Ischia. Ragazzina precipita dal secondo piano: è gravissima in ospedale. I carabinieri ipotizzano il tentato suicidio

0

Una ragazzina di 12 anni, che frequenta la seconda media sull’isola d’Ischia, è caduta la scorsa notte dal secondo piano dell’abitazione dove vive con la famiglia, a Ischia Porto. La giovane è ricoverata in gravi condizioni, con prognosi riservata, nel reparto di rianimazione dell’ospedale Santobono di Napoli. La 12enne ha fratture multiple ed in particolare una grave, quella della prima vertebra. I carabinieri della compagnia di Ischia, che indagano sull’accaduto, ipotizzano il tentato suicidio. I militari si sono recati stamane nella scuola frequentata dalla 12enne per ascoltare preside e professori. Non si esclude che le cause del tentato suicidio siano da ricercare all’interno del mondo scolastico o familiare. Dai carabinieri – coordinati dal tenente Andrea Centrella – si apprende che la ragazzina appartiene a una famiglia in buone condizioni economiche. La ragazzina, secondo quanto si è appreso, avrebbe avuto un litigio con la madre poco prima di cadere dal balcone. Le condizioni della 12enne rimangono gravi, ma secondo i medici non rischierebbe la vita. Dagli indizi finora raccolti dai carabinieri non emergono altri particolari sulle possibili cause del gesto. I militari hanno ascoltato insegnanti, compagni di classe e amichetti della ragazzina. (Il Mattino)

Una ragazzina di 12 anni, che frequenta la seconda media sull'isola d'Ischia, è caduta la scorsa notte dal secondo piano dell'abitazione dove vive con la famiglia, a Ischia Porto. La giovane è ricoverata in gravi condizioni, con prognosi riservata, nel reparto di rianimazione dell'ospedale Santobono di Napoli. La 12enne ha fratture multiple ed in particolare una grave, quella della prima vertebra. I carabinieri della compagnia di Ischia, che indagano sull'accaduto, ipotizzano il tentato suicidio. I militari si sono recati stamane nella scuola frequentata dalla 12enne per ascoltare preside e professori. Non si esclude che le cause del tentato suicidio siano da ricercare all'interno del mondo scolastico o familiare. Dai carabinieri – coordinati dal tenente Andrea Centrella – si apprende che la ragazzina appartiene a una famiglia in buone condizioni economiche. La ragazzina, secondo quanto si è appreso, avrebbe avuto un litigio con la madre poco prima di cadere dal balcone. Le condizioni della 12enne rimangono gravi, ma secondo i medici non rischierebbe la vita. Dagli indizi finora raccolti dai carabinieri non emergono altri particolari sulle possibili cause del gesto. I militari hanno ascoltato insegnanti, compagni di classe e amichetti della ragazzina. (Il Mattino)