Giovane Sorrento sconfitto, ma trema la capolista

0

Esce perdente ma a testa alta contro il Torrecuso

 

Redazione – La rivoluzione con la scappata di molti giocatori faceva prevedere che una gara contro la capolista sarebbe stata difficile da affrontare ma i giovani costieri hanno dato tutto facendo non poco tribolare la capolista.

Una gara prolifica di reti, con un Sorrento che nonostante con vari giovani in campo non si è fatto sottomettere dai rossoblu che hanno avuto vita facile fino ad un certo punto, visto che quando mancavano quindici minuti dal termine e con i locali in dieci, si poteva arrivare forse ad un risultato utile. Quello in cui c’è da demeritare nei rossoneri e che la mancanza di esperienza ha dato quel colpo specie nei metri finali, facendo si che qualche palla realizzabile fosse manda alle stelle, ma comunque da un lato non si poteva ottenete nulla di più. Una settimana, quella passata, che mister Pampa Sosa ha dovuto non poco ben coagulare in vista di una partita che sulla carta non si presentava facile. Il buon approccio, da un lato, c’è stato, vista la reazione che si è avuta dopo aver preso subitaneamente la prima rete e nonostante che se ne fosse sotto di tre, riuscendo a realizzare la seconda ed anche la terza, poi annullata per fuorigioco. Ora la palla passa al direttore Dionisio ed al direttore sportivo Marino per l’arrivo dei ‘rinforzi’.

GOALS – È stato un roboante 4-2 e poteva essere anche 4-3, la maggior parte delle reti sono realizzate nella prima parte. Ad aprire la sarabanda sono i rossoblu al 4’ con la testa di Perna che infila Lombardo su un cross dalla sinistra di Zerillo D. Ma i costieri non dormono ed anzi fanno svegliare l’estremo locale al 21’ con un gran tiro a giro dal limite dell’area di Caraccio che termina alle sue spalle. Il raddoppio torrecusano lo mette a segno l’esperto Galizia che sfruttando una disattenzione di Gabbiano folgora Lombardo dopo un cross dalla fascia destra di Zerillo D. Prima che scada il tempo per il momentaneo riposo ecco il terno locale con Zerillo D, oggi il migliore tra i suoi e spina nel fianco della difesa costiera, che lo realizza con un tap-in dopo un angolo di Wade con la torre di Galizia. Il senegalese ci mette lo zampino della quarta rete su una punizione al 4’ della ripresa con una sfera che si insacca all’incrocio, ma i sorrentini non demordono e portando ancora qualche brivido arrivano alla seconda rete al 20’ con un preciso diagonale di Majella su un assist di Caraccio e dopo aver superato Monti.   

LA GARA- Le emozioni non sono mancate e le due squadre hanno lottato quasi fino al novantesimo in una gara a viso aperto con delle belle trame anche in fase offensiva, con il Sorrento che anche schierando un 4-4-2 giovane, non si mai tirato indietro. E proprio i peninsulari si mettono subito in auge al 2’ con una palla di Polichetti che sorvola di poco la trasversale dopo un assist di Majella, oggi sua buona la partita. I torrecusani allora visto il pericolo cercano il raddoppio ma al 17’ Lombardo sventa miracolosamente la minaccia su Galizia, ben inquadrato da un lancio di Perna.

Passato il pericolo i sorrentini pareggiano e poi a loro volta cercano il raddoppio, ma la palla di Gabbiano da fuori area al 30’ va al lato. Dopo centoventi secondi il brivido lo da la punizione di Ricci che sfiora pericolosamente i legni della porta difesa dall’estremo rossonero. Il raddoppio locale innesca la reazione sorrentina al 41’ con un Esposito che ben imbeccato da Caraccio calcia debolmente mandando la palla larga di poco. E la prima parte si chiude con il tris rossoblu, mentre la quaterna apre la ripresa di una gara sempre aperta e vivace sotto tutti i vari punti. E lo si vede quando il tiro dai venti metri circa di Polichetti, al 9’, incoccia la traversa dopo un assist di Majella e la punizione, dopo centoventi secondi, di Veniero mette in moto D’Ambrosio che manda la sfera alle stelle. La partita è sempre vivace e nessuno abbassa la guardia, arriva la seconda rete costiera che poi al 23’ innesca Viscovo che da pochi metri calcia su Minichiello in uscita. I costieri potrebbero sfruttare l’uomo in più quando al 30’ viene espulso per doppia ammonizione Ricci, Simeri segna un gol regolarissimo ma è fermato per fuorigioco dubbio, poi sono i sanniti che vanno vicini alla quinta rete al 31’ con Aracri che però è neutralizzato da Lombardo. L’ultimo sussulto è dopo sessanta secondi con Viscovo che fa la barba al palo con la sua palla ben servita da Majella. Dopo di che, fino alla fine, la gara è andata scemando. Da domani è un altro giorno per iniziare un reinnesto sia di giocatori esperti che di qualche altro giovane ben promettente per una pronta risalita ed un sereno prosieguo della stagione.

NOVANTUNESIMO – Non c’è rabbia in casa rossonera in questa sconfitta con la capolista perché si è visto un Sorrento battagliero: “È stato un Sorrento battagliero nonostante qualche errore individuale –così parla a fine gara il direttore Dionisio-. Il 4-2 è un risultato bugiardo, perché  nonostante i giovani in campo, ai punti, il pareggio c’era tutto”. Forse questo lascia qualche pizzico di amaro in una partita raddolcita dalla prova di carattere che i costieri hanno espresso nonostante la defaillance di non avere più qualche giocatore esperto. Si diceva del pareggio che ci poteva stare “perché c’è stato anche annullato un gol che non era in fuorigioco e poi abbiamo colpito la traversa con Polichetti”. Ma drammi non se ne fanno perché “giocando così le partite le sconfitte si possono accettare”, con la promessa che dalla prossima settimana “arriveranno sia due difensori che un centrocampista”. Ed allora aspettando la gara in casa, sperando che la questione campo Italia venga definita al più presto, con l’Orlandina, si aspettano con una certa ansia i nuovi rinforzi e, perché no, sempre che non accada nulla, questo nuovo importante sponsor.

 

CAMPIONATO SERIE D 2014-15 – GIRONE I – 14^ GIORNATA

TORRECUSO – SORRENTO   4 – 2

Goal: 4’pt Perna (T), 21’pt Caraccio (S), 38’pt Galizia (T), 45’pt Zerillo D (T); 4’st Wade (T), 20’st Majella (S).

 

TORRECUSO (4-3-3): Minichiello; Di Maio (28’st Zerillo M), Pagano, Monti, Fabozzi; Ricci, Wade, Aracri; Zerillo D, Perna (30’st Furno), Galizia.

A disp: Errico, Pecora, Colarusso, D’Ascia, Varriale, Ferrara, Petrone.  Allen: Francesco Dellisanti.

SORRENTO (4-4-2): Lombardo; Ferraro, Caldore, Gabbiano, Schiavone (7’st Viscovo); Polichetti (23’st Simeri), D’Ambrosio, Visone (1’st Veniero), Esposito; Caraccio, Majella.

A disp: Olivieri, Buonomo, De Risi, Quinci, Di Somma, Carpenito.   Allen: Roberto Carlos Sosa.

Arbitro: Nicola De Tullio di Bari.

Assistenti: Paolo Laudato e Alessandro Pacifico di Taranto.

Espulsi: 30’st  Ricci (T) per doppia ammonizione.

Ammonti: Galizia (T), Ferraro (S), Simeri (S), Aracri (T). 

Note: giornata variabile e fredda; erba sintetica buona; gara giocata sul neutro ‘San Giacomo’ di Puglianello a porte chiuse per la squalifica del campo del Torrecuso

Angoli:  4-2 ;    Recupero:    1’ pt e 3’st.

 

                     Foto della partita tratte dalla pagina facebook dell’ASD Torrecuso Calcio

  

  

 

GIUSEPPE SPASIANO

 

Esce perdente ma a testa alta contro il Torrecuso

 

Redazione – La rivoluzione con la scappata di molti giocatori faceva prevedere che una gara contro la capolista sarebbe stata difficile da affrontare ma i giovani costieri hanno dato tutto facendo non poco tribolare la capolista.

Una gara prolifica di reti, con un Sorrento che nonostante con vari giovani in campo non si è fatto sottomettere dai rossoblu che hanno avuto vita facile fino ad un certo punto, visto che quando mancavano quindici minuti dal termine e con i locali in dieci, si poteva arrivare forse ad un risultato utile. Quello in cui c’è da demeritare nei rossoneri e che la mancanza di esperienza ha dato quel colpo specie nei metri finali, facendo si che qualche palla realizzabile fosse manda alle stelle, ma comunque da un lato non si poteva ottenete nulla di più. Una settimana, quella passata, che mister Pampa Sosa ha dovuto non poco ben coagulare in vista di una partita che sulla carta non si presentava facile. Il buon approccio, da un lato, c’è stato, vista la reazione che si è avuta dopo aver preso subitaneamente la prima rete e nonostante che se ne fosse sotto di tre, riuscendo a realizzare la seconda ed anche la terza, poi annullata per fuorigioco. Ora la palla passa al direttore Dionisio ed al direttore sportivo Marino per l’arrivo dei ‘rinforzi’.

GOALS – È stato un roboante 4-2 e poteva essere anche 4-3, la maggior parte delle reti sono realizzate nella prima parte. Ad aprire la sarabanda sono i rossoblu al 4’ con la testa di Perna che infila Lombardo su un cross dalla sinistra di Zerillo D. Ma i costieri non dormono ed anzi fanno svegliare l’estremo locale al 21’ con un gran tiro a giro dal limite dell’area di Caraccio che termina alle sue spalle. Il raddoppio torrecusano lo mette a segno l’esperto Galizia che sfruttando una disattenzione di Gabbiano folgora Lombardo dopo un cross dalla fascia destra di Zerillo D. Prima che scada il tempo per il momentaneo riposo ecco il terno locale con Zerillo D, oggi il migliore tra i suoi e spina nel fianco della difesa costiera, che lo realizza con un tap-in dopo un angolo di Wade con la torre di Galizia. Il senegalese ci mette lo zampino della quarta rete su una punizione al 4’ della ripresa con una sfera che si insacca all’incrocio, ma i sorrentini non demordono e portando ancora qualche brivido arrivano alla seconda rete al 20’ con un preciso diagonale di Majella su un assist di Caraccio e dopo aver superato Monti.   

LA GARA- Le emozioni non sono mancate e le due squadre hanno lottato quasi fino al novantesimo in una gara a viso aperto con delle belle trame anche in fase offensiva, con il Sorrento che anche schierando un 4-4-2 giovane, non si mai tirato indietro. E proprio i peninsulari si mettono subito in auge al 2’ con una palla di Polichetti che sorvola di poco la trasversale dopo un assist di Majella, oggi sua buona la partita. I torrecusani allora visto il pericolo cercano il raddoppio ma al 17’ Lombardo sventa miracolosamente la minaccia su Galizia, ben inquadrato da un lancio di Perna.

Passato il pericolo i sorrentini pareggiano e poi a loro volta cercano il raddoppio, ma la palla di Gabbiano da fuori area al 30’ va al lato. Dopo centoventi secondi il brivido lo da la punizione di Ricci che sfiora pericolosamente i legni della porta difesa dall’estremo rossonero. Il raddoppio locale innesca la reazione sorrentina al 41’ con un Esposito che ben imbeccato da Caraccio calcia debolmente mandando la palla larga di poco. E la prima parte si chiude con il tris rossoblu, mentre la quaterna apre la ripresa di una gara sempre aperta e vivace sotto tutti i vari punti. E lo si vede quando il tiro dai venti metri circa di Polichetti, al 9’, incoccia la traversa dopo un assist di Majella e la punizione, dopo centoventi secondi, di Veniero mette in moto D’Ambrosio che manda la sfera alle stelle. La partita è sempre vivace e nessuno abbassa la guardia, arriva la seconda rete costiera che poi al 23’ innesca Viscovo che da pochi metri calcia su Minichiello in uscita. I costieri potrebbero sfruttare l’uomo in più quando al 30’ viene espulso per doppia ammonizione Ricci, Simeri segna un gol regolarissimo ma è fermato per fuorigioco dubbio, poi sono i sanniti che vanno vicini alla quinta rete al 31’ con Aracri che però è neutralizzato da Lombardo. L’ultimo sussulto è dopo sessanta secondi con Viscovo che fa la barba al palo con la sua palla ben servita da Majella. Dopo di che, fino alla fine, la gara è andata scemando. Da domani è un altro giorno per iniziare un reinnesto sia di giocatori esperti che di qualche altro giovane ben promettente per una pronta risalita ed un sereno prosieguo della stagione.

NOVANTUNESIMO – Non c’è rabbia in casa rossonera in questa sconfitta con la capolista perché si è visto un Sorrento battagliero: “È stato un Sorrento battagliero nonostante qualche errore individuale –così parla a fine gara il direttore Dionisio-. Il 4-2 è un risultato bugiardo, perché  nonostante i giovani in campo, ai punti, il pareggio c’era tutto”. Forse questo lascia qualche pizzico di amaro in una partita raddolcita dalla prova di carattere che i costieri hanno espresso nonostante la defaillance di non avere più qualche giocatore esperto. Si diceva del pareggio che ci poteva stare “perché c’è stato anche annullato un gol che non era in fuorigioco e poi abbiamo colpito la traversa con Polichetti”. Ma drammi non se ne fanno perché “giocando così le partite le sconfitte si possono accettare”, con la promessa che dalla prossima settimana “arriveranno sia due difensori che un centrocampista”. Ed allora aspettando la gara in casa, sperando che la questione campo Italia venga definita al più presto, con l’Orlandina, si aspettano con una certa ansia i nuovi rinforzi e, perché no, sempre che non accada nulla, questo nuovo importante sponsor.

 

CAMPIONATO SERIE D 2014-15 – GIRONE I – 14^ GIORNATA

TORRECUSO – SORRENTO   4 – 2

Goal: 4’pt Perna (T), 21’pt Caraccio (S), 38’pt Galizia (T), 45’pt Zerillo D (T); 4’st Wade (T), 20’st Majella (S).

 

TORRECUSO (4-3-3): Minichiello; Di Maio (28’st Zerillo M), Pagano, Monti, Fabozzi; Ricci, Wade, Aracri; Zerillo D, Perna (30’st Furno), Galizia.

A disp: Errico, Pecora, Colarusso, D’Ascia, Varriale, Ferrara, Petrone.  Allen: Francesco Dellisanti.

SORRENTO (4-4-2): Lombardo; Ferraro, Caldore, Gabbiano, Schiavone (7’st Viscovo); Polichetti (23’st Simeri), D’Ambrosio, Visone (1’st Veniero), Esposito; Caraccio, Majella.

A disp: Olivieri, Buonomo, De Risi, Quinci, Di Somma, Carpenito.   Allen: Roberto Carlos Sosa.

Arbitro: Nicola De Tullio di Bari.

Assistenti: Paolo Laudato e Alessandro Pacifico di Taranto.

Espulsi: 30’st  Ricci (T) per doppia ammonizione.

Ammonti: Galizia (T), Ferraro (S), Simeri (S), Aracri (T). 

Note: giornata variabile e fredda; erba sintetica buona; gara giocata sul neutro ‘San Giacomo’ di Puglianello a porte chiuse per la squalifica del campo del Torrecuso

Angoli:  4-2 ;    Recupero:    1’ pt e 3’st.

 

                     Foto della partita tratte dalla pagina facebook dell'ASD Torrecuso Calcio

  

  

 

GIUSEPPE SPASIANO