Castellammare di Stabia. Superenalotto, vinti 18 milioni con una schedina da 1 euro

0

Castellammare di Stabia. Piazza Giacomo Matteotti, bar Fontana. In questo fine anno dalle temperature gelide la fortuna abita qui. Due 6 al Superenalotto, con una sola schedina da 1 euro per due combinazioni identiche da 50 centesimi, hanno consentito ad un fortunato stabiese di portare a casa ben 18 milioni di euro. E il Capodanno a Castellammare arriva con una giornata di anticipo. «Quando ho ricevuto la telefonata della Sisal sono rimasto senza parole – afferma Gaetano Fontana, titolare della ricevitoria fortunata – Altre volte ci siamo andati vicino, ottenendo anche vincite importanti, ma questa è stata la volta buona. Sono veramente felice». I festeggiamenti, però, sono rimandati a stamane. Al momento dell’estrazione fortunata, infatti, il bar era già chiuso. Nonostante ciò, non appena in città si è diffusa la notizia della maxi vincita, in piazza Matteotti si è formato un capannello di persone che volevano condividere con i titolari del bar la straordinaria vincita. Alcune persone avevano già lo spumante in mano, nella speranza di scoprire il vincitore. Prima 20, poi 50, quindi sempre più persone, che si sono unite con la tecnica raccontata nella celebre scena del filosofo di Bellavista. Ma i festeggiamenti veri e propri, con tanto di foto ricordo e champagne a fiumi, si terranno stamane, giorno di San Silvestro, con la riapertura del bar. «È una grande soddisfazione anche per la città di Castellammare – afferma un anziano, assiduo frequentatore della ricevitoria – Dopo le cattive notizie relative alla crisi occupazionale e ai problemi economici di tante famiglie, abbiamo finalmente chiuso il 2014 col botto». La felicità è tutta per il vincitore dunque, dato che né al titolare del bar, né tantomeno ai clienti, entrerà qualcosa in tasca. «Speriamo almeno che si ricordi di noi», continua Fontana che non ha nessuna idea sull’identità del neomilionario. «Non so chi possa essere stato – dice ancora Gaetano –durante il periodo delle feste le giocate aumentano di circa il 20% e ci sono tante facce nuove, magari qualcuno che è venuto in vacanza a trovare i parenti. Di certo passerà un buon Capodanno, anzi per lui le feste dureranno parecchio di più». In città insomma è caccia al «cecchino» del Superenalotto, in grado di regalare finalmente un sorriso a una Castellammare in ginocchio dal punto di vista economico. Non è la prima volta tuttavia che la fortuna passa dal Bar Fontana. «A luglio del 2003 qui è stato vinto un “5+” da 2 milioni di euro – continua ancora il titolare – e negli anni sono stati centrati altri dieci “5+”. I vincitori di solito non si fanno vedere, ma è meglio così: magari se scopro chi sono, poi li perdo come clienti». Intanto nel quartiere, insieme ai festeggiamenti collettivi, arrivano anche le immancabili richieste di contributi o regalie all’anonimo vincitore. Richieste sono state fatte anche da alcuni operai di Fincantieri che, vedendo la vincita come un segnale positivo per la città, hanno chiesto al vincitore di destinare una piccola somma alla comunità. Eccola la combinazione dei sogni, capace di riscattare (almeno per un giorno) una Castellammare che vuole risorgere e superare i problemi quotidiani di tante famiglie: 5, 24, 51, 76, 77 e 79. Sono questi i numeri fortunati. (Francesco Fusco – Il Mattino)     

Castellammare di Stabia. Piazza Giacomo Matteotti, bar Fontana. In questo fine anno dalle temperature gelide la fortuna abita qui. Due 6 al Superenalotto, con una sola schedina da 1 euro per due combinazioni identiche da 50 centesimi, hanno consentito ad un fortunato stabiese di portare a casa ben 18 milioni di euro. E il Capodanno a Castellammare arriva con una giornata di anticipo. «Quando ho ricevuto la telefonata della Sisal sono rimasto senza parole – afferma Gaetano Fontana, titolare della ricevitoria fortunata – Altre volte ci siamo andati vicino, ottenendo anche vincite importanti, ma questa è stata la volta buona. Sono veramente felice». I festeggiamenti, però, sono rimandati a stamane. Al momento dell’estrazione fortunata, infatti, il bar era già chiuso. Nonostante ciò, non appena in città si è diffusa la notizia della maxi vincita, in piazza Matteotti si è formato un capannello di persone che volevano condividere con i titolari del bar la straordinaria vincita. Alcune persone avevano già lo spumante in mano, nella speranza di scoprire il vincitore. Prima 20, poi 50, quindi sempre più persone, che si sono unite con la tecnica raccontata nella celebre scena del filosofo di Bellavista. Ma i festeggiamenti veri e propri, con tanto di foto ricordo e champagne a fiumi, si terranno stamane, giorno di San Silvestro, con la riapertura del bar. «È una grande soddisfazione anche per la città di Castellammare – afferma un anziano, assiduo frequentatore della ricevitoria – Dopo le cattive notizie relative alla crisi occupazionale e ai problemi economici di tante famiglie, abbiamo finalmente chiuso il 2014 col botto». La felicità è tutta per il vincitore dunque, dato che né al titolare del bar, né tantomeno ai clienti, entrerà qualcosa in tasca. «Speriamo almeno che si ricordi di noi», continua Fontana che non ha nessuna idea sull’identità del neomilionario. «Non so chi possa essere stato – dice ancora Gaetano –durante il periodo delle feste le giocate aumentano di circa il 20% e ci sono tante facce nuove, magari qualcuno che è venuto in vacanza a trovare i parenti. Di certo passerà un buon Capodanno, anzi per lui le feste dureranno parecchio di più». In città insomma è caccia al «cecchino» del Superenalotto, in grado di regalare finalmente un sorriso a una Castellammare in ginocchio dal punto di vista economico. Non è la prima volta tuttavia che la fortuna passa dal Bar Fontana. «A luglio del 2003 qui è stato vinto un “5+” da 2 milioni di euro – continua ancora il titolare – e negli anni sono stati centrati altri dieci “5+”. I vincitori di solito non si fanno vedere, ma è meglio così: magari se scopro chi sono, poi li perdo come clienti». Intanto nel quartiere, insieme ai festeggiamenti collettivi, arrivano anche le immancabili richieste di contributi o regalie all’anonimo vincitore. Richieste sono state fatte anche da alcuni operai di Fincantieri che, vedendo la vincita come un segnale positivo per la città, hanno chiesto al vincitore di destinare una piccola somma alla comunità. Eccola la combinazione dei sogni, capace di riscattare (almeno per un giorno) una Castellammare che vuole risorgere e superare i problemi quotidiani di tante famiglie: 5, 24, 51, 76, 77 e 79. Sono questi i numeri fortunati. (Francesco Fusco – Il Mattino)