Sant’Agnello riconquista il podio, k.o. Real Vico e Massa

0

Santanellesi cinici, io vicani perdono all’inglese ed i massesi con un tiro

 

Costiera sorrentina – Il Sant’Agnello riconquista la vetta della graduatoria grazie alla sua contemporanea vittoria ed al pareggio della capolista Gragnano, mentre il Real Vico deve abdicare dopo diciotto risultati utili consecutivi ed il Massa è fermato da una caricata Palmese.

Il sorpasso è cosa fatta ed i costieri tornano in vetta alla classifica dopo quello sfortunato mese e più che li ha visti perdere la prima gara della stagione e poi racimolare ben quattro pareggi consecutivi, facendo si che il Gragnano li sorpassasse e si prendesse anche qualche punto di distacco, che poi nelle ultime giornate è stato assorbito. Ma comunque la lotta al vertice è sempre aperta, forse la gara decisiva ci sarà fra circa quindici giorni con lo scontro diretto in casa dei costieri. Ma andando alla gara giocata domenica i biancazzurri battono proprio quel Ariano che all’andata inflisse loro, come suddetto, la prima sconfitta della stagione. I santanellesi subito fanno capire le loro intenzioni e riescono a violare la rete irpina dopo appena sei minuti di gioco: c’è un lancio lungo al limite dell’area con Russo spizza di testa per Manco che dopo aver controllato innesca una bordata fulminante all’incrocio dei pali. La partita così si mette in discesa e si sfiora il raddoppio al 25’ con Russo che da trenta  metri circa tenta di beffare Federici con un pallonetto che termina poco sopra la trasversale. Sessanta secondi dopo ci prova Sibilli con una punizione ma non trova la porta. Gli irpini rompono l’incantesimo locale ed al 28’ Jonathan si trova a tu per tu con Napolitano che gli da pan per focaccia. Scampato il pericolo i costieri tornano a macinare gioco alla ricerca del gol della tranquillità prima dell’intervallo. Manco al 37’ sfiora il palo con un bel tiro dalla distanza e centoventi dopo il giovane Piacente, che è stato un’autentica spina sul fianco sinistro degli arianesi, innesca un fraseggio con Manco e Russo e poi fredda Federici con destro dal limite. L’ultimo sussulto del primo tempo è di marca biancazzurra arianese, con Bernardo che impegna Napolitano dalla distanza e l’estremo si salva in angolo grazie anche alla traversa.

Al ritorno in campo i santanellesi abbassano il ritmo di gioco ma incalzano sempre la squadra della Città del Tricolle. Al 19’ c’è la chance per la terza rete che arriva sui piedi di Sibilli G, ben servito in area da Russo, ma la sua finalizzazione debole si spegne tra le braccia di Federici. L’estremo irpino respinge al 24’ un colpo di testa di Russo dopo un cross di De Rosa dalla destra. Un minuto dopo De Rosa, schierato oggi in un insolito ruolo di terzino destro, trova un eurogol da venticinque  metri circa e mette il risultato in cassaforte, la Vis Ariano cerca di abbozzare una timida reazione ma cozza sul muro della difesa dei biancazzurri, che invece si mangiano le occasioni per il quarto gol con Russo (diagonale al lato) e poi con il neoentrato D’Auria (destro alto a tu per tu col portiere).

Gol che non si divora il Real Vico che perde nella trasferta in terra del Valdiano che lo batte con il classico risultato all’inglese e con una rete per tempo, fermando così la serie utile di risultati consecutivi che arriva a diciotto. Serie che resisteva dalla gara di andato giocata contro i cugini del Sant’Agnello. I costieri si fanno bloccare da una giovane squadra che desidera mettersi in luce, poiché con il passare delle giornate sta assaporando di poter entrare nella griglia delle squadre dei play off. I vicani forse non entrano ben concentrati ma sono consapevoli che questa è una gara da prendere con le molle ma solo dopo diciotto primi si fanno trovare spiazzati ed i rossoblù vanno in vantaggio con Morea che in area fulmina Pastena, dopo una punizione battuta da Spinelli. Gli azzurroro avanzano il baricentro alla ricerca della quadratura del cerchio e di qualche ficcante palla che produca il pareggio, ma gli effetti non sono quelli sperati. I valdianesi così non correndo alcun pericolo guadano bene il fiume e nei secondi quarantacinque primi raddoppiano alla mezzora ancora con Morea che mette a segno la sua doppietta con una precisa volèe che si infila nell’angolo basso alle spalle di Pastena, dopo un cross. Gli uomini di mister Macera nei quindici minuti che restano per la fine della gara ce la mettono tutta per riaprirla ma non c’è verso perché la difesa valdianese regge all’urto.

