Positano Christmas Time a Montepertuso grande Trio Tarantae con Simone Fusco e il gruppo di ballo di Giulia VIDEO

0

Sotto video Lucio Esposito Positano Christmas Time oggi nella perla della Costa d’ Amalfi grande spettacolo a Montepertuso  ‘Aspettando il Natale a montepertuso ‘ dalle ore 18.30 la frazione di Positano si è riempita di atmosfera e tradizione, in piazza assaggi tipici tanto folklore con i canti popolari del ‘trio tarante’ ,  con una straordinaria esibizione con canto e tamorra del positanese Simone Fusco, accompagnati dai travolgenti balli dell’associazione ‘Positano senza Tiempo’ con La maestra Giulia talamo. Nella sezione eventi Costiera amalfitana tutto il programma di Positano (clicca qui) . Giulia Talamo sta portando avanti dei corsi di balli popolari ed ha coinvolto in questa avventura Luigi Staiano del gruppo Trio Tarantae. Nato nel 2004, è tra i gruppi più attivi in Campania. Il progetto propone un repertorio di musica popolare rivisitato e contaminato da sonorità attuali. Lo spettacolo è un viaggio fatto di suoni, parole, atmosfere, gestualità della cultura popolare del sud Italia: una terra di riti, Madonne, canti d’amore, di emigrazione, di protesta, di lavoro.

Elemento trainante dello spettacolo insieme alla musica è la danza, al ritmo di tammurriate, pizziche, tarantelle.

Dalla sua formazione ad oggi il Triotarantae ha in attivo due lavori discografici:

-Tuoni e Lampi, 2006, etichetta discografica Terre in Moto,

-Cantimigranti, 2011, etichetta discografica Polo Sud Records, distribuzione La Feltrinelli.

Numerose le partecipazioni a festival di musica popolare: Leuciana Festival, Festival Sentieri Mediterranei, Festival Terre in Moto, Padova jazz, Festival note d’autore, Itriarte Festival, etc.

Lo spettacolo ha una durata di un’ora e trenta e su richiesta dell’organizzazione è possibile tenere uno stage di tammurriata (stile agro-nocerino-sarnese).

L’Italia meridionale possiede un immenso patrimonio di tradizioni popolari le cui radici derivano in gran parte da una religiosità popolare tesa a garantire, attraverso il suo simbolismo, un po’ di sicurezza contro la miseria e la povertà.

Gli elementi tipici delle feste e delle ricorrenze campane hanno una teatralità che rende ogni manifestazione religiosa un evento spettacolare.

Le feste, i racconti, i balli, i canti contadini, i canti di fede, i canti d’amore, tutto questo costituisce un prezioso bagaglio culturale che ci viene offerto dalla nostra tradizione.

Seguendo un percorso fatto di suoni, ritmi, parole è possibile ricostruire la trama di una storia centenaria, segnata da ricchezze e miseria, luci ed ombre, sogni e speranze, scoprendo che un comune sentire ci lega a chi ha vissuto nelle nostra terra prima di noi, come una melodia senza tempo che abbraccia il presente ed il passato.

Lo scopo principale del gruppo Triotarantae è quello di far avvicinare le nuove generazioni alle radici della cultura popolare del Mezzogiorno, fonte inesauribile di stimoli e conoscenze.

Lo spettacolo è un viaggio fatto di suoni, parole, atmosfere, gestualità della cultura popolare del sud Italia, una terra di riti, Madonne, canti d’amore, di emigrazione, di protesta, di lavoro.

Elemento trainante dello spettacolo insieme alla musica è la danza, al ritmo di tammurriate, pizziche e tarantelle.

Sotto video Lucio Esposito Positano Christmas Time oggi nella perla della Costa d' Amalfi grande spettacolo a Montepertuso  'Aspettando il Natale a montepertuso ' dalle ore 18.30 la frazione di Positano si è riempita di atmosfera e tradizione, in piazza assaggi tipici tanto folklore con i canti popolari del 'trio tarante' ,  con una straordinaria esibizione con canto e tamorra del positanese Simone Fusco, accompagnati dai travolgenti balli dell'associazione 'Positano senza Tiempo' con La maestra Giulia talamo. Nella sezione eventi Costiera amalfitana tutto il programma di Positano (clicca qui) . Giulia Talamo sta portando avanti dei corsi di balli popolari ed ha coinvolto in questa avventura Luigi Staiano del gruppo Trio Tarantae. Nato nel 2004, è tra i gruppi più attivi in Campania. Il progetto propone un repertorio di musica popolare rivisitato e contaminato da sonorità attuali. Lo spettacolo è un viaggio fatto di suoni, parole, atmosfere, gestualità della cultura popolare del sud Italia: una terra di riti, Madonne, canti d'amore, di emigrazione, di protesta, di lavoro.

Elemento trainante dello spettacolo insieme alla musica è la danza, al ritmo di tammurriate, pizziche, tarantelle.

Dalla sua formazione ad oggi il Triotarantae ha in attivo due lavori discografici:

-Tuoni e Lampi, 2006, etichetta discografica Terre in Moto,

-Cantimigranti, 2011, etichetta discografica Polo Sud Records, distribuzione La Feltrinelli.

Numerose le partecipazioni a festival di musica popolare: Leuciana Festival, Festival Sentieri Mediterranei, Festival Terre in Moto, Padova jazz, Festival note d'autore, Itriarte Festival, etc.

Lo spettacolo ha una durata di un'ora e trenta e su richiesta dell'organizzazione è possibile tenere uno stage di tammurriata (stile agro-nocerino-sarnese).

L'Italia meridionale possiede un immenso patrimonio di tradizioni popolari le cui radici derivano in gran parte da una religiosità popolare tesa a garantire, attraverso il suo simbolismo, un po' di sicurezza contro la miseria e la povertà.

Gli elementi tipici delle feste e delle ricorrenze campane hanno una teatralità che rende ogni manifestazione religiosa un evento spettacolare.

Le feste, i racconti, i balli, i canti contadini, i canti di fede, i canti d'amore, tutto questo costituisce un prezioso bagaglio culturale che ci viene offerto dalla nostra tradizione.

Seguendo un percorso fatto di suoni, ritmi, parole è possibile ricostruire la trama di una storia centenaria, segnata da ricchezze e miseria, luci ed ombre, sogni e speranze, scoprendo che un comune sentire ci lega a chi ha vissuto nelle nostra terra prima di noi, come una melodia senza tempo che abbraccia il presente ed il passato.

Lo scopo principale del gruppo Triotarantae è quello di far avvicinare le nuove generazioni alle radici della cultura popolare del Mezzogiorno, fonte inesauribile di stimoli e conoscenze.

Lo spettacolo è un viaggio fatto di suoni, parole, atmosfere, gestualità della cultura popolare del sud Italia, una terra di riti, Madonne, canti d'amore, di emigrazione, di protesta, di lavoro.

Elemento trainante dello spettacolo insieme alla musica è la danza, al ritmo di tammurriate, pizziche e tarantelle.

Lascia una risposta