Il Sant’Agnello continua, il Real Vico ed il Massa fanno tris

0

I santanellesi vincono nella ripresa, i vicani ed i massesi annichiliscono la Palmese e la Nocerina

 

Costiera sorrentina – È stato un fine settimana quello delle squadre della penisola sorrentina che hanno messo a segno tre vittorie annichilendo le loro rispettive avversarie e così il Sant’Agnello ed il Real Vico continuano la loro corsa in vetta, mentre il Massa  respira nella zona rossa.

La squadra di mister Turi deve faticare un poco prima di avere ragione di un Campagna che lottando per non retrocedere cerca di contrastare per quello che può fare la forte compagine costiera, e lo fa con un primo tempo chiudendo bene i varchi, specie nelle retrovie. Ma poi i biancazzurri, riescono a trovare le giuste verticalizzazioni e fraseggi e scardinano la retroguardia locale che cede nella metà della seconda frazione. Fin dai primi minuti costieri cercano di imporre il loro gioco confezionando qualche buona azione che però non viene finalizzata poiché manca il colpo risolutore sotto porta. La differenza tra le due compagini è evidente ma i campagnesi resistono nel loro fortino ben confezionato dal loro allenatore, anzi in qualche occasione, quando la hanno, buttano anche la loro piccola pietra per poter colpire ma vanamente. E le due pietre per colpire invece le mettono a segno i costieri nella ripresa, dando così sfogo alle loro azioni che vengono finalizzate da Manco al 20’ con un tocco felpato dopo un assist in profondità di capitan Russo, e poi al 40’ da Sibilli junior con una buona palla servitagli da De Rosa. I selani però sembrano scrollarsi di dosso il torpore che li aveva avvolti fino al raddoppio costiero e mettono a segno, al 48’, la rete che accorcia le distanze con un calcio di rigore realizzato da Busillo per un atterramento di Schiavone (rosso diretto) su Cassetta. Alla fine la corsa continua.

Come quella del Real Vico che stordisce completamente i rossoneri della Palmese che in sedici minuti deve cedere le armi alla squadra allenata da mister Macera che poi definitivamente macera i vesuviani nella ripresa con un tris nel finale.

I rossoneri approfittano di un non  buon inizio di gara degli azzurroro e li mettono subito alla prova al 12’ con Nappi A che sfrutta l’intervento errato di Circiello e si invola verso Pastena che però non si fa sorprendere dalla sua conclusione. Quella che invece sorprende l’estremo ospite tre primi dopo quando Carfora approfitta di un errore difensivo e lo folgora. La partita si vivacizza di più anche sul piano del gioco ed al 22’ gli uomini di mister Addeo R sfiorano il pareggio con la testa di Nappi A su un cross di Cruceru. Ma i costieri non dormono e dopo aver confezionato qualche buono spunto ma non finalizzato, poi ci riescono al 31’ con Guadagnuolo che mette in rete a porta vuota dopo che Carfora metteva in subbuglio la retroguardia palmese. Si va all’intervallo con i vesuviani che tentano di segnare la rete che potrebbe riaprire la gara al 41’ con Tufano da fuori area ma la sfera non coglie il bersaglio. Il ritorno in campo è nel segno dei vicani che al 4’ ed al 5’ cercano di sorprendere Sorrentino con un cross di Carminetti sul quale non ci arriva Cannavale e con un tiro da venti metri circa di Auteri. Gli ospiti non vogliono fare una brutta fine e provano a violare la rete locale all’11’ ed al 17’, sia con Malafronte che sbaglia clamorosamente e sia con il pallonetto di Nappi A che va largo di poco dai pali difesi da Pastena, dopo un bel contropiede. Lo stesso calciatore ci prende gusto di tentare la sortita vincente e lo rifà al 22’ da una posizione defilata sfiorando il palo. Da questo momento è fino al novantesimo si vede solo il Real che in tre occasioni fa venire i brividi a Sorrentino: 25’ il cross di Carfora è allontanato alla men peggio dalla difesa rossonera; 32’ il pericoloso tiro di Banco non inquadra la porta ed al 41’ la palla di Carfora esce di poco al lato, ma non quella al 44’ di Cannavale che triplica con agevolezza dopo il cross di Carfora.

