Scempio di Lecci e roverelle fra Monte Vico Alvano e Arola, si fan costosa legna da ardere ai nostri danni

0

Scempio di Lecci e roverelle fra Monte Vico Alvano e Arola, si fan costosa legna da ardere ai nostri danni. Legna di qualità costa sui 25 euro, questo è il metro per poter capire il valore economico degli alberi che sono di proprietà pubblica fra Monte Vico Alvano nel comune di Piano di Sorrento, maggiormente preso di mira, e Arola di Vico Equense. Arrivano qui, probabilmente con i muli, e capitozzano e scempiano Lecci e roverelle , facendo sia un furto che un danneggiamento al patrimonio boschivo, un costume diffuso in Penisola Sorrentina in alcune aree “terra di nessuno”, e molti stanno a guardare “Ci si concentra sulle multe e le strisce blu e non si pensa al nostro territorio”, ci dice un testimone “questo patrimonio boschivo ha un valore immenso e nessuno ne prende cura!”. A rischio anche Lecci e Querce secolari, oramai solo una decina rimasti sul posto. La Guardia Forestale ha poche persone per poter controllare il territorio, bisognerebbe aumentarne le forze , fra l’altro per accedere al Monte Vico Alvano si deve passare per forza nella proprietà privata del Castello Colonna, stranamente chiuso l’accesso pubblico alle spalle dello stesso, invitiamo chiunque , appena veda movimenti sospetti, a chiamare il 1515. Ricordatevi in quella zona non si può tagliare nulla ne prelevare alcunchè se non da personale autorizzato 

Scempio di Lecci e roverelle fra Monte Vico Alvano e Arola, si fan costosa legna da ardere ai nostri danni. Legna di qualità costa sui 25 euro, questo è il metro per poter capire il valore economico degli alberi che sono di proprietà pubblica fra Monte Vico Alvano nel comune di Piano di Sorrento, maggiormente preso di mira, e Arola di Vico Equense. Arrivano qui, probabilmente con i muli, e capitozzano e scempiano Lecci e roverelle , facendo sia un furto che un danneggiamento al patrimonio boschivo, un costume diffuso in Penisola Sorrentina in alcune aree "terra di nessuno", e molti stanno a guardare "Ci si concentra sulle multe e le strisce blu e non si pensa al nostro territorio", ci dice un testimone "questo patrimonio boschivo ha un valore immenso e nessuno ne prende cura!". A rischio anche Lecci e Querce secolari, oramai solo una decina rimasti sul posto. La Guardia Forestale ha poche persone per poter controllare il territorio, bisognerebbe aumentarne le forze , fra l'altro per accedere al Monte Vico Alvano si deve passare per forza nella proprietà privata del Castello Colonna, stranamente chiuso l'accesso pubblico alle spalle dello stesso, invitiamo chiunque , appena veda movimenti sospetti, a chiamare il 1515. Ricordatevi in quella zona non si può tagliare nulla ne prelevare alcunchè se non da personale autorizzato