Urto che non regge il Massa che solo dopo otto primi deve alzare bandiera bianca in terra vesuviana contro la Palmese. La partita per tre quarti è stata giocata dal Massa, con qualche azione confusionaria e con altre che ha costretto i rossoneri ad arroccarsi, ma non l’ha spuntata.  L’inizio è di marca dei rossoneri che cercano subito di affondare i colpi anche grazie al fondo in erba naturale che è sconnesso e che crea negli ospiti qualche difficoltà. Passano pochi minuti, otto per la precisione, perché Malafronte sigli la rete decisiva della partita. C’è un calcio d’angolo sul quale la mezz’ala stacca e di testa e fredda l’estremo costiero, con Ferrara che risentendo di malanno non ostacola a dovere il calciatore vesuviano. La Palmese cerca di mettere al sicuro il risultato ed al 15’ reclama un rigore per un dubbio fallo di Ferrara al limite area, ma l’arbitro lascia giocare. Passano i minuti e pian piano e crescendo viene fuori il Massa. All’11 c’è una girata dal limite di Aiello con la palla che rimbalza a terra che prende una traiettoria insidiosa, ma Sorrentino riesce a deviare in angolo. Al 14’ ed 16’ La Monica viene fermato in fuorigioco e fino alla fine della prima frazione i rossoneri non oltrepassano la propria metà campo con una certa pericolosità.

I costieri al rientro in campo e non si danno per vinti e tentano al 7’ la sortita che parte da Ferrara che crossa al centro per Cacace che allunga per La Monica, che entra in area ma conclude sull’esterno della rete perché il pallone gli rimbalza male. Ancora  i nerazzurri si fanno vivi al 10’ con La Monica che dopo una rimessa laterale innesca un tiro al volo dal limite dell’area ma c’è lo strepitoso intervento del portiere ad alzare sopra la traversa. Al 18’ c’è una bella azione confezionata  dal trio d’attacco nerazzurro: Aiello passa a Montaperto che prolunga per Cacace, che arriva solitario davanti al portiere ma  il leggero ritardo gli impedisce il tap in vincente. Le sostituzioni sono alquanto obbligate ma il Massa mantiene sempre il possesso palla e l’esperto mister Pietropinto cerca di spezzarne il ritmo con le sostituzioni. Al 34’ Montaperto, lancia il neo entrato Esposito ma il suo tiro è deviato in angolo. I costieri collezionano tanti di corner e l’ultimo al 40’ lo calcia Breglia, sfera in piena area piccola e nella mischia furiosa la testa di Montaperto depone la palla in rete. Ma l’arbitro annulla su segnalazione del guardalinee perché il pallone aveva varcato la linea nel suo percorso dalla bandierina. Ci sono le inutili proteste massesi, così si rivede la Palmese al 43’ con un contropiede di Arianna che è neutralizzato da Fiorentino.

 

 

CAMPIONATO PROMOZIONE – GIRONE B – 23^ GIORNATA – 6^ RITORNO

 

SANT’AGNELLO-VIS ARIANO 3-0

Goals: 6’pt Manco, 39’pt Piacente; 25’st De Rosa.

SANT’AGNELLO (4-3-3): Napolitano; De Rosa, Di Donna, D’Agostino, Piacente; Iennaco, Serrapica, Sibilli S. (22’st Inserra); Sibilli G.(41’st Fiorentino), Russo, Manco (31’st D’Auria).

A disp: Uliano, Perinelli, Di Leva, Pignalosa.   Allen: Turi.

