Tentata rapina al bar: i titolari mettono in fuga i malviventi, ferito il proprietario

0

VOLLA. Tentata rapina nello storico bar “Graziella”, in via Roma: ferito alla testa il titolare che ha reagito e messo in fuga malviventi. Il colpo è scattato intorno alle 23.30 della scorsa sera.

Quattro uomini con il volto coperto dai cappucci delle felpe e dalle sciarpe si sono presentati nel bar, poi uno è uscito mentre gli altri hanno raggiunto il banco. Pochi istanti ed è stato immediatamente chiaro ai titolari, A.M. e A.M.B., marito e moglie di 42 e 38 anni, quali fossero le reali intenzioni dei tre sconosciuti, che non hanno ordinato nulla da bere. Uno di loro, infatti, ha estratto fuori la pistola dalla giacca e ha minacciato la titolare di consegnarle l’incasso. La donna però ha reagito e urlato “stanno arrivando i carabinieri”.

E’ scoppiata una colluttazione tra il proprietario e i tre rapinatori che, probabilmente, spaventati dall’arrivo dei militari hanno colpito alla testa l’uomo ferendolo con il calcio della pistola e si sono dati alla fuga. Nel bar era presente anche un nipote dei proprietari, un giovane di 21 anni anch’egli rimasto ferito al ginocchio da un vetro. Intanto all’esterno era rimasto il quarto complice che attendeva il resto della banda già a motore acceso.

All’arrivo dei militari della locale stazione alcuni testimoni hanno raccontato di aver sentito dei colpi di pistola esplosi in strada ma i carabinieri al momento non hanno rinvenuto bossoli, il che potrebbe far pensare che si sia potuta trattare di un’arma giocattolo con colpi esplosi a salve. Qualcuno avrebbe anche fornito il numero di targa dell’auto sulla quale sono fuggiti i quattro malviventi, una Ford Fiesta, tra l’altro risultata rubata lo scorso ottobre sempre a Volla. Il titolare e il nipote sono stati medicati al pronto soccorso dell’ospedale “Villa Betania” a Ponticelli per ferite da taglio guaribili in 10 giorni.

I carabinieri di Volla che indagano sulla rapina stanno cercando riscontri tramite le immagini riprese dalle telecamere di videosorveglianza presenti nella zona. DI PATRIZIA PANICO IL MATTINO.ITVOLLA. Tentata rapina nello storico bar “Graziella”, in via Roma: ferito alla testa il titolare che ha reagito e messo in fuga malviventi. Il colpo è scattato intorno alle 23.30 della scorsa sera.

Quattro uomini con il volto coperto dai cappucci delle felpe e dalle sciarpe si sono presentati nel bar, poi uno è uscito mentre gli altri hanno raggiunto il banco. Pochi istanti ed è stato immediatamente chiaro ai titolari, A.M. e A.M.B., marito e moglie di 42 e 38 anni, quali fossero le reali intenzioni dei tre sconosciuti, che non hanno ordinato nulla da bere. Uno di loro, infatti, ha estratto fuori la pistola dalla giacca e ha minacciato la titolare di consegnarle l’incasso. La donna però ha reagito e urlato “stanno arrivando i carabinieri”.

E’ scoppiata una colluttazione tra il proprietario e i tre rapinatori che, probabilmente, spaventati dall’arrivo dei militari hanno colpito alla testa l’uomo ferendolo con il calcio della pistola e si sono dati alla fuga. Nel bar era presente anche un nipote dei proprietari, un giovane di 21 anni anch’egli rimasto ferito al ginocchio da un vetro. Intanto all’esterno era rimasto il quarto complice che attendeva il resto della banda già a motore acceso.

All’arrivo dei militari della locale stazione alcuni testimoni hanno raccontato di aver sentito dei colpi di pistola esplosi in strada ma i carabinieri al momento non hanno rinvenuto bossoli, il che potrebbe far pensare che si sia potuta trattare di un’arma giocattolo con colpi esplosi a salve. Qualcuno avrebbe anche fornito il numero di targa dell’auto sulla quale sono fuggiti i quattro malviventi, una Ford Fiesta, tra l’altro risultata rubata lo scorso ottobre sempre a Volla. Il titolare e il nipote sono stati medicati al pronto soccorso dell’ospedale “Villa Betania” a Ponticelli per ferite da taglio guaribili in 10 giorni.

I carabinieri di Volla che indagano sulla rapina stanno cercando riscontri tramite le immagini riprese dalle telecamere di videosorveglianza presenti nella zona. DI PATRIZIA PANICO IL MATTINO.IT

Lascia una risposta