Maiori. I fedeli si rivolgono all’Arcivescovo per evitare il trasferimento di Don Gennaro Giordano

0

Continua la turbolenza nella chiesa della Costiera amalfitana, maiorese e tramontina in particolare, a proposito delle già decise nuove destinazioni dei sacerdoti e l’Arcivescovo Soricelli è costretto, suo malgrado, ad incassare alcune rimostranze. E’ il caso della presa di possesso da parte di don Gennaro Giordano delle parrocchie di Campinola, Gete e Ponte del Comune di Tramonti e della conseguente rinuncia all’incarico di amministratore parrocchiale di Vecite di Maiori e di vice parroco della parrocchia centrale di santa Maria a mare. Questo “spostamento” non è stato affatto gradito dai maioresi per cui il Comitato “pro don Gennaro” (sorto in modo spontaneo) fa richiesta a mons. Soricelli di voler annullare la succitata decisione lasciando don Gennaro ai suoi incarichi attuali. Incarichi che, secondo il Comitato, egli svolge con molta cura ed attenzione, diventando un sicuro punto di riferimento per tanti, giovani ed anziani, che hanno trovato in don Gennaro il sacerdote indicato per – dicono – togliere il torpore e l’apatia che da un pò regnano nelle chiese che fanno capo alla Parrocchia centrale dell’Assunta. La petizione con le firme è stata già depositata in Curia. Vale anche la pena ricordare che don Gennaro non è patentato per cui troverebbe, secondo tanti, anche difficioltà negli spostamenti. Gaspare Apicella

Questo il comunicato dei fedeli 

Questa mattina (27 Gennaio) intorno alle ore 9.45, presso i locali del Convento di S. Francesco di Maiori è stata consegnata nella mani dell’Arcivescovo di Amalfi – Cava dè Tirreni, Mons. Orazio Soricelli, la richiesta per evitare il trasferimento di Don Gennaro Giordano da Maiori a Tramonti e le circa 250 firme raccolte a favore di questa causa. Il tutto è avvenuto dopo una schietta e sincera discussione. Abbiamo fatto tutto ciò nei limiti del possibile, visti i tempi ristretti. Grazie di cuore a tutti coloro che ci hanno sostenuto! Di seguito, il testo integrale della lettera consegnata all’Arcivescovo. Alla Cortese Attenzione di S. E. Rev. ma Mons. Orazio Soricelli Arcivescovo di Amalfi – Cava dè Tirreni Oggetto: Richiesta. Eccellenza Reverendissima, siamo un gruppo di fedeli della Comunità Ecclesiale di Maiori, desiderosi di esprimerLe tutto il nostro dispiacere e disappunto, nonchè la nostra inquietudine in merito all’annunciato trasferimento del Rev. do Don Gennaro Giordano dalla Comunità Ecclesiale di Maiori a quella di Tramonti, nelle Parrocchie di Gete, Campinola e Ponte. Sin dalla sua Ordinazione Sacerdotale, Don Gennaro, ha sempre dimostrato di saper svolgere a pieno i suoi incarichi, sia di Amministratore Parrocchiale di Vecite e Ponteprimario che di Vice-Parroco della Parrocchia di S. Maria a Mare, mettendo a disposizione della Comunità a lui affidate, grande spirito di dedizione e di attaccamento sia alla liturgia che all’apostolato tra i fedeli, i quali, spesse volte, soprattutto in questi periodi di crisi economica e di valori, si trovano ad affrontare situazioni non sempre piacevoli. La figura di Don Gennaro, nella Comunità Ecclesiale di Maiori è un punto di riferimento per tutte le fasce di età, dai giovani agli anziani, i quali affidandosi alla sua cura pastorale, approfondiscono e partecipano con maggiore interesse alle svariate celebrazioni da lui presiedute. Con vari gruppi ecclesiali, Don Gennaro ha instaurato un ottimo rapporto di collaborazione offrendo alla Comunità dei veri e propri momenti di evangelizzazione, di preghiera e di riflessione, nonostante l’apatia che purtroppo tende a regnare nelle nostre zone. In modo particolare, le Parrocchie di Vecite e Ponteprimario e le Zone Pastorali della Madonna della Libera e della Madonna Addolorata, facenti parte della Parrocchia di S. Maria a Mare, grazie all’assidua presenza di Don Gennaro, hanno la possibilità di seguire durante tutto l’anno liturgico un percorso costante di crescita spirituale. Viste tutte le ragioni sopra esposte, noi fedeli chiediamo a Sua Eccellenza Reverendissima di voler evitare il trasferimento di Don Gennaro Giordano a Tramonti, per continuare a seminare insieme con lui nuovi semi che sicuramente porteranno buoni frutti alla vita religiosa e spirituale di Maiori. In allegato alla presente, troverà tutte le firme dei fedeli che hanno deciso di rivolgersi a Lei, affinchè possa ascoltare la nostra richiesta. Certi di trovare in Lei un cuore attento e sensibile alle nostre inquietudini, Le rivolgiamo i nostri affettuosi saluti e impetriamo la Sua paterna benedizione. Suoi devotissimi. Maiori, 21/01/2015