VIS ARIANO (4-5-1): Federici; Speranza, Di Grottola, Curcio, Parisi; Memoli (30’st Spaccamiglio R), De Stefano (38’st Panzetta), Bernardo (42’st Vitillo), Jonathan, Porcaro; Delle Donne.   Allen: Del Vecchio.

Arbitro: Giuseppe Romaniello di Napoli.

Assistenti: Andrea Nasti (Napoli) – Giovanni Autiero (Ercolano)

Ammoniti: Russo (SA), Iennaco (SA).

 

VALDIANO – REAL VICO EQUENSE  2-0

Goals: 18’pt 30’st Morea

VALDIANO: Faggiano, Pipolo, Manzolillo, ferrara (35’st Furriolo), Vertullo, Giordano, Zozzaro, Spinelli, Di Giacomo, Morea, Coronato (40’st Penta).   Allen: Tudisco

REAL VICO EQUENSE: Pastena, Savarese, Carminetti, Altieri (35’st De Simone), Albanese, Criscuolo, Carfora, De Falco (28’st Esposito), Cannavale, Guadagnuolo (30’ pt Banco). All. Macera
Arbitro: Pierfabio Falasca di Pescara

Assistenti: Luciano Maria Rizzo (Salerno) – Antonio Aletta  (Avellino)

 

PALMESE – MASSA LUBRENSE  1-0

Goal: 9’ pt Malafronte

PALMESE: Sorrentino, Moccia (25’st Marano), Vecchione, La Marca, Addeo, Viviano, Tufano, Novello, Nappi, Malafronte (37’st Arianna), Cruceru (26’st Caccavale).  Allen: Pietropinto
MASSA LUBRENSE: Fiorentino, Esposito P, Castellano A, Amita, D’Esposito, Ferrara (9’st Breglia), La Monica, Vinaccia, Montaperto, Cacace (20’st Esposito), Aiello.  Allen: Gargiulo
Arbitro: Davide Di Marco di Ciampino.

Assistenti: Paolo Romano e Giuseppe Maiorino di Nocera Inferiore.

Note: ammoniti – Moccia, Viviano, Malafronte, Novello (P); Esposito P, Castellano A, Amita e D’Esposito (M); spettatori 300 circa.

 

GIUSEPPE SPASIANO

Santanellesi cinici, io vicani perdono all’inglese ed i massesi con un tiro

 

Costiera sorrentina – Il Sant’Agnello riconquista la vetta della graduatoria grazie alla sua contemporanea vittoria ed al pareggio della capolista Gragnano, mentre il Real Vico deve abdicare dopo diciotto risultati utili consecutivi ed il Massa è fermato da una caricata Palmese.

Il sorpasso è cosa fatta ed i costieri tornano in vetta alla classifica dopo quello sfortunato mese e più che li ha visti perdere la prima gara della stagione e poi racimolare ben quattro pareggi consecutivi, facendo si che il Gragnano li sorpassasse e si prendesse anche qualche punto di distacco, che poi nelle ultime giornate è stato assorbito. Ma comunque la lotta al vertice è sempre aperta, forse la gara decisiva ci sarà fra circa quindici giorni con lo scontro diretto in casa dei costieri. Ma andando alla gara giocata domenica i biancazzurri battono proprio quel Ariano che all’andata inflisse loro, come suddetto, la prima sconfitta della stagione. I santanellesi subito fanno capire le loro intenzioni e riescono a violare la rete irpina dopo appena sei minuti di gioco: c’è un lancio lungo al limite dell’area con Russo spizza di testa per Manco che dopo aver controllato innesca una bordata fulminante all’incrocio dei pali. La partita così si mette in discesa e si sfiora il raddoppio al 25’ con Russo che da trenta  metri circa tenta di beffare Federici con un pallonetto che termina poco sopra la trasversale. Sessanta secondi dopo ci prova Sibilli con una punizione ma non trova la porta. Gli irpini rompono l’incantesimo locale ed al 28’ Jonathan si trova a tu per tu con Napolitano che gli da pan per focaccia. Scampato il pericolo i costieri tornano a macinare gioco alla ricerca del gol della tranquillità prima dell’intervallo. Manco al 37’ sfiora il palo con un bel tiro dalla distanza e centoventi dopo il giovane Piacente, che è stato un’autentica spina sul fianco sinistro degli arianesi, innesca un fraseggio con Manco e Russo e poi fredda Federici con destro dal limite. L’ultimo sussulto del primo tempo è di marca biancazzurra arianese, con Bernardo che impegna Napolitano dalla distanza e l’estremo si salva in angolo grazie anche alla traversa.

