Vico Equense. Torna libero il 23enne preso dai carabinieri con in casa crack, ecstasy, marijuana e un bilancino

0

Finì nei guai all’improvviso quando i carabinieri della stazione di Vico Equense, nel corso di una perquisizione domiciliare, trovarono nel suo appartamento un po’ di tutto. Crack, una pasticca di ecstasy, marijuana e anche un bilancino di precisione che, secondo gli investigatori, serviva per confezionare al meglio le dosi di sostanza stupefacente. Un piccolo market della droga casalingo, che costò a un insospettabile – un 23enne di Vico Equense – gli arresti domiciliari. Ma adesso è tornato libero. Sì perché ieri mattina, nel corso del processo per direttissima al Tribunale di Torre Annunziata, il ragazzo ha optato per il patteggiamento. Ecco perché è stato condannato a un anno e 6 mesi di reclusione. Una pena sospesa che ha immediatamente comportato la scarcerazione. A corredo anche una sanzione, pari a 400 euro. Il ragazzo doveva rispondere anche di resistenza a pubblico ufficiale visto che, durante l’ispezione dell’appartamento, stando alla ricostruzione dei carabinieri di Vico Equense tentò addirittura anche di fuggire lanciando nel giardino una bomboletta spray al cui interno fu ritrovata della sostanza stupefacente, 5 grammi di crack. Una “porzione” di droga che, aggiunta agli 11 grammi di marijuana e una pasticca di ecstasy costò l’arresto al presunto spacciatore che, dopo aver trascorso il fine settimana agli arresti domiciliari, ieri mattina è comparso dinanzi ai giudici del Tribunale di Torre Annunziata che hanno accolto l’istanza di patteggiamento. (Salvatore Dare – Metropolis) 

Finì nei guai all’improvviso quando i carabinieri della stazione di Vico Equense, nel corso di una perquisizione domiciliare, trovarono nel suo appartamento un po’ di tutto. Crack, una pasticca di ecstasy, marijuana e anche un bilancino di precisione che, secondo gli investigatori, serviva per confezionare al meglio le dosi di sostanza stupefacente. Un piccolo market della droga casalingo, che costò a un insospettabile – un 23enne di Vico Equense – gli arresti domiciliari. Ma adesso è tornato libero. Sì perché ieri mattina, nel corso del processo per direttissima al Tribunale di Torre Annunziata, il ragazzo ha optato per il patteggiamento. Ecco perché è stato condannato a un anno e 6 mesi di reclusione. Una pena sospesa che ha immediatamente comportato la scarcerazione. A corredo anche una sanzione, pari a 400 euro. Il ragazzo doveva rispondere anche di resistenza a pubblico ufficiale visto che, durante l’ispezione dell’appartamento, stando alla ricostruzione dei carabinieri di Vico Equense tentò addirittura anche di fuggire lanciando nel giardino una bomboletta spray al cui interno fu ritrovata della sostanza stupefacente, 5 grammi di crack. Una “porzione” di droga che, aggiunta agli 11 grammi di marijuana e una pasticca di ecstasy costò l’arresto al presunto spacciatore che, dopo aver trascorso il fine settimana agli arresti domiciliari, ieri mattina è comparso dinanzi ai giudici del Tribunale di Torre Annunziata che hanno accolto l’istanza di patteggiamento. (Salvatore Dare – Metropolis)