A Vico Equense la chiesa più bella d’ Italia per sposarsi

0

La chiesa ideale dove sposarsi? Per “Marcopolo” non vi sono dubbi: la più bella è quella della Santissima Annunziata di Vico Equense. Sul sito della nota tv nazionale, specializzata in viaggi e nel raccontare i luoghi più belli nel mondo, si legge un articolo di Paolo Ruggeri, in cui viene stilata una top 10 dei santuari più belli d’Italia, ottimi per convolare a nozze. La Santissima Annunziata, ex vescovado della diocesi vicana fino al 1818, è uno dei pochi, preziosi esempi di architettura gotica campana nelle sue navate interne. La facciata esterna, ricostruita nel Settecento, è invece barocca. Impossibile non contemplarne la bellezza senza rapportarla al mare intorno. “Aggrappata ad uno sperone vicano – si legge nell’articolo di Marcopolo – la rosea chiesa si lascia incorniciare dal panorama del golfo di Napoli e della costiera sorrentina”. Spesso nelle giornate invernali, quando il suo belvedere a picco sulla Marina d’Equa è spazzato dal maestrale, salgono in alto profumi e cristalli di salsedine, che scorticano poeticamente le cornici dell’edificio da secoli Il Vescovado vicano fu edificato nel Trecento, sulle rovine dell’antichissimo tempio romano di Cibele. Nella top ten di Ruggeri c’è spazio ancora per altre due chiese campane. Dopo il secondo posto consegnato alla bellissima Cappella di Vitaleta nella Val d’Orcia in toscana, la medaglia di bronzo è infatti per Santa Maria del Soccorso a Forio d’Ischia. Nono posto invece per Santa Maria delle Grazie a Procida. (paolo de luca)

La chiesa ideale dove sposarsi? Per "Marcopolo" non vi sono dubbi: la più bella è quella della Santissima Annunziata di Vico Equense. Sul sito della nota tv nazionale, specializzata in viaggi e nel raccontare i luoghi più belli nel mondo, si legge un articolo di Paolo Ruggeri, in cui viene stilata una top 10 dei santuari più belli d'Italia, ottimi per convolare a nozze. La Santissima Annunziata, ex vescovado della diocesi vicana fino al 1818, è uno dei pochi, preziosi esempi di architettura gotica campana nelle sue navate interne. La facciata esterna, ricostruita nel Settecento, è invece barocca. Impossibile non contemplarne la bellezza senza rapportarla al mare intorno. "Aggrappata ad uno sperone vicano – si legge nell'articolo di Marcopolo – la rosea chiesa si lascia incorniciare dal panorama del golfo di Napoli e della costiera sorrentina". Spesso nelle giornate invernali, quando il suo belvedere a picco sulla Marina d'Equa è spazzato dal maestrale, salgono in alto profumi e cristalli di salsedine, che scorticano poeticamente le cornici dell'edificio da secoli Il Vescovado vicano fu edificato nel Trecento, sulle rovine dell'antichissimo tempio romano di Cibele. Nella top ten di Ruggeri c'è spazio ancora per altre due chiese campane. Dopo il secondo posto consegnato alla bellissima Cappella di Vitaleta nella Val d'Orcia in toscana, la medaglia di bronzo è infatti per Santa Maria del Soccorso a Forio d'Ischia. Nono posto invece per Santa Maria delle Grazie a Procida. (paolo de luca)

Lascia una risposta