Al ritorno in campo i santanellesi abbassano il ritmo di gioco ma incalzano sempre la squadra della Città del Tricolle. Al 19’ c’è la chance per la terza rete che arriva sui piedi di Sibilli G, ben servito in area da Russo, ma la sua finalizzazione debole si spegne tra le braccia di Federici. L’estremo irpino respinge al 24’ un colpo di testa di Russo dopo un cross di De Rosa dalla destra. Un minuto dopo De Rosa, schierato oggi in un insolito ruolo di terzino destro, trova un eurogol da venticinque  metri circa e mette il risultato in cassaforte, la Vis Ariano cerca di abbozzare una timida reazione ma cozza sul muro della difesa dei biancazzurri, che invece si mangiano le occasioni per il quarto gol con Russo (diagonale al lato) e poi con il neoentrato D’Auria (destro alto a tu per tu col portiere).

Gol che non si divora il Real Vico che perde nella trasferta in terra del Valdiano che lo batte con il classico risultato all’inglese e con una rete per tempo, fermando così la serie utile di risultati consecutivi che arriva a diciotto. Serie che resisteva dalla gara di andato giocata contro i cugini del Sant’Agnello. I costieri si fanno bloccare da una giovane squadra che desidera mettersi in luce, poiché con il passare delle giornate sta assaporando di poter entrare nella griglia delle squadre dei play off. I vicani forse non entrano ben concentrati ma sono consapevoli che questa è una gara da prendere con le molle ma solo dopo diciotto primi si fanno trovare spiazzati ed i rossoblù vanno in vantaggio con Morea che in area fulmina Pastena, dopo una punizione battuta da Spinelli. Gli azzurroro avanzano il baricentro alla ricerca della quadratura del cerchio e di qualche ficcante palla che produca il pareggio, ma gli effetti non sono quelli sperati. I valdianesi così non correndo alcun pericolo guadano bene il fiume e nei secondi quarantacinque primi raddoppiano alla mezzora ancora con Morea che mette a segno la sua doppietta con una precisa volèe che si infila nell’angolo basso alle spalle di Pastena, dopo un cross. Gli uomini di mister Macera nei quindici minuti che restano per la fine della gara ce la mettono tutta per riaprirla ma non c’è verso perché la difesa valdianese regge all’urto.

Urto che non regge il Massa che solo dopo otto primi deve alzare bandiera bianca in terra vesuviana contro la Palmese. La partita per tre quarti è stata giocata dal Massa, con qualche azione confusionaria e con altre che ha costretto i rossoneri ad arroccarsi, ma non l’ha spuntata.  L’inizio è di marca dei rossoneri che cercano subito di affondare i colpi anche grazie al fondo in erba naturale che è sconnesso e che crea negli ospiti qualche difficoltà. Passano pochi minuti, otto per la precisione, perché Malafronte sigli la rete decisiva della partita. C’è un calcio d'angolo sul quale la mezz'ala stacca e di testa e fredda l’estremo costiero, con Ferrara che risentendo di malanno non ostacola a dovere il calciatore vesuviano. La Palmese cerca di mettere al sicuro il risultato ed al 15’ reclama un rigore per un dubbio fallo di Ferrara al limite area, ma l’arbitro lascia giocare. Passano i minuti e pian piano e crescendo viene fuori il Massa. All’11 c’è una girata dal limite di Aiello con la palla che rimbalza a terra che prende una traiettoria insidiosa, ma Sorrentino riesce a deviare in angolo. Al 14’ ed 16’ La Monica viene fermato in fuorigioco e fino alla fine della prima frazione i rossoneri non oltrepassano la propria metà campo con una certa pericolosità.

