Da buttare 4 milioni di vaccini per l’influenza

0

Il vaccino fa più paura dell’influenza. Lo dimostra il crollo di fiducia nella campagna di prevenzione gratuita, appena conclusa. Il calo di adesioni supera il 20 per cento, conta quasi due milioni di vaccinati in meno. E quindi, quattro milioni di dosi del farmaco inutilizzate, dal costo superiore ai 13 milioni di euro: acquistate dal servizio sanitario, ma da mandare al macero (secondo una stima preliminare dell’Istituto superiore di sanità).

L’obiettivo di coinvolgere il 75 per cento degli anziani resta distante. Lo stop quasi totale alle iniezioni si è avuto a seguito del «caso Fluad», per le morti sospette segnalate dopo l’iniezione, un allarme rientrato alla vigilia di Natale, senza trovare lotti di vaccino contaminati tra quelli ritirati in via cautelativa dal mercato e poi sbloccati. Secondo la sorveglianza Influnet, 2,18 italiani su mille sono a letto con la febbre, i più colpiti sono soprattutto i bimbi di età inferiore ai quattro anni.
DI MARIA PIRRO IL MATTINO.ITIl vaccino fa più paura dell’influenza. Lo dimostra il crollo di fiducia nella campagna di prevenzione gratuita, appena conclusa. Il calo di adesioni supera il 20 per cento, conta quasi due milioni di vaccinati in meno. E quindi, quattro milioni di dosi del farmaco inutilizzate, dal costo superiore ai 13 milioni di euro: acquistate dal servizio sanitario, ma da mandare al macero (secondo una stima preliminare dell’Istituto superiore di sanità).

L’obiettivo di coinvolgere il 75 per cento degli anziani resta distante. Lo stop quasi totale alle iniezioni si è avuto a seguito del «caso Fluad», per le morti sospette segnalate dopo l’iniezione, un allarme rientrato alla vigilia di Natale, senza trovare lotti di vaccino contaminati tra quelli ritirati in via cautelativa dal mercato e poi sbloccati. Secondo la sorveglianza Influnet, 2,18 italiani su mille sono a letto con la febbre, i più colpiti sono soprattutto i bimbi di età inferiore ai quattro anni.
DI MARIA PIRRO IL MATTINO.IT

Lascia una risposta