Sorrento. Ancora risse e degrado a Piazza Lauro. Ragazzi presi a calci in faccia, tragedia sfiorata

0

Sorrento. Ragazzi presi addirittura a calci in faccia. Tutti i coinvolti sono della Penisola Sorrentina. Il grave episodio è avvenuto intorno alla mezzanotte e nessuno è interveuto a placare gli animi. Sui social network sono comparse accuse anche nei confronti delle forze dell’ordine che sarebbero sopraggiunte (a quanto pare) dopo mezz’ora. Stando alle testimonianze, i ragazzi si cominciavano ad affrontare già da piazza Tasso per poi arrivare a Piazza Lauro, fra spintoni e urla. Qui l’apoteosi con pugni e calci, poteva scapparci il morto.

 L’ennesima rissa segnalata dai cittadini residenti di Piazza Lauro sta a significare che in materia di sicurezza la situazione, anche sotto tale aspetto, è sfuggita completamente di mano agli attuali amministratori ed a coloro che sono chiamati a far rispettare le regole. Si spera che prossimamente coloro che sapranno, con l’aiuto della maggior parte dei cittadini, capovolgere l’attuale situazione adottino i dovuti provvedimenti affinchè la nostra città ritorni ad essere un luogo sicuro e vigilato.

Sorrento – La rissa di ieri sera, durante la quale si è sfiorata ancora una volta la tragedia, rappresenta soltanto l’ennesimo episodio di violenza verificatosi in Piazza Lauro. Per i cittadini residenti non è affatto una novità e fanno notare che coloro che magari si meravigliano probabilmente sono in malafede oppure sono semplicemente ignari di ciò che è diventata la piazza negli ultimi anni.
E’ quanto fatto rilevare su facebook da Raffaele Ferraro che per l’ennesima volta evidenzia lo stato in cui si è ridotta una delle principali piazze che avrebbe dovuto rappresentare uno dei pilastri portanti del futuro commerciale della città. Ecco le sue parole: “Un escalation del declino di un luogo cittadino a cui hanno contribuito tutti, sia i politici, sia gli imprenditori, sia chi dovrebbe esercitare un controllo su una realtà da sempre denunciata da cittadini e condomini interi, diverse volte, anche alla Procura della Repubblica. Episodi che possono essere considerati come un preludio di ciò che avverrà in estate e che sarà cento volte peggio, come da me denunciato da anni ed anni senza il benchè minimo risultato se non fosse stato per un intervento serio portato avanti dall’ex sindaco Fiorentino Marco. Il quale impose il divieto di transito di auto e motorini e applicò seriamente il divieto di usare strumentazioni elettriche sempre e facendo rispettare gli orari in ogni caso. In tal modo le Forze dell’Ordine dovettero intervenire sempre senza passare le responsabilità all’ARPAC che non c’entra un fico secco. Una banda di imprenditori senza scrupoli con il supporto di una politica miope e del malaffare sta sperimentando tutto ciò che di negativo si può sperimentare in quel lembo di spazio cittadino. Musica ad alto volume fino a notte inoltrata, alcolici venduti a chiunque a sbafo, schiamazzi notturni e risse quotidiane, manifestazioni illegali e rumorose in una piazza dove da entrambi i lati vi sono le abitazioni di cittadini a pochi metri e senza un benchè minimo controllo e rispetto delle leggi. Pochi giorni fa, in occasione della mare e monti, alle nove del mattino una musica assordante invadeva le case delle persone. Son dovuto scendere per invitare ad abbassare il volume e la mia meraviglia è stata che chi destreggiava era proprio l’organizzatore e noto esponente della classe politica locale. Lo rimproverai duramente e lo invitai al rispetto delle regole. Lui con un sorrisino ambiguo si accinse ad abbassarlo ben sapendo che quello era semplicemente il minimo che poteva fare. Insomma, questi politici si vendono i nostri diritti a questo manipolo d’imprenditori che debbono fare soldi a nostre spese. Anche questa tendenza a spostare per la cittadina mercati e mercatini sconsideratamente e senza regole va affrontata e le associazioni di categoria sono latitanti. Si sta verificando che se abbiamo bloccato la tendopoli del mercatone del Parcheggio un’altra logica si sta materializzando nel nostro contesto con ripercussioni sul comparto del commercio, ma questo è un altro argomento. Intanto Piazza Lauro rimane oggetto di appetiti perversi ed è oltremisura utilizzata da cani e porci”. –  18 gennaio 2015 – salvatorecaccaviello positanonews.
 

Sorrento. Ragazzi presi addirittura a calci in faccia. Tutti i coinvolti sono della Penisola Sorrentina. Il grave episodio è avvenuto intorno alla mezzanotte e nessuno è interveuto a placare gli animi. Sui social network sono comparse accuse anche nei confronti delle forze dell'ordine che sarebbero sopraggiunte (a quanto pare) dopo mezz'ora. Stando alle testimonianze, i ragazzi si cominciavano ad affrontare già da piazza Tasso per poi arrivare a Piazza Lauro, fra spintoni e urla. Qui l'apoteosi con pugni e calci, poteva scapparci il morto.

 L'ennesima rissa segnalata dai cittadini residenti di Piazza Lauro sta a significare che in materia di sicurezza la situazione, anche sotto tale aspetto, è sfuggita completamente di mano agli attuali amministratori ed a coloro che sono chiamati a far rispettare le regole. Si spera che prossimamente coloro che sapranno, con l'aiuto della maggior parte dei cittadini, capovolgere l'attuale situazione adottino i dovuti provvedimenti affinchè la nostra città ritorni ad essere un luogo sicuro e vigilato.

Sorrento – La rissa di ieri sera, durante la quale si è sfiorata ancora una volta la tragedia, rappresenta soltanto l'ennesimo episodio di violenza verificatosi in Piazza Lauro. Per i cittadini residenti non è affatto una novità e fanno notare che coloro che magari si meravigliano probabilmente sono in malafede oppure sono semplicemente ignari di ciò che è diventata la piazza negli ultimi anni.
E' quanto fatto rilevare su facebook da Raffaele Ferraro che per l'ennesima volta evidenzia lo stato in cui si è ridotta una delle principali piazze che avrebbe dovuto rappresentare uno dei pilastri portanti del futuro commerciale della città. Ecco le sue parole: "Un escalation del declino di un luogo cittadino a cui hanno contribuito tutti, sia i politici, sia gli imprenditori, sia chi dovrebbe esercitare un controllo su una realtà da sempre denunciata da cittadini e condomini interi, diverse volte, anche alla Procura della Repubblica. Episodi che possono essere considerati come un preludio di ciò che avverrà in estate e che sarà cento volte peggio, come da me denunciato da anni ed anni senza il benchè minimo risultato se non fosse stato per un intervento serio portato avanti dall'ex sindaco Fiorentino Marco. Il quale impose il divieto di transito di auto e motorini e applicò seriamente il divieto di usare strumentazioni elettriche sempre e facendo rispettare gli orari in ogni caso. In tal modo le Forze dell'Ordine dovettero intervenire sempre senza passare le responsabilità all'ARPAC che non c'entra un fico secco. Una banda di imprenditori senza scrupoli con il supporto di una politica miope e del malaffare sta sperimentando tutto ciò che di negativo si può sperimentare in quel lembo di spazio cittadino. Musica ad alto volume fino a notte inoltrata, alcolici venduti a chiunque a sbafo, schiamazzi notturni e risse quotidiane, manifestazioni illegali e rumorose in una piazza dove da entrambi i lati vi sono le abitazioni di cittadini a pochi metri e senza un benchè minimo controllo e rispetto delle leggi. Pochi giorni fa, in occasione della mare e monti, alle nove del mattino una musica assordante invadeva le case delle persone. Son dovuto scendere per invitare ad abbassare il volume e la mia meraviglia è stata che chi destreggiava era proprio l'organizzatore e noto esponente della classe politica locale. Lo rimproverai duramente e lo invitai al rispetto delle regole. Lui con un sorrisino ambiguo si accinse ad abbassarlo ben sapendo che quello era semplicemente il minimo che poteva fare. Insomma, questi politici si vendono i nostri diritti a questo manipolo d'imprenditori che debbono fare soldi a nostre spese. Anche questa tendenza a spostare per la cittadina mercati e mercatini sconsideratamente e senza regole va affrontata e le associazioni di categoria sono latitanti. Si sta verificando che se abbiamo bloccato la tendopoli del mercatone del Parcheggio un'altra logica si sta materializzando nel nostro contesto con ripercussioni sul comparto del commercio, ma questo è un altro argomento. Intanto Piazza Lauro rimane oggetto di appetiti perversi ed è oltremisura utilizzata da cani e porci". –  18 gennaio 2015 – salvatorecaccaviello positanonews.

 

Lascia una risposta