Continua la turbolenza nella chiesa della Costiera amalfitana, maiorese e tramontina in particolare, a proposito delle già decise nuove destinazioni dei sacerdoti e l'Arcivescovo Soricelli è costretto, suo malgrado, ad incassare alcune rimostranze. E' il caso della presa di possesso da parte di don Gennaro Giordano delle parrocchie di Campinola, Gete e Ponte del Comune di Tramonti e della conseguente rinuncia all'incarico di amministratore parrocchiale di Vecite di Maiori e di vice parroco della parrocchia centrale di santa Maria a mare. Questo "spostamento" non è stato affatto gradito dai maioresi per cui il Comitato "pro don Gennaro" (sorto in modo spontaneo) fa richiesta a mons. Soricelli di voler annullare la succitata decisione lasciando don Gennaro ai suoi incarichi attuali. Incarichi che, secondo il Comitato, egli svolge con molta cura ed attenzione, diventando un sicuro punto di riferimento per tanti, giovani ed anziani, che hanno trovato in don Gennaro il sacerdote indicato per – dicono – togliere il torpore e l'apatia che da un pò regnano nelle chiese che fanno capo alla Parrocchia centrale dell'Assunta. La petizione con le firme è stata già depositata in Curia. Vale anche la pena ricordare che don Gennaro non è patentato per cui troverebbe, secondo tanti, anche difficioltà negli spostamenti. Gaspare Apicella

Questo il comunicato dei fedeli 

Questa mattina (27 Gennaio) intorno alle ore 9.45, presso i locali del Convento di S. Francesco di Maiori è stata consegnata nella mani dell’Arcivescovo di Amalfi – Cava dè Tirreni, Mons. Orazio Soricelli, la richiesta per evitare il trasferimento di Don Gennaro Giordano da Maiori a Tramonti e le circa 250 firme raccolte a favore di questa causa. Il tutto è avvenuto dopo una schietta e sincera discussione. Abbiamo fatto tutto ciò nei limiti del possibile, visti i tempi ristretti. Grazie di cuore a tutti coloro che ci hanno sostenuto! Di seguito, il testo integrale della lettera consegnata all’Arcivescovo. Alla Cortese Attenzione di S. E. Rev. ma Mons. Orazio Soricelli Arcivescovo di Amalfi – Cava dè Tirreni Oggetto: Richiesta. Eccellenza Reverendissima, siamo un gruppo di fedeli della Comunità Ecclesiale di Maiori, desiderosi di esprimerLe tutto il nostro dispiacere e disappunto, nonchè la nostra inquietudine in merito all’annunciato trasferimento del Rev. do Don Gennaro Giordano dalla Comunità Ecclesiale di Maiori a quella di Tramonti, nelle Parrocchie di Gete, Campinola e Ponte. Sin dalla sua Ordinazione Sacerdotale, Don Gennaro, ha sempre dimostrato di saper svolgere a pieno i suoi incarichi, sia di Amministratore Parrocchiale di Vecite e Ponteprimario che di Vice-Parroco della Parrocchia di S. Maria a Mare, mettendo a disposizione della Comunità a lui affidate, grande spirito di dedizione e di attaccamento sia alla liturgia che all’apostolato tra i fedeli, i quali, spesse volte, soprattutto in questi periodi di crisi economica e di valori, si trovano ad affrontare situazioni non sempre piacevoli. La figura di Don Gennaro, nella Comunità Ecclesiale di Maiori è un punto di riferimento per tutte le fasce di età, dai giovani agli anziani, i quali affidandosi alla sua cura pastorale, approfondiscono e partecipano con maggiore interesse alle svariate celebrazioni da lui presiedute. Con vari gruppi ecclesiali, Don Gennaro ha instaurato un ottimo rapporto di collaborazione offrendo alla Comunità dei veri e propri momenti di evangelizzazione, di preghiera e di riflessione, nonostante l’apatia che purtroppo tende a regnare nelle nostre zone. In modo particolare, le Parrocchie di Vecite e Ponteprimario e le Zone Pastorali della Madonna della Libera e della Madonna Addolorata, facenti parte della Parrocchia di S. Maria a Mare, grazie all’assidua presenza di Don Gennaro, hanno la possibilità di seguire durante tutto l’anno liturgico un percorso costante di crescita spirituale. Viste tutte le ragioni sopra esposte, noi fedeli chiediamo a Sua Eccellenza Reverendissima di voler evitare il trasferimento di Don Gennaro Giordano a Tramonti, per continuare a seminare insieme con lui nuovi semi che sicuramente porteranno buoni frutti alla vita religiosa e spirituale di Maiori. In allegato alla presente, troverà tutte le firme dei fedeli che hanno deciso di rivolgersi a Lei, affinchè possa ascoltare la nostra richiesta. Certi di trovare in Lei un cuore attento e sensibile alle nostre inquietudini, Le rivolgiamo i nostri affettuosi saluti e impetriamo la Sua paterna benedizione. Suoi devotissimi. Maiori, 21/01/2015