Il cardinale Crescenzio Sepe e il Presidente Alviti dell’Agpg ospiteranno pranzi che vedranno a tavola oltre 1500 poveri

0

Napoli
non scorda i suoi figli meno fortunati e la Chiesa è in prima linea per donare anche a loro una giornata di festa e serenità. Il pranzo di Natale con i poveri è una tradizione della Comunità di Sant’Egidio e anche quest’anno, a Napoli, il 25 dicembre chiese, istituti religiosi, case, si apriranno in tanti luoghi della città per ospitare pranzi che vedranno a tavola oltre 1500 poveri. Nella Basilica dei SS. Severino e Sossio 400 poveri a tavola con il cardinale Crescenzio Sepe e il presidente dellASSOCIAZIONE NAZIONALE GUARDIE PARTICOLARI GIURATE Giuseppe Alviti.Napoli
non scorda i suoi figli meno fortunati e la Chiesa è in prima linea per donare anche a loro una giornata di festa e serenità. Il pranzo di Natale con i poveri è una tradizione della Comunità di Sant’Egidio e anche quest’anno, a Napoli, il 25 dicembre chiese, istituti religiosi, case, si apriranno in tanti luoghi della città per ospitare pranzi che vedranno a tavola oltre 1500 poveri. Nella Basilica dei SS. Severino e Sossio 400 poveri a tavola con il cardinale Crescenzio Sepe e il presidente dellASSOCIAZIONE NAZIONALE GUARDIE PARTICOLARI GIURATE Giuseppe Alviti.

Lascia una risposta