ITALO VOZA SINDACO DI CAPACCIO PAESTUM: “VIA QUEI RIFUGIATI”

0

Con l’ordinanza numero 181 del 23 dicembre 2014, il sindaco di Capaccio Italo Voza, ha ordinato il trasferimento immediato dei rifugiati e richiedenti asilo, ospitati alla data del 23 dicembre 2014 presso il centro Sprar Engel, presso il Villaggio El Pueblo, gestito dall’Omnic.Nel Comune di Capaccio, dal mese di febbraio 2014, sono ospitati rifugiati politici e richiedenti asilo nella struttura gestita dalla Engel Italia srl e dall’associazione Engel for life (centro Sprar). Negli ultimi giorni, come segnalato anche dal parlamentare Chaouki Le Khalid, e ripreso da numerosi organi di stampa locali e nazionali, si è registrata una crescente situazione di conflitto e di tensione tra i gestori della struttura e gli extracomunitari ospitati.Il Comune ha concordato con una delegazione dei rifugiati il loro trasferimento temporaneo in un’altra struttura presente sul territorio che già ospita immigrati, nelle more di una loro sistemazione definitiva secondo le indicazioni dei competenti organi del ministero dell’Interno. Il trasferimento si è reso necessario al fine di assicurare l’ordine pubblico.
AGROPOLINEWSCon l’ordinanza numero 181 del 23 dicembre 2014, il sindaco di Capaccio Italo Voza, ha ordinato il trasferimento immediato dei rifugiati e richiedenti asilo, ospitati alla data del 23 dicembre 2014 presso il centro Sprar Engel, presso il Villaggio El Pueblo, gestito dall’Omnic.Nel Comune di Capaccio, dal mese di febbraio 2014, sono ospitati rifugiati politici e richiedenti asilo nella struttura gestita dalla Engel Italia srl e dall’associazione Engel for life (centro Sprar). Negli ultimi giorni, come segnalato anche dal parlamentare Chaouki Le Khalid, e ripreso da numerosi organi di stampa locali e nazionali, si è registrata una crescente situazione di conflitto e di tensione tra i gestori della struttura e gli extracomunitari ospitati.Il Comune ha concordato con una delegazione dei rifugiati il loro trasferimento temporaneo in un’altra struttura presente sul territorio che già ospita immigrati, nelle more di una loro sistemazione definitiva secondo le indicazioni dei competenti organi del ministero dell’Interno. Il trasferimento si è reso necessario al fine di assicurare l’ordine pubblico.
AGROPOLINEWS