I costieri al rientro in campo e non si danno per vinti e tentano al 7’ la sortita che parte da Ferrara che crossa al centro per Cacace che allunga per La Monica, che entra in area ma conclude sull'esterno della rete perché il pallone gli rimbalza male. Ancora  i nerazzurri si fanno vivi al 10’ con La Monica che dopo una rimessa laterale innesca un tiro al volo dal limite dell’area ma c’è lo strepitoso intervento del portiere ad alzare sopra la traversa. Al 18’ c’è una bella azione confezionata  dal trio d'attacco nerazzurro: Aiello passa a Montaperto che prolunga per Cacace, che arriva solitario davanti al portiere ma  il leggero ritardo gli impedisce il tap in vincente. Le sostituzioni sono alquanto obbligate ma il Massa mantiene sempre il possesso palla e l'esperto mister Pietropinto cerca di spezzarne il ritmo con le sostituzioni. Al 34’ Montaperto, lancia il neo entrato Esposito ma il suo tiro è deviato in angolo. I costieri collezionano tanti di corner e l'ultimo al 40’ lo calcia Breglia, sfera in piena area piccola e nella mischia furiosa la testa di Montaperto depone la palla in rete. Ma l'arbitro annulla su segnalazione del guardalinee perché il pallone aveva varcato la linea nel suo percorso dalla bandierina. Ci sono le inutili proteste massesi, così si rivede la Palmese al 43’ con un contropiede di Arianna che è neutralizzato da Fiorentino.

 

 

CAMPIONATO PROMOZIONE – GIRONE B – 23^ GIORNATA – 6^ RITORNO

 

SANT’AGNELLO-VIS ARIANO 3-0

Goals: 6’pt Manco, 39’pt Piacente; 25’st De Rosa.

SANT’AGNELLO (4-3-3): Napolitano; De Rosa, Di Donna, D’Agostino, Piacente; Iennaco, Serrapica, Sibilli S. (22’st Inserra); Sibilli G.(41’st Fiorentino), Russo, Manco (31’st D’Auria).

A disp: Uliano, Perinelli, Di Leva, Pignalosa.   Allen: Turi.

VIS ARIANO (4-5-1): Federici; Speranza, Di Grottola, Curcio, Parisi; Memoli (30’st Spaccamiglio R), De Stefano (38’st Panzetta), Bernardo (42’st Vitillo), Jonathan, Porcaro; Delle Donne.   Allen: Del Vecchio.

Arbitro: Giuseppe Romaniello di Napoli.

Assistenti: Andrea Nasti (Napoli) – Giovanni Autiero (Ercolano)

Ammoniti: Russo (SA), Iennaco (SA).

 

VALDIANO – REAL VICO EQUENSE  2-0

Goals: 18’pt 30’st Morea

VALDIANO: Faggiano, Pipolo, Manzolillo, ferrara (35’st Furriolo), Vertullo, Giordano, Zozzaro, Spinelli, Di Giacomo, Morea, Coronato (40’st Penta).   Allen: Tudisco

REAL VICO EQUENSE: Pastena, Savarese, Carminetti, Altieri (35’st De Simone), Albanese, Criscuolo, Carfora, De Falco (28’st Esposito), Cannavale, Guadagnuolo (30’ pt Banco). All. Macera
Arbitro: Pierfabio Falasca di Pescara

Assistenti: Luciano Maria Rizzo (Salerno) – Antonio Aletta  (Avellino)

 

PALMESE – MASSA LUBRENSE  1-0

Goal: 9’ pt Malafronte

PALMESE: Sorrentino, Moccia (25’st Marano), Vecchione, La Marca, Addeo, Viviano, Tufano, Novello, Nappi, Malafronte (37’st Arianna), Cruceru (26’st Caccavale).  Allen: Pietropinto
MASSA LUBRENSE: Fiorentino, Esposito P, Castellano A, Amita, D'Esposito, Ferrara (9’st Breglia), La Monica, Vinaccia, Montaperto, Cacace (20’st Esposito), Aiello.  Allen: Gargiulo
Arbitro: Davide Di Marco di Ciampino.

Assistenti: Paolo Romano e Giuseppe Maiorino di Nocera Inferiore.

Note: ammoniti – Moccia, Viviano, Malafronte, Novello (P); Esposito P, Castellano A, Amita e D’Esposito (M); spettatori 300 circa.

 

GIUSEPPE SPASIANO

Lascia una risposta