Sorrento. Chiede l’allaccio, ma gli interventi cominciano in ritardo. Causa contro la Gori davanti al giudice di pace

0

Sorrento. Aveva richiesto l’allaccio alla rete idrica. Una domanda presentata da tempo e, a detta del diretto interessato, soddisfatta soltanto dopo tante istanze. E con notevole ritardo. Questione delicata, nonostante tutto, soprattutto per la vita quotidiana da trascorrere nel proprio appartamento. Ecco perché, adesso, ha deciso di andare all’attacco. E di trascinare direttamente in tribunale Gori, la società che gestisce le risorse idriche già al centro delle polemiche per la nota questione delle partite pregresse. E’ la vicenda che vede protagonista un residente di via Talagnano, zona collinare di Sorrento, che dopo il suo “inferno”, non ha esitato un istante a informare il proprio avvocato dell’intera faccenda: da qui la decisione di presentare un dettagliato ricorso contro Gori per il riconoscimento dei danni subiti. La discussione ci sarà dinanzi al giudice di pace di Sorrento nel corso delle prossime settimane e vedrà prendere parte alla causa anche il Comune che si è visto notificare nei giorni scorsi un atto di citazione bello corposo. L’amministrazione municipale di piazza Sant’Antonino ha provveduto in tempo a esaminare il fascicolo affidando l’incarico di rappresentanza legale all’avvocato Maurizio Pasetto, da tempo a disposizione dell’ufficio contenzioso. (José Astarita – Metropolis) 

Sorrento. Aveva richiesto l’allaccio alla rete idrica. Una domanda presentata da tempo e, a detta del diretto interessato, soddisfatta soltanto dopo tante istanze. E con notevole ritardo. Questione delicata, nonostante tutto, soprattutto per la vita quotidiana da trascorrere nel proprio appartamento. Ecco perché, adesso, ha deciso di andare all’attacco. E di trascinare direttamente in tribunale Gori, la società che gestisce le risorse idriche già al centro delle polemiche per la nota questione delle partite pregresse. E’ la vicenda che vede protagonista un residente di via Talagnano, zona collinare di Sorrento, che dopo il suo “inferno”, non ha esitato un istante a informare il proprio avvocato dell’intera faccenda: da qui la decisione di presentare un dettagliato ricorso contro Gori per il riconoscimento dei danni subiti. La discussione ci sarà dinanzi al giudice di pace di Sorrento nel corso delle prossime settimane e vedrà prendere parte alla causa anche il Comune che si è visto notificare nei giorni scorsi un atto di citazione bello corposo. L’amministrazione municipale di piazza Sant’Antonino ha provveduto in tempo a esaminare il fascicolo affidando l’incarico di rappresentanza legale all’avvocato Maurizio Pasetto, da tempo a disposizione dell’ufficio contenzioso. (José Astarita – Metropolis)