E triplica anche il Massa Lubrense che scaravolta già una scaravoltata Nocerina in una gara giocata a porte chiuse e nella quale mister Gargiulo ha dovuto fare di necessità virtù, perché non aveva a disposizione l’attacco per gli appiedamenti di Montaperto ed Aiello. I nerazzurri vogliono i tre punti e lo fanno capire dai primi minuti ma i rossoneri non sono venuti in gita di piacere e chiudono tutti i varchi a chiunque si avvicini alla sua area di rigore. L’incontro è al quanto equilibrato ma la bilancia pesa dalla parte dei molossi per la migliore gestione del pallone, con i costieri che non mollano e rispondono in contropiede. E questo fino alla mezz’ora, ma al 32’ Fiorentino accenna all’uscita su un lancio per Santorielli, si ferma e lascia la possibilità al centravanti ospite di beffarlo con un pallonetto. Il Massa prova la reazione ma è privo di idee concrete, anche se al 35’ Vinaccia tenta la sortita con una gran botta che non sorprende D’Antuono che para in due tempi. L’ultimo brivido della prima frazione lo da un cross di Adiletta che viene ben francobollato da Ferrara che salva capre e cavoli. Mister Gargiulo decide per il doppio cambio, fuori un rarefatto Girace ed uno disorientato Amita e dentro Castellano A e Cuomo. La ripresa si apre con il Massa più pericoloso nella trequarti ospite e la Nocerina più rannicchiata nella propria metà campo. Però il muro difensivo molosso tiene ed allora a squarciarlo ci pensa Cacace al 13’ con un sinistro dal limite area che si infila sotto la traversa e lascia di stucco D’Antuono.  I costieri si rinvigoriscono e vedono la possibilità di portare nel loro carniere i tre punti. Così accade che c’è la trattenuta su La Monica al 18’ in area da parte di Iomazzo che provoca il decretare del calcio di rigore, dopo un’azione di angolo, dagli undici metri va Cacace che trasforma con freddezza. I massesi dopo il raddoppio sembrano prenderci gusto e tentano il via della terza rete al 27’, con una punizione di Ferrara ma D’Antuono si supera deviando sul palo ed al 33’, con un’incornata di D’Esposito con l’estremo molosso che esce a vuoto ma salva un difensore sulla linea. E nessuno può salvare al 39’ la terza rete ad opera ancora di Cacace ed anche stavolta su calcio di rigore, decretato per un atterramento in area di Vinaccia da parte di De Riso che viene pure espulso. Alla fine una tripletta del capitano che è un’autentica ovazione non solo per lui ma anche per l’intero team ed anche per la società.

 

CAMPIONATO ECCELLENZA – GIRONE B – 21^ GIORNATA – 5^ RITORNO

 

CAMPAGNA – SANT’AGNELLO 1-2

Goals: st – 26′ Manco (SA), 39’’ Sibilli G (SA), 45′ Esposito (rig, C).

CAMPAGNA: Pergamena, Esposito, Maiale, Gambino (35’st Graziano), Malino, Correale, Rodio (30’st Maiorano), Marrandino, Incoronato, Casetta (10’st Visco), Busillo.

A disp: Buccella, Santoro, Guerriero, Avallone.  Allen: Balzano.

SANT’AGNELLO: Napolitano, De Stefano, Piacente, Serrapica, Micallo (40′ Schiavone), D’Agostino, Sibilli S, Iennaco, Sibilli G. (40’st Pignalosa), Russo, Manco (25’st De Rosa).

A disp: Uliano, Perinelli, Inserra, Di Leva.  Allen: Turi.

Arbitro: Rosario Michienzi di Lamezia Terme.

Assistenti: Mariano Izzo (Torre del Greco) – Dario Raho (Ercolano).

Espulso: 44’st Schiavone (SA) per doppia ammonizione.

Ammoniti: Sibilli G (SA), Incoronato (C), Visco (C).

 

REAL VICO EQUENSE – PALMESE   3-0

Goals: 15’pt Carfora, 31’pt Guadagnuolo; 44’st Cannavale.

