Sorrento. Produttività, pioggia di soldi per i dipendenti. Erogati oltre 114mila euro

0

Sorrento. Una “pioggia” di soldi mai vista prima. Un “premio” per i dipendenti del Comune di Sorrento che, evidentemente, sono tutt’altro che fannulloni. Anzi. Meritevoli di un bonus di produttività da record. A partire dai dirigenti, per proseguire con i titolari di posizione organizzativa, passando per le “alte professionalità”, per arrivare via via ai “normali” dipendenti. Tutti – tranne due, per i quali è emersa la non valutabilità – che si sono visti assegnare un bonus di produttività che va, in media, da un massimo di 4.900 euro a un minimo di poco meno di 900. Tutti dati relativi all’anno 2013, ma erogati nel 2014. Complessivamente, il costo della produttività e della retribuzione di risultato del Segretario Generale, dei Dirigenti, delle Posizioni Organizzative e dei dipendenti del Comune, relativamente all’Esercizio 2013, ammonta a 114.224,5 euro. I Dirigenti valutati sono in tutto sei e la retribuzione di risultato erogata è stata paria a 29.469,31 (rispetto a un massimo di 32.371,78 stando al contratto collettivo decentrato) per una media di 4.911,55 euro a testa. I Titolari di Posizione Organizzativa/Alte professionalità invece sono otto e la retribuzione di risultato erogata loro è di 23.084 euro (quasi pari al massimo consentito, pari a 23.462 euro) per una media di 2.885,5 euro a testa. Infine, i dipendenti valutati sono in totale 127: per 2 di essi non è stata erogata la produttività, in quanto è emersa la non valutabilità . Per i restanti 125, in relazione al punteggio ottenuto e alla parametrazione della posizione, è stata erogata la quota di produttività. Un dipendente ha avuto un punteggio inferiore a 50 punti, un altro un punteggio compreso tra i 50 e i 70 punti, sette dipendenti hanno ottenuto tra i 71 e i 90 punti e i restanti 116 hanno ottenuto un punteggio tra 91 e 100 punti su un massimo di 100 attribuibili. L’importo complessivo erogato per questa tipologia di dipendente è stato quindi di 114.224, 5 euro (a fronte di un massimo consentito di 119.633,54) per una media di 899,40. Nel calcolo di questi premi, non sono considerate le erogazioni di produttività o di prestazioni aggiuntive per progetti finalizzati in materia di security portuale, Ici, matrimoni di stranieri, censimento, all’Istat, compensi dell’avvocatura comunale, legge quadro sui lavori pubblici ed elezioni. (Gaetano Angelotti – Metropolis)  

Sorrento. Una “pioggia” di soldi mai vista prima. Un “premio” per i dipendenti del Comune di Sorrento che, evidentemente, sono tutt’altro che fannulloni. Anzi. Meritevoli di un bonus di produttività da record. A partire dai dirigenti, per proseguire con i titolari di posizione organizzativa, passando per le “alte professionalità”, per arrivare via via ai “normali” dipendenti. Tutti – tranne due, per i quali è emersa la non valutabilità – che si sono visti assegnare un bonus di produttività che va, in media, da un massimo di 4.900 euro a un minimo di poco meno di 900. Tutti dati relativi all’anno 2013, ma erogati nel 2014. Complessivamente, il costo della produttività e della retribuzione di risultato del Segretario Generale, dei Dirigenti, delle Posizioni Organizzative e dei dipendenti del Comune, relativamente all’Esercizio 2013, ammonta a 114.224,5 euro. I Dirigenti valutati sono in tutto sei e la retribuzione di risultato erogata è stata paria a 29.469,31 (rispetto a un massimo di 32.371,78 stando al contratto collettivo decentrato) per una media di 4.911,55 euro a testa. I Titolari di Posizione Organizzativa/Alte professionalità invece sono otto e la retribuzione di risultato erogata loro è di 23.084 euro (quasi pari al massimo consentito, pari a 23.462 euro) per una media di 2.885,5 euro a testa. Infine, i dipendenti valutati sono in totale 127: per 2 di essi non è stata erogata la produttività, in quanto è emersa la non valutabilità . Per i restanti 125, in relazione al punteggio ottenuto e alla parametrazione della posizione, è stata erogata la quota di produttività. Un dipendente ha avuto un punteggio inferiore a 50 punti, un altro un punteggio compreso tra i 50 e i 70 punti, sette dipendenti hanno ottenuto tra i 71 e i 90 punti e i restanti 116 hanno ottenuto un punteggio tra 91 e 100 punti su un massimo di 100 attribuibili. L’importo complessivo erogato per questa tipologia di dipendente è stato quindi di 114.224, 5 euro (a fronte di un massimo consentito di 119.633,54) per una media di 899,40. Nel calcolo di questi premi, non sono considerate le erogazioni di produttività o di prestazioni aggiuntive per progetti finalizzati in materia di security portuale, Ici, matrimoni di stranieri, censimento, all’Istat, compensi dell’avvocatura comunale, legge quadro sui lavori pubblici ed elezioni. (Gaetano Angelotti – Metropolis)