla corte di Gasperini è tornato Marco Borriello. Nello scacchiere rossoblù prenderà il posto lasciato vacante dalla partenza di Alessandro Matri. E anche qui si tratta di un ritorno. Perché l’attaccante è stato ceduto in prestito alla Juventus dove è stato protagonista dal 2011 al 2013 realizzando 29 reti e mettendo in bacheca due scudetti. Per un Matri che arriva, c’è un Giovinco che parte. Destinazione Canada e più precisamente Toronto, dove diventerà il giocatore più pagato di tutta la lega statunitense. Il trasferimento era previsto per la sessione estiva di mercato, ma il club canadese ha deciso di anticipare i tempi per assicurarsi subito le giocate ed i gol dell’attaccante bianconero. Viste le difficoltà per arrivare a Chiriches e Kaboul del Tottenham, la Roma ha chiuso per Spolli del Catania. L’esperto difensore argentino arriva in prestito oneroso con diritto di riscatto fissato a 1,5 milioni. Colpo che va ad aggiungersi a quelli dei giorni scorsi di Doumbia e Ibarbo. Passa invece alla Sampdoria in prestito il palermitano Munoz, che pure era stato accostato al Milan e ai giallorossi. Il club di Ferrero poi riesce a chiudere anche l’ingaggio del centrocampista Acquah dall’Hoffenheim. Altro ritorno in casa Inter: Davide Santon, che Mourinho chiamava il «bambino», ritrova la maglia neroazzurra con la formula del prestito con diritto di riscatto dal Newcastle. Il Torino ha chiuso per Alvaro Gonzalez della Lazio e per Serafino del Boca Juniors, giovane attaccante accostato anche al Napoli. Dopo l’addio di Cuadrado, diventato ufficialmente un calciatore del Chelsea, la Fiorentina si assicura Salah e Rosi che arrivano entrambi con la formula del prestito. Al di là delle operazioni di mercato, la giornata è stata caratterizzata da una furiosa lite in casa Sampdoria tra l’allenatore Sinisa Mihaljovic ed il neo acquisto Samuel Eto’o. Uno screzio che ha portato l’attaccante camerunese ad allontanarsi dal ritiro. Si è addirittura parlato di una rescissione per quello che a tutti sembrava il fiore all’occhiello del mercato blucerchiato. Decisivo l’intervento del presidente Ferrero che con il suo carisma è riuscito a stemperare gli animi e a riportare il sereno su Bogliasco. (Bruno Majorano – Il Mattino)