REAL VICO EQUENSE (4-3-3): Pastena; Savarese, Carminetti, Altieri, Circiello (20’st Labriola); Albinese, Carfora, Sorrentino (30’st Banco); Cannnavale, Guadagnuolo (35’st Gozzo), Esposito.

A disp: Del Giudice, De Simone, Palumbo,Somma.   Allen: Macera.

PALMESE (4-4-2): Sorrentino; Caccavale, Vecchione, Marano, Addeo G; La Marca, Cruceru, Novello (15’st Rainone), Nappi A; Malafronte, Tufano (30’st Sepe).

A disp: Santaniello, Napolitano, Arianna, Nappi D, Lauri.   Allen: Addeo R.

Arbitro: Harley De Martino di Napoli.

Assistenti: Francesco Pannese (Ariano Irpino) e Danilo Brandi (Napoli).

Ammoniti: Carminetti (RVE); Marano, Novello, Sepe (P).

 

MASSA LUBRENSE-NOCERINA 3-1

Goals: 32’pt Santoriello (N); st – 13’, 19’ e 39’ Cacace (ML)

MASSA LUBRENSE (4-4-2): Fiorentino; La Monica, Ferrara, D’Esposito, Izzo; Breglia, Vinaccia, Amita (1?st Cuomo A) Girace (1?st Castellano A); Cacace (41?st Vollono), Esposito C.

A disp: Stinga, Esposito P, Castellano R, Staiano.   Allen: Gargiulo.
NOCERINA (4-3-1-2): D’Antuono; Ferrara L (31?pt Limatola), Trezza, Di Riso,Iommazzo; Adiletta, Galdi, Senatore (30?st Guzzi); Ferrara M; Esposito G, Santoriello (16? st Cuomo).

A disp: De Sio, Grassadonia, Bove, D’Ambrosio.    Allen: Criscuolo.

Arbitro: Antonio Caputo di Benevento

Assistenti: Stefano Esposito (Benevento) e Giovanni Sepe (Frattamaggiore).

Espulso al 39? st Di Riso

Ammoniti: Limatola, Trezza, L. Ferrara, Galdi, Cuomo (ML)

Note: Partita giocata a porte chiuse.

 

 GIUSEPPE SPASIANO

 

I santanellesi vincono nella ripresa, i vicani ed i massesi annichiliscono la Palmese e la Nocerina

 

Costiera sorrentina È stato un fine settimana quello delle squadre della penisola sorrentina che hanno messo a segno tre vittorie annichilendo le loro rispettive avversarie e così il Sant’Agnello ed il Real Vico continuano la loro corsa in vetta, mentre il Massa  respira nella zona rossa.

La squadra di mister Turi deve faticare un poco prima di avere ragione di un Campagna che lottando per non retrocedere cerca di contrastare per quello che può fare la forte compagine costiera, e lo fa con un primo tempo chiudendo bene i varchi, specie nelle retrovie. Ma poi i biancazzurri, riescono a trovare le giuste verticalizzazioni e fraseggi e scardinano la retroguardia locale che cede nella metà della seconda frazione. Fin dai primi minuti costieri cercano di imporre il loro gioco confezionando qualche buona azione che però non viene finalizzata poiché manca il colpo risolutore sotto porta. La differenza tra le due compagini è evidente ma i campagnesi resistono nel loro fortino ben confezionato dal loro allenatore, anzi in qualche occasione, quando la hanno, buttano anche la loro piccola pietra per poter colpire ma vanamente. E le due pietre per colpire invece le mettono a segno i costieri nella ripresa, dando così sfogo alle loro azioni che vengono finalizzate da Manco al 20’ con un tocco felpato dopo un assist in profondità di capitan Russo, e poi al 40’ da Sibilli junior con una buona palla servitagli da De Rosa. I selani però sembrano scrollarsi di dosso il torpore che li aveva avvolti fino al raddoppio costiero e mettono a segno, al 48’, la rete che accorcia le distanze con un calcio di rigore realizzato da Busillo per un atterramento di Schiavone (rosso diretto) su Cassetta. Alla fine la corsa continua.

Come quella del Real Vico che stordisce completamente i rossoneri della Palmese che in sedici minuti deve cedere le armi alla squadra allenata da mister Macera che poi definitivamente macera i vesuviani nella ripresa con un tris nel finale.

I rossoneri approfittano di un non  buon inizio di gara degli azzurroro e li mettono subito alla prova al 12’ con Nappi A che sfrutta l’intervento errato di Circiello e si invola verso Pastena che però non si fa sorprendere dalla sua conclusione. Quella che invece sorprende l’estremo ospite tre primi dopo quando Carfora approfitta di un errore difensivo e lo folgora. La partita si vivacizza di più anche sul piano del gioco ed al 22’ gli uomini di mister Addeo R sfiorano il pareggio con la testa di Nappi A su un cross di Cruceru. Ma i costieri non dormono e dopo aver confezionato qualche buono spunto ma non finalizzato, poi ci riescono al 31’ con Guadagnuolo che mette in rete a porta vuota dopo che Carfora metteva in subbuglio la retroguardia palmese. Si va all’intervallo con i vesuviani che tentano di segnare la rete che potrebbe riaprire la gara al 41’ con Tufano da fuori area ma la sfera non coglie il bersaglio. Il ritorno in campo è nel segno dei vicani che al 4’ ed al 5’ cercano di sorprendere Sorrentino con un cross di Carminetti sul quale non ci arriva Cannavale e con un tiro da venti metri circa di Auteri. Gli ospiti non vogliono fare una brutta fine e provano a violare la rete locale all’11’ ed al 17’, sia con Malafronte che sbaglia clamorosamente e sia con il pallonetto di Nappi A che va largo di poco dai pali difesi da Pastena, dopo un bel contropiede. Lo stesso calciatore ci prende gusto di tentare la sortita vincente e lo rifà al 22’ da una posizione defilata sfiorando il palo. Da questo momento è fino al novantesimo si vede solo il Real che in tre occasioni fa venire i brividi a Sorrentino: 25’ il cross di Carfora è allontanato alla men peggio dalla difesa rossonera; 32’ il pericoloso tiro di Banco non inquadra la porta ed al 41’ la palla di Carfora esce di poco al lato, ma non quella al 44’ di Cannavale che triplica con agevolezza dopo il cross di Carfora.

E triplica anche il Massa Lubrense che scaravolta già una scaravoltata Nocerina in una gara giocata a porte chiuse e nella quale mister Gargiulo ha dovuto fare di necessità virtù, perché non aveva a disposizione l’attacco per gli appiedamenti di Montaperto ed Aiello. I nerazzurri vogliono i tre punti e lo fanno capire dai primi minuti ma i rossoneri non sono venuti in gita di piacere e chiudono tutti i varchi a chiunque si avvicini alla sua area di rigore. L’incontro è al quanto equilibrato ma la bilancia pesa dalla parte dei molossi per la migliore gestione del pallone, con i costieri che non mollano e rispondono in contropiede. E questo fino alla mezz'ora, ma al 32’ Fiorentino accenna all'uscita su un lancio per Santorielli, si ferma e lascia la possibilità al centravanti ospite di beffarlo con un pallonetto. Il Massa prova la reazione ma è privo di idee concrete, anche se al 35’ Vinaccia tenta la sortita con una gran botta che non sorprende D’Antuono che para in due tempi. L’ultimo brivido della prima frazione lo da un cross di Adiletta che viene ben francobollato da Ferrara che salva capre e cavoli. Mister Gargiulo decide per il doppio cambio, fuori un rarefatto Girace ed uno disorientato Amita e dentro Castellano A e Cuomo. La ripresa si apre con il Massa più pericoloso nella trequarti ospite e la Nocerina più rannicchiata nella propria metà campo. Però il muro difensivo molosso tiene ed allora a squarciarlo ci pensa Cacace al 13’ con un sinistro dal limite area che si infila sotto la traversa e lascia di stucco D'Antuono.  I costieri si rinvigoriscono e vedono la possibilità di portare nel loro carniere i tre punti. Così accade che c’è la trattenuta su La Monica al 18’ in area da parte di Iomazzo che provoca il decretare del calcio di rigore, dopo un’azione di angolo, dagli undici metri va Cacace che trasforma con freddezza. I massesi dopo il raddoppio sembrano prenderci gusto e tentano il via della terza rete al 27’, con una punizione di Ferrara ma D’Antuono si supera deviando sul palo ed al 33’, con un’incornata di D’Esposito con l’estremo molosso che esce a vuoto ma salva un difensore sulla linea. E nessuno può salvare al 39’ la terza rete ad opera ancora di Cacace ed anche stavolta su calcio di rigore, decretato per un atterramento in area di Vinaccia da parte di De Riso che viene pure espulso. Alla fine una tripletta del capitano che è un’autentica ovazione non solo per lui ma anche per l’intero team ed anche per la società.

 

CAMPIONATO ECCELLENZA – GIRONE B – 21^ GIORNATA – 5^ RITORNO

 

CAMPAGNA – SANT’AGNELLO 1-2

Goals: st – 26' Manco (SA), 39’' Sibilli G (SA), 45' Esposito (rig, C).

CAMPAGNA: Pergamena, Esposito, Maiale, Gambino (35’st Graziano), Malino, Correale, Rodio (30'st Maiorano), Marrandino, Incoronato, Casetta (10'st Visco), Busillo.

A disp: Buccella, Santoro, Guerriero, Avallone.  Allen: Balzano.

SANT’AGNELLO: Napolitano, De Stefano, Piacente, Serrapica, Micallo (40' Schiavone), D'Agostino, Sibilli S, Iennaco, Sibilli G. (40'st Pignalosa), Russo, Manco (25'st De Rosa).

A disp: Uliano, Perinelli, Inserra, Di Leva.  Allen: Turi.

Arbitro: Rosario Michienzi di Lamezia Terme.

Assistenti: Mariano Izzo (Torre del Greco) – Dario Raho (Ercolano).

Espulso: 44’st Schiavone (SA) per doppia ammonizione.

Ammoniti: Sibilli G (SA), Incoronato (C), Visco (C).

 

REAL VICO EQUENSE – PALMESE   3-0

Goals: 15’pt Carfora, 31’pt Guadagnuolo; 44’st Cannavale.

REAL VICO EQUENSE (4-3-3): Pastena; Savarese, Carminetti, Altieri, Circiello (20’st Labriola); Albinese, Carfora, Sorrentino (30’st Banco); Cannnavale, Guadagnuolo (35’st Gozzo), Esposito.

A disp: Del Giudice, De Simone, Palumbo,Somma.   Allen: Macera.

PALMESE (4-4-2): Sorrentino; Caccavale, Vecchione, Marano, Addeo G; La Marca, Cruceru, Novello (15’st Rainone), Nappi A; Malafronte, Tufano (30’st Sepe).

A disp: Santaniello, Napolitano, Arianna, Nappi D, Lauri.   Allen: Addeo R.

Arbitro: Harley De Martino di Napoli.

Assistenti: Francesco Pannese (Ariano Irpino) e Danilo Brandi (Napoli).

Ammoniti: Carminetti (RVE); Marano, Novello, Sepe (P).

 

MASSA LUBRENSE-NOCERINA 3-1

Goals: 32'pt Santoriello (N); st – 13’, 19’ e 39’ Cacace (ML)

MASSA LUBRENSE (4-4-2): Fiorentino; La Monica, Ferrara, D’Esposito, Izzo; Breglia, Vinaccia, Amita (1′st Cuomo A) Girace (1′st Castellano A); Cacace (41′st Vollono), Esposito C.

A disp: Stinga, Esposito P, Castellano R, Staiano.   Allen: Gargiulo.
NOCERINA (4-3-1-2): D’Antuono; Ferrara L (31′pt Limatola), Trezza, Di Riso,Iommazzo; Adiletta, Galdi, Senatore (30′st Guzzi); Ferrara M; Esposito G, Santoriello (16′ st Cuomo).

A disp: De Sio, Grassadonia, Bove, D’Ambrosio.    Allen: Criscuolo.

Arbitro: Antonio Caputo di Benevento

Assistenti: Stefano Esposito (Benevento) e Giovanni Sepe (Frattamaggiore).

Espulso al 39′ st Di Riso

Ammoniti: Limatola, Trezza, L. Ferrara, Galdi, Cuomo (ML)

Note: Partita giocata a porte chiuse.

 

 GIUSEPPE SPASIANO