Napoli. Spara in aria con una pistola per festeggiare il nuovo anno: 43enne arrestato

0

Festeggia il Capodanno sparando colpi in aria con una pistola vera. È accaduto a Napoli dove i Carabinieri del Nucleo Radiomobile hanno arrestato un uomo di 43 anni, già noto alle forze dell’ordine, sorpreso a sparare con una pistola semiautomatica in aria davanti all’ingresso di un palazzo. I militari gli hanno intimato di mettere a terra l’arma e l’uomo, vedendo i carabinieri, ha cercato di fuggire ma pochi metri dopo è stato bloccato. L’arma è stata recuperata, è una Smith & Wesson calibro 9 con la matricola abrasa, il caricatore appena svuotato e la canna ancora bollente. In tasca all’arrestato i carabinieri hanno trovato qualche altro colpo (probabilmente era pronto a ricaricare). L’uomo è stato arrestato per porto e detenzione di arma clandestina. I militari hanno ispezionato le abitazioni circostanti per verificare eventuali ferimenti accidentali di persone o danni a muri e finestre, l’esito è stato negativo. L’arrestato è stato portato al carcere di Poggioreale. (Il Mattino.it)

Festeggia il Capodanno sparando colpi in aria con una pistola vera. È accaduto a Napoli dove i Carabinieri del Nucleo Radiomobile hanno arrestato un uomo di 43 anni, già noto alle forze dell'ordine, sorpreso a sparare con una pistola semiautomatica in aria davanti all'ingresso di un palazzo. I militari gli hanno intimato di mettere a terra l'arma e l'uomo, vedendo i carabinieri, ha cercato di fuggire ma pochi metri dopo è stato bloccato. L'arma è stata recuperata, è una Smith & Wesson calibro 9 con la matricola abrasa, il caricatore appena svuotato e la canna ancora bollente. In tasca all'arrestato i carabinieri hanno trovato qualche altro colpo (probabilmente era pronto a ricaricare). L'uomo è stato arrestato per porto e detenzione di arma clandestina. I militari hanno ispezionato le abitazioni circostanti per verificare eventuali ferimenti accidentali di persone o danni a muri e finestre, l'esito è stato negativo. L'arrestato è stato portato al carcere di Poggioreale. (Il Mattino.it)