Rafa va a “studiare” i gioiellini azzurri della primavera Romano e Prezioso durante la partita col Palermo

0

Troppi due giorni senza far nulla. Sicuramente servono ai giocatori per caricare energie mentali e fisiche. Ma Rafa Benitez non riesce a stare senza far nulla. E poiché ha capito che andare in giro per Napoli provoca troppi intoppi al traffico e alla normalità cittadina, ieri per la prima volta ha deciso di assistere a una gara della Primavera di Saurini. Gli azzurrini, reduci dal colpo grosso a Formello in campo della Lazio, hanno invece fatto un clamoroso flop proprio al cospetto del tecnico spagnolo: 0-2 per il Palermo e peggiore gara della stagione. Il Napoli resta quinto in classifica e la prossima settimana prenderà parte al Torneo di Viareggio. Osservati speciali Romano e Prezioso (peraltro espulso), da tempo nel mirino dello staff di Benitez. Con Rafa anche il ds Bigon e il preparatore atletico De Miguel. L’allenatore del Napoli, così come in occasione delle gare della sua squadra, è stato tutto il tempo a prendere appunti con una biro su un foglietto di carta. In realtà, non proprio una giornata da incorniciare per gli azzurrini di Saurini che alla fine della gara si è intrattenuto con Benitez. Molti dei baby del Napoli lo spagnolo li ha potuti vedere da vicino a Dimaro, nel corso del ritiro precampionato. Peraltro, Luperto lunedì sera è stato convocato in extremis per il forfait di Henrique. Ma Benitez ha approfittato della gara della Primavera anche per visitare (non lo aveva mai fatto prima) il centro sportivo Sant’Antimo di proprietà della famiglia Cesaro e che da diversi anni è il quartier generale delle squadre giovanili del club azzurro. Aniello Cesaro, il presidente del complesso, intervenuto poi a Radio Marte, ha raccontato i complimenti di Benitez per le strutture e l’organizzazione. Poi Cesaro ha aggiunto. «Benitez ha detto che se dovesse restare a Napoli prenderebbe in considerazione Sant’Antimo anche per la prima squadra. Qui c’è tutto, non solo campi di calcio, ma anche palestre e piscina, un albergo con 27 camere e una Spa». Oggi a Castelvolturno la ripresa degli allenamenti dopo le 48 ore di riposo: da verificare le condizioni di qualche giocatore, per esempio, Henrique. Domenica, in campo alle ore 15, la trasferta sul campo del Chievo che nella gara di andata sorprese il Napoli vincendo per 1-0 al San Paolo. (Pino Taormina – Il Mattino) 

Troppi due giorni senza far nulla. Sicuramente servono ai giocatori per caricare energie mentali e fisiche. Ma Rafa Benitez non riesce a stare senza far nulla. E poiché ha capito che andare in giro per Napoli provoca troppi intoppi al traffico e alla normalità cittadina, ieri per la prima volta ha deciso di assistere a una gara della Primavera di Saurini. Gli azzurrini, reduci dal colpo grosso a Formello in campo della Lazio, hanno invece fatto un clamoroso flop proprio al cospetto del tecnico spagnolo: 0-2 per il Palermo e peggiore gara della stagione. Il Napoli resta quinto in classifica e la prossima settimana prenderà parte al Torneo di Viareggio. Osservati speciali Romano e Prezioso (peraltro espulso), da tempo nel mirino dello staff di Benitez. Con Rafa anche il ds Bigon e il preparatore atletico De Miguel. L’allenatore del Napoli, così come in occasione delle gare della sua squadra, è stato tutto il tempo a prendere appunti con una biro su un foglietto di carta. In realtà, non proprio una giornata da incorniciare per gli azzurrini di Saurini che alla fine della gara si è intrattenuto con Benitez. Molti dei baby del Napoli lo spagnolo li ha potuti vedere da vicino a Dimaro, nel corso del ritiro precampionato. Peraltro, Luperto lunedì sera è stato convocato in extremis per il forfait di Henrique. Ma Benitez ha approfittato della gara della Primavera anche per visitare (non lo aveva mai fatto prima) il centro sportivo Sant’Antimo di proprietà della famiglia Cesaro e che da diversi anni è il quartier generale delle squadre giovanili del club azzurro. Aniello Cesaro, il presidente del complesso, intervenuto poi a Radio Marte, ha raccontato i complimenti di Benitez per le strutture e l’organizzazione. Poi Cesaro ha aggiunto. «Benitez ha detto che se dovesse restare a Napoli prenderebbe in considerazione Sant’Antimo anche per la prima squadra. Qui c’è tutto, non solo campi di calcio, ma anche palestre e piscina, un albergo con 27 camere e una Spa». Oggi a Castelvolturno la ripresa degli allenamenti dopo le 48 ore di riposo: da verificare le condizioni di qualche giocatore, per esempio, Henrique. Domenica, in campo alle ore 15, la trasferta sul campo del Chievo che nella gara di andata sorprese il Napoli vincendo per 1-0 al San Paolo. (Pino Taormina – Il Mattino) 

Lascia una risposta