Vico Equense. Videosorveglianza, quattro nuove telecamere

0

Vico Equense. Quattro telecamere in più nel territorio. Il servizio di videosorveglianza verrà potenziato attraverso l’utilizzo di nuove attrezzature. La decisione dell’amministrazione comunale di Vico Equense è stata presa a seguito dei recenti atti di vandalismo; tra questi l’esplosione di due bombe carta a Massaquano e il raid all’istituto scolastico «Giovanni Pascoli». Pronta la determina dirigenziale per affidare alla ditta Mega System, con sede a Casalnuovo di Napoli, la fornitura e la sistemazione dei nuovi impianti per un costo complessivo di 16mila euro. Le apparecchiature saranno aggiunte alle 24 telecamere già in funzione in città. Tra pochi giorni i nuovi «occhi» saranno operativi. Una telecamera verrà posizionata a monte Faito, nel piazzale dove ha sede la stazione della funivia, ferma da tre anni. Tante, infatti, le lamentele dei residenti che da tempo chiedono maggiore sorveglianza presso una montagna che trent’anni fa rappresentava un’ambita meta turistica e che oggi è abbandonata a se stessa. Le altre apparecchiature verranno installate nella zona di San Salvatore-Massaquano, a Santa Maria del Castello e presso la frazione di Seiano, nelle vicinanze del Grand hotel Moon Valley. «Finalità principale è quella di garantire la sicurezza – afferma il consigliere Vincenzo Cioffi, delegato alla legalità – tutelare l’ordine pubblico e prevenire comportamenti vandalici monitorando i siti ritenuti più sensibili». Risale a pochi giorni fa l’esplosione di due bombe carta a Massaquano. I boati, in momenti diversi, hanno causato panico al punto da far finire in ospedale per un malore il proprietario del bar della zona, ricoverato al «Santa Maria della misericordia» di Sorrento. Anche la sede centrale del primo circolo didattico di Vico Equense è stata presa di mira: durante il raid dello scorso mese i malviventi, di notte, hanno sradicato casseforti, riversato in terra il contenuto degli armadi e portato via pc e videocamere. (Ilenia De Rosa – Il Mattino)

Vico Equense. Quattro telecamere in più nel territorio. Il servizio di videosorveglianza verrà potenziato attraverso l’utilizzo di nuove attrezzature. La decisione dell’amministrazione comunale di Vico Equense è stata presa a seguito dei recenti atti di vandalismo; tra questi l’esplosione di due bombe carta a Massaquano e il raid all’istituto scolastico «Giovanni Pascoli». Pronta la determina dirigenziale per affidare alla ditta Mega System, con sede a Casalnuovo di Napoli, la fornitura e la sistemazione dei nuovi impianti per un costo complessivo di 16mila euro. Le apparecchiature saranno aggiunte alle 24 telecamere già in funzione in città. Tra pochi giorni i nuovi «occhi» saranno operativi. Una telecamera verrà posizionata a monte Faito, nel piazzale dove ha sede la stazione della funivia, ferma da tre anni. Tante, infatti, le lamentele dei residenti che da tempo chiedono maggiore sorveglianza presso una montagna che trent’anni fa rappresentava un’ambita meta turistica e che oggi è abbandonata a se stessa. Le altre apparecchiature verranno installate nella zona di San Salvatore-Massaquano, a Santa Maria del Castello e presso la frazione di Seiano, nelle vicinanze del Grand hotel Moon Valley. «Finalità principale è quella di garantire la sicurezza – afferma il consigliere Vincenzo Cioffi, delegato alla legalità – tutelare l’ordine pubblico e prevenire comportamenti vandalici monitorando i siti ritenuti più sensibili». Risale a pochi giorni fa l’esplosione di due bombe carta a Massaquano. I boati, in momenti diversi, hanno causato panico al punto da far finire in ospedale per un malore il proprietario del bar della zona, ricoverato al «Santa Maria della misericordia» di Sorrento. Anche la sede centrale del primo circolo didattico di Vico Equense è stata presa di mira: durante il raid dello scorso mese i malviventi, di notte, hanno sradicato casseforti, riversato in terra il contenuto degli armadi e portato via pc e videocamere. (Ilenia De Rosa – Il Mattino)

Lascia una risposta