Calciomercato – Balotelli rimane? Raiola "lo esclude

0

Non ci sarà nessun cambio di rotta secondo il procuratore del giovane attaccante interista, sempre più vicino all’accordo con il Manchester City. Mancini ha dichiarato di aspettarlo in Inghilterra entro giovedì, ma intanto Balotell8i continua a far notizia per le sue ragazzate…

- 0

Se Maicon sembra ormai legato almeno per un’altra stagione alla Milano nerazzurra e anche Burdisso potrebbe tornare a vestire la maglia dei campioni d’Europa, tutti gli indizi relativi al futuro di Mario Balotelli portano il giovane attaccante verso il trasferimento all’estero, ovviamente al Manchester City di Roberto Mancini.

Il tecnico degli Sky Blues ha dichiarato di attendere Balotelli per le visite mediche entro giovedì, in modo da poterlo portare almeno in panchina per l’esordio di sabato in Premier League a White Hart Lane, il campo del Tottenham. Su questa stessa lunghezza d’onda il procuratore di Mario, Mino Raiola, che però preferisce non sbilanciarsi sui tempi: “La permanenza di Balotelli all’Inter? Al momento la escludo, perché c’è una trattativa in piedi. Come ho già dichiarato nei giorni scorsi, ci sto lavorando. Fino alla fine di agosto c’è tempo, lavoriamo affinché si raggiunga un’intesa tra le parti”. Alle voci dei tabloid che parlano di un ingaggio principesco richiesto da Balotelli, poi, Raiola risponde con una battuta tagliente: “Con i giornali si puliscono bene i vetri e io quelli inglesi li uso per la mia macchina…”.

Per un procuratore che rimane battagliero, un giocatore che continua ad essere contraddistinto da un carattere difficile. Anche in Nazionale, infatti, Balotelli si è subito reso protagonista di una delle sue ragazzate: se durante la tournée dell’Inter negli Stati Uniti Mario aveva saltato un’amichevole perché si era dimenticato il passaporto, sulla strada di Coverciano è stato beffato a causa della mancanza di un altro documento ufficiale, la patente. Fermato dalla Polizia stradale alla guida della sua Audi R8, Balotelli è arrivato al raduno azzurro con due verbali sul groppone: il primo – appunto – per guida senza patente e poi anche un secondo a causa dei vetri oscurati della sua auto.

A questo punto tornano in mente le parole di Patrick Vieira, rimbalzate dalla stampa inglese in mattinata: “Balotelli un po’ come Craig Bellamy o Carlos Tevez – ha dichiarato il centrocampista del City riferendosi ai due compagni -. Certi giocatori hanno un carattere particolare e si comportano in un determinato modo. Ma la cosa più importante è che diano tutto per il club”. Insomma, il Manchester City lo attende, con o senza patente…/ Eurosport

                    michele de lucia