Agerola dopo feste Natalizie, Mascolo “Distretto turistico con la Costa d’ Amalfi”

0

n continuum rispetto agli eventi estivi nonostante il clima inclemente. Una buona risposta per quanto riguarda la nostra offerta turistica, anche in prospettiva della nuova legge regionale”. E’ la dichiarazione congiunta da parte di Luca Mascolo, sindaco di Agerola in provincia di Napoli, e di Tommaso Naclerio per riassumere al meglio il bilancio, positivo, degli eventi natalizi del comune sito nel cuore dei Monti Lattari. Al termine della kermesse a cavallo tra Natale e Capodanno, ecco allora come Naclerio riassume i contorni di un festival che ha avuto un target ben preciso, quello familiare: “In sintesi, essendo un contesto più ridotto, c’è una valutazione non molto attenta come quella estiva. Nonostante la mancanza di risorse in cui ci siamo mossi, abbiamo messo in campo un cartellone che si è proposto come una linea di prosecuzione rispetto al Festival sul Sentiero degli Dei. Al programma hanno contribuito in modo rilevante le associazioni presenti sul territorio. Quello natalizio ha avuto una dimensione più familiare, diretto specialmente ai bambini. Abbiamo avuto la fortuna di poter disporre, già dallo scorso anno, del Centro Polifunzionale Monsignor Andrea Gallo, ancor più potenziato, che ci ha permesso di ospitare eventi, come quello di inaugurazione con Sal Da Vinci, di grande appeal. Anche le strutture ricettive hanno risposto la meglio – continua Tommaso Naclerio -, nonostante il clima inclemente a cui siamo stati sottoposti. Certo, abbiamo dovuto annullare alcuni eventi che si sarebbero dovuti svolgere all’aperto, come il concerto di Capodanno del Gruppo Folk Città di Agerola, che verrà rifatto, ma abbiamo garantito le migliori condizioni di viabilità possibili”. E proprio sulla viabilità è intervenuto il sindaco di Agerola, Luca Mascolo: “Eventi climatici, come neve e gelo, hanno sì creato dei disagi, ma comunque risolti nell’arco di una giornata. Abbiamo permesso, agendo tempestivamente, alle strutture ricettive di non annullare veglioni e soggiorni di piacere, certo pur rammentando ai cittadini e ai visitatori di prestare massima cautela nei loro spostamenti”. E nell’ambito della Legge Regionale sul Turismo, recentemente approvata, Agerola provvederà a “orientarsi sulla parte alta della costiera amalfitana, aderendo al Distretto Turistico Costa D’Amalfi. Nonostante in prima battuta non potessimo rientrarci, per via del nostro mancato sbocco sul mare, con una modifica alla norma, dal mese di maggio abbiamo potuto entrare a farne parte, assieme ai comuni di Tramonti, Scale e Cava de’ Tirreni. Stiamo ancora affrontando il discorso sulla legge, abbastanza ingarbugliata, ma nel frattempo abbiamo deciso di muoversi in questa direzione”. E Campania

n continuum rispetto agli eventi estivi nonostante il clima inclemente. Una buona risposta per quanto riguarda la nostra offerta turistica, anche in prospettiva della nuova legge regionale”. E’ la dichiarazione congiunta da parte di Luca Mascolo, sindaco di Agerola in provincia di Napoli, e di Tommaso Naclerio per riassumere al meglio il bilancio, positivo, degli eventi natalizi del comune sito nel cuore dei Monti Lattari. Al termine della kermesse a cavallo tra Natale e Capodanno, ecco allora come Naclerio riassume i contorni di un festival che ha avuto un target ben preciso, quello familiare: “In sintesi, essendo un contesto più ridotto, c’è una valutazione non molto attenta come quella estiva. Nonostante la mancanza di risorse in cui ci siamo mossi, abbiamo messo in campo un cartellone che si è proposto come una linea di prosecuzione rispetto al Festival sul Sentiero degli Dei. Al programma hanno contribuito in modo rilevante le associazioni presenti sul territorio. Quello natalizio ha avuto una dimensione più familiare, diretto specialmente ai bambini. Abbiamo avuto la fortuna di poter disporre, già dallo scorso anno, del Centro Polifunzionale Monsignor Andrea Gallo, ancor più potenziato, che ci ha permesso di ospitare eventi, come quello di inaugurazione con Sal Da Vinci, di grande appeal. Anche le strutture ricettive hanno risposto la meglio – continua Tommaso Naclerio -, nonostante il clima inclemente a cui siamo stati sottoposti. Certo, abbiamo dovuto annullare alcuni eventi che si sarebbero dovuti svolgere all’aperto, come il concerto di Capodanno del Gruppo Folk Città di Agerola, che verrà rifatto, ma abbiamo garantito le migliori condizioni di viabilità possibili”. E proprio sulla viabilità è intervenuto il sindaco di Agerola, Luca Mascolo: “Eventi climatici, come neve e gelo, hanno sì creato dei disagi, ma comunque risolti nell’arco di una giornata. Abbiamo permesso, agendo tempestivamente, alle strutture ricettive di non annullare veglioni e soggiorni di piacere, certo pur rammentando ai cittadini e ai visitatori di prestare massima cautela nei loro spostamenti”. E nell’ambito della Legge Regionale sul Turismo, recentemente approvata, Agerola provvederà a “orientarsi sulla parte alta della costiera amalfitana, aderendo al Distretto Turistico Costa D’Amalfi. Nonostante in prima battuta non potessimo rientrarci, per via del nostro mancato sbocco sul mare, con una modifica alla norma, dal mese di maggio abbiamo potuto entrare a farne parte, assieme ai comuni di Tramonti, Scale e Cava de’ Tirreni. Stiamo ancora affrontando il discorso sulla legge, abbastanza ingarbugliata, ma nel frattempo abbiamo deciso di muoversi in questa direzione